Igino Ugo Tarchetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Iginio Ugo Tarchetti)
Igino Ugo Tarchetti

Igino Ugo Tarchetti (San Salvatore Monferrato, 29 giugno 1839[1]Milano, 25 marzo 1869) è stato uno scrittore, poeta e giornalista italiano. Collaborò con le testate Rivista minima, Il giornale per tutti, La settimana illustrata, Il gazzettino rosa, Il pungolo, e tentò di lanciare senza successo un periodico proprio, il Piccolo giornale[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Igino Pietro Teodoro Tarchetti (Iginio è il nome con cui si firmava, mentre lo pseudonimo Ugo fu aggiunto a partire dal 1864, in omaggio a Foscolo)[3][4] nacque a San Salvatore Monferrato, vicino ad Alessandria, nel 1839.[1] Studiò a Casale e a Valenza, e si arruolò giovane nell'esercito, partecipando a varie campagne per la repressione del brigantaggio nel Sud Italia.[3] Descrizioni delle cronache del suo tempo ci descrivono Tarchetti come un giovane alto all'incirca un metro e ottantaquattro, con volto ovale, il naso diritto, gli occhi azzurri. Un bell'uomo, capace di provare e scatenare grandi passioni.[5]

Nel 1863 a Varese intrecciò una relazione sentimentale con Carlotta Ponti, testimoniata da varie lettere del suo epistolario. Trasferitosi a Milano l'anno successivo per motivi di salute, entrò in contatto con gli ambienti della Scapigliatura e strinse fraterna amicizia con Salvatore Farina. In questi anni compose e pubblicò lo scritto teorico Idee minime sul romanzo e il romanzo di scarso successo Paolina (entrambi usciti sulla Rivista minima nel 1865).[4]

Verso il mese di novembre del 1865 Tarchetti si trovava a Parma, ove aveva incarichi militari. Qui conobbe una donna, una certa Carolina (o forse Angiolina), parente di un suo superiore, malata di epilessia e prossima alla morte. Pur non essendo bella, questa suscitò subito un'attrazione da parte dello scrittore, forse per i grandissimi occhi neri e le trecce color ebano. Tarchetti stesso così la descrive: "Quell’infelice mi ama perdutamente… il medico mi disse che morrà fra sei o sette mesi, ciò mi lacera l'anima, vorrei consolarla e non ho il coraggio, vorrei abbellire d'una misera e fuggevole felicità i suoi ultimi giorni e v'ha la natura che mi respinge da lei".[6]

La relazione fra i due fu uno scandalo, e la donna fu forse di ispirazione per il personaggio di Fosca nell’omonimo romanzo (1869). Nel 1865 Tarchetti abbandonò la vita militare per problemi di salute, e si trasferì definitivamente a Milano. Qui trascorse i suoi ultimi anni, frequentando salotti culturali (come quello della contessa Clara Maffei)[4] e conducendo una frenetica attività letteraria, scrivendo articoli, romanzi, racconti e poesie.[7]

Malato di tisi, morì per una febbre tifoide nel 1869 in casa dell'amico Salvatore Farina, e fu sepolto al Cimitero Monumentale di Milano[4][5], successivamente trasferito al cimitero di San Salvatore Monferrato, ad Alessandria. La fine avvenne ben prima di quella della malata Carolina, che – si dice – gli sopravvisse e onorò la scomparsa del poeta il 1º novembre di ogni anno, mandando fiori alla sua lapide.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

« Scrivere per noi per rileggere, per ricordare in segreto, per piangere in segreto. Ecco perché scrivo [...] Io scrivo ora per me medesimo. »
(Fosca, cap. I)
Frontespizio dei Racconti fantastici, 1869

Tarchetti fu uno dei più importanti esponenti della Scapigliatura milanese. Anticonformista e tendente alla malinconia e alle fantasie macabre, ha lasciato diverse opere tra romanzi, racconti e poesie. Si tratta in certi casi di opere di critica sociale, spesso supportanti tesi antimilitariste, altre volte di racconti che presentano un certo gusto per il macabro, l’abnorme e il patologico, frutto in particolare della lettura delle opere di Poe e Hoffmann. Il suo capolavoro è però il romanzo Fosca, pubblicato postumo e terminato dall’amico Salvatore Farina.[8]

Ed. A Tedeschi XIX, parole di Iginio U. Tarchetti, musica di Francesco Paolo Frontini.

Romanzi, racconti, poesie[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolina. Mistero del coperto del Figini, romanzo di critica sociale pubblicato sulla Rivista minima dal 30-11-1865 al 31-1-1866, Milano 1867
  • Drammi di vita militare, poi pubblicato con il titolo di Una nobile follia, romanzo antimilitarista pubblicato in Il sole dal 12-11-1866 al 27-3-1867, Milano 1869
  • Storia di una gamba, racconto lungo sul tema della morte, Milano 1869
  • Amore nell'arte, tre racconti dedicati ai temi dell'arte, della musica e dell'amore, Milano 1869
  • L’innamorato della montagna. Impressioni di un viaggio, Milano 1869
  • Fosca, pubblicato sul Pungolo dal 21-2-1869 al 6-4-1869, poi in volume, Milano 1869 (romanzo incompiuto portato a termine da Salvatore Farina)
  • Racconti fantastici, Milano 1869
  • Racconti umoristici, Milano 1869
  • Disjecta,[9] raccolta postuma di poesie curata da Domenico Milelli, Bologna 1879

Scritti teorici[modifica | modifica wikitesto]

  • Idee minime sul romanzo, pubblicato su Rivista minima del 31-10-1865

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • L'amico comune (Our mutual friend) di Charles Dickens, Milano 1868 (prima traduzione italiana)

Romanze[modifica | modifica wikitesto]

Omaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il poeta e scrittore Emilio Praga compose in suo onore la poesia Sulla tomba di I.U. Tarchetti (1871).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La data di nascita è stata stabilita con certezza dallo studioso Giuseppe De Giovanni, dopo che in molti l'avevano posticipata al 1841. Cfr. E. Ghidetti, Tarchetti e la Scapigliatura lombarda, Libreria Scientifica Editrice, Napoli 1968, p. 48.
  2. ^ Tarchetti sul sito Officinae.net.
  3. ^ a b L. Spalanca, Vita e opere di Igino Ugo Tarchetti in: I.U. Tarchetti, Una nobile follia, a cura di L. Spalanca, Giorgio Pozzi, Ravenna 2009, p. 24.
  4. ^ a b c d Cfr. la Notizia bio-bibliografica a cura di R. Carnero per: I.U. Tarchetti, Una nobile follia, Oscar Mondadori, Milano 2004, pp. XXVII-XXVIII.
  5. ^ a b Scheda dedicata a Tarchetti sul sito Letteratura al femminile.
  6. ^ Tarchetti sul sito Oblique.
  7. ^ Biografia di Tarchetti su Liber Liber.
  8. ^ G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, Dal testo alla storia, dalla storia al testo, Paravia 2000, vol. 3/1 (La Scapigliatura, il Verismo, il Decadentismo), p. 24.
  9. ^ Audiolettura di due poesie
  10. ^ De Andrè e Tarchetti

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Tutte le opere, a cura di E. Ghidetti, Libreria Scientifica Editrice, Napoli 1968
  • Paolina. Misteri del Coperto dei Figini, appendice: Idee minime sul romanzo, Mursia, Milano 1994 ISBN 9788842517009
  • Una nobile follia, a cura di R. Carnero, Oscar Mondadori, Milano 2004
  • Amore nell'arte, Lindau, Torino 2002
  • L'innamorato della montagna, Osanna Edizioni, Venosa 1994
  • Fosca, Oscar Mondadori, Milano 2002

Saggi critici[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Ghidetti, Tarchetti e la Scapigliatura lombarda, Libreria Scientifica Editrice, Napoli 1968
  • Angelo Mangini, La voluttà crudele. Fantastico e malinconia nell'opera di Igino Ugo Tarchetti, Carocci, Roma 2000
  • Manuela Mura, Pratiche intertestuali. Influssi inglesi nell'opera di Igino Ugo Tarchetti, Bulzoni, Roma 2008
  • Giovanna Rosa, La narrativa degli scapigliati, Laterza, Bari 1997
  • Nicoletta Pireddu, “Poe spoetizzato: l’esotismo tarchettiano,” in Fantastico Poe, a cura di by R. Cagliero (Ombre Corte, 2004): 157-176.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 34557152 LCCN: n79063355 SBN: IT\ICCU\CFIV\093555