If You Had My Love

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
If You Had My Love
Ifiuedmailav.png
Screenshot del video
Artista Jennifer Lopez
Tipo album Singolo
Pubblicazione 4 maggio 1999
Durata 4 min : 25 s
Album di provenienza On the 6
Genere Contemporary R&B
Dance
Etichetta Epic Records
Produttore Darkchild
Registrazione 1999
Formati CD
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[1]
(Vendite: 200.000+)
Dischi d'oro Francia Francia[2]
(Vendite: 321.000+)
Svizzera Svizzera[3]
(Vendite: 15.000+)
Dischi di platino Belgio Belgio[4]
(Vendite: 30.000+)
Canada Canada[5]
(Vendite: 80.000+)
Danimarca Danimarca[6]
(Vendite: 30.000+)
Grecia Grecia[7]
(Vendite: 6.000+)[8]
Germania Germania[9]
(Vendite: 300.000+)
Messico Messico[10]
(Vendite: 60.000+)
Spagna Spagna[11]
(Vendite: 40.000+)
Stati Uniti Stati Uniti[12]
(Vendite: 1.000.000+)
Australia Australia (2)[13]
(Vendite: 140.000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[14] (2)
(Vendite: 30.000+)
Jennifer Lopez - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo
(1999)

"If You Had My Love" è il primo singolo estratto dall'album di debutto dell'attrice Jennifer Lopez, On the 6. Pubblicato nel 1999, il singolo ha raggiunto la posizione numero uno negli Stati Uniti, diventando il suo primo successo, e ottenendo il medesimo risultato in molti altri paesi, tra cui Canada, Australia, Nuova Zelanda, Olanda e Messico. Il brano è stato scritto da Rodney "Darkchild" Jerkins, Fred Jerkins III, Cory Rooney, e LaShawn Daniels e prodotto da Rodney Jerkins.

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Il video per "If You Had My Love", diretto da Paul Hunter nell'aprile 1999, è stato presentato dall'artista stessa in anteprima mondiale a TRL Usa. Il videoclip comincia con un uomo (Adam Rodriguez) davanti al suo computer. L'uomo collegato in internet si collega con il sito "Jennifer Lopez Online", dove cliccando sui vari collegamenti la cantante, ripresa da diverse webcam, si comporta di conseguenza. Quindi la si vede ballare quando viene premuto il tasto "dance", oppure nuda sotto la doccia quando viene premuto il tasto "shower" ecc. Jennifer viene spiata anche da altri utenti, tra cui una bambina grassottella che cerca di imitare i suoi passi di danza, due ragazze che criticano il suo aspetto e le sue performance, e due meccanici che, presi dalle immagini della doccia, lasciano andare a fuoco il motore di un'automobile. In una scena il computer viene gettato in una piscina, e un ragazzo con pinne e mascherina si immerge pur di continuare a seguire le immagini della cantante. È stata girata anche una scena in un locale notturno con tanto di dj e break dancer, pieno di schermi sui quali sono proiettate le immagini della cantante. Dopo il terzo ritornello è presente un intermezzo strumentale, non presente nella versione originale del brano, in cui Jennifer si esibisce in 3 tipi diversi di danza: jazz, house (in cui indossa pantaloni e t-shirt hip hop) e latin soul. L'atmosfera del video è decisamente voyeuristica, grazie soprattutto ai protagonisti che guardano la star anelandola, e ad Adam Rodriguez che inizia a toccarsi durante la scena della doccia.

L'idea di usare il sito ufficiale della Lopez come base per il video è stata di P. Diddy; la cantante stessa ha affermato in un'intervista apparsa sul DVD Feelin' So Good che essendo il primo video della sua carriera sarebbe dovuto essere formidabile, ma che né lei né nessuno del suo staff aveva un'idea originale in proposito. Il dilemma è stato risolto proprio da Diddy. Il video è costato più di 600.000 dollari, un'enormità se si considera che è il primo video di un artista al suo debutto; la casa discografica ha investito sulla popolarità che Lopez aveva già nel mondo del cinema come attrice. Il video ha ricevuto quattro nomination all'MTV Video Music Awards del 1999: "Best Female Video", "Best Dance Video", "Best Pop Video", and "Best Breakthrough Video". Il look della Lopez in questo video appare decisamente diverso a quello a cui il pubblico era abituato: per la prima volta l'attrice appare con capelli biondo scuri, liscissimi e lunghi; il trucco è abbastanza neutro, e l'abbigliamento è sexy ma molto comodo, con tute larghe bianche e bikini; sono molto curati i dettagli, dagli occhiali da sole blu a goccia, ai bracciali multipli argentati, agli orecchini a cerchio.

Ricezione[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo è diventato in poco tempo uno dei tormentoni dell'estate del 1999 e uno dei pezzi più famosi della cantante in tutto il mondo. È arrivato al numero 1 di molte classifiche di Billboard, compresa la Hot 100, dove è rimasto per 4 settimane consecutive tra il 12 giugno e il 10 luglio per poi lasciare il posto a Bills, Bills, Bills delle Destiny's Child. In Australia è entrato al numero 11 per poi raggiungere la vetta nella sua terza settimana di presenza, rimanendovi per 3 settimane. In Nuova Zelanda ha debuttato addirittura alla prima posizione, rimanendo 12 settimane nella top40. Il singolo è arrivato al numero 1 anche in Canada, Olanda e Finlandia. Laddove non è arrivato in cima alle classifiche, il singolo ha comunque raggiunto posizioni alte. In Italia, Francia e Regno Unito è arrivato al numero 4. In Svizzera ha raggiunto la quinta posizione, dove è rimasto per 7 settimane non consecutive, spendendo ben 15 settimane solo nella top20.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  • CD single
  1. "If You Had My Love" (Pablo Flores Remix)
  2. "If You Had My Love" (Radio Edit)
  3. "If You Had My Love" (Dark Child Remix numero 1)
  4. "If You Had My Love" (Master Mix)
  5. "If You Had My Love" (Dark Child Remix numero 2)
  • CD maxi single
  1. "If You Had My Love" (Radio Edit)
  2. "If You Had My Love" (Pablo Flores Remix Edit)
  3. "If You Had My Love" (Dark Child Remix Edit)
  4. "If You Had My Love" (Pablo Flores Remix)
  5. "If You Had My Love" (Dark Child Extended)
  6. "No Me Ames" (Tropical Remix) (duet with Marc Anthony)
  • CD/Cassette Promo single
  1. "If You Had My Love"
  2. "No Me Ames" (Tropical Remix) (duet with Marc Anthony)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]


Classifica (1999) Posizione
massima
Australia[15] 1
Austria[16] 13
Belgio (Fiandre)[17] 9
Belgio (Vallonia)[18] 3
Canada[19] 1
Paesi Bassi[20] 2
Danimarca[21] 1
Finlandia[22] 1
Francia[23] 4
Germania[24] 5
Irlanda[25] 8
Nuova Zelanda[26] 1
Norvegia[27] 7
Svezia[28] 9
Svizzera[29] 5
Regno Unito[30] 4
Stati Uniti[31] 1


Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1999) Posizione
Australia[32] 16
Stati Uniti[33] 12

Classifiche decennali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1990–99) Posizione
Stati Uniti[34] 46

|}

Predecessore Primo posto nella Billboard Hot 100 Stati Uniti Successore G-clef.svg
Livin' la Vida Loca - Ricky Martin 12 giugno 1999 Bills, Bills, Bills - Destiny's Child

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Certified Awards
  2. ^ InfoDisc : Les Certifications (Singles) du SNEP (Bilan par Artiste)
  3. ^ Swiss Certifications – Awards 1999 in International Federation of the Phonographic Industry, swisscharts.com. URL consultato il 19 aprile 2009.
  4. ^ http://www.ultratop.be/nl/certifications.asp?year=2012
  5. ^ http://www.musiccanada.com/GPSearchResult.aspx?st=Dance+Again&sa=Jennifer+Lopez&smt=0
  6. ^ Certificeringer | ifpi.dk
  7. ^ Internet Archive Wayback Machine
  8. ^ https://www.facebook.com/photo.php?pid=91320612&l=d58d037b75&id=137893056237058
  9. ^ Bundesverband Musikindustrie: Gold-/Platin-Datenbank
  10. ^ http://www.facebook.com/photo.php?fbid=10151116919302861&set=a.10150306928837861.343803.22320727860&type=1&theater
  11. ^ http://www.promusicae.org/files/listastonos/top%2050%20canciones%20(publicar)_w29.2012.pdf
  12. ^ RIAA – Gold & Platinum in Recording Industry Association of America, 2 giugno 1999. URL consultato il 19 aprile 2009.
  13. ^ ARIA Charts – Accreditations – 1999 Singles in Australian Recording Industry Association. URL consultato il 22 settembre 2011.
  14. ^ http://rianz.org.nz/rianz/oldchart.asp?chartNum=1784&chartKind=S
  15. ^ (EN) australian-charts.com - Jennifer Lopez - If You Had My Love. URL consultato il 18 marzo 2013.
  16. ^ (DE) austriancharts.at - Jennifer Lopez - If You Had My Love. URL consultato il 18 marzo 2013.
  17. ^ (DE) ultratop.be - Jennifer Lopez - If You Had My Love. URL consultato il 18 marzo 2013.
  18. ^ (FR) ultratop.be - Jennifer Lopez - If You Had My Love. URL consultato il 18 marzo 2013.
  19. ^ (EN) Paul Tuch, LADY GAGA SCORES SECOND NO. 1 ALBUM. URL consultato il 18 marzo 2013.
  20. ^ (NL) dutchchart.nl - Jennifer Lopez - If You Had My Love. URL consultato il 18 marzo 2013.
  21. ^ (EN) http://books.google.ca/books?id=mggEAAAAMBAJ&q=hits+of+the+world#v=snippet&q=hits%20of%20the%20world&f=false. URL consultato il 18 marzo 2013.
  22. ^ (EN) finnishcharts.com - Jennifer Lopez - If You Had My Love. URL consultato il 18 marzo 2013.
  23. ^ (FR) lescharts.com - Jennifer Lopez - If You Had My Love. URL consultato il 18 marzo 2013.
  24. ^ (EN) charts.de - Jennifer Lopez - If You Had My Love. URL consultato il 18 marzo 2013.
  25. ^ (EN) The Irish Charts - Jennifer Lopez - If You Had My Love. URL consultato il 18 marzo 2013.
  26. ^ (EN) charts.org.nz - Jennifer Lopez - If You Had My Love. URL consultato il 18 marzo 2013.
  27. ^ (EN) norwegiancharts.com - Jennifer Lopez - If You Had My Love. URL consultato il 18 marzo 2013.
  28. ^ (EN) swedishcharts.com - Jennifer Lopez - If You Had My Love. URL consultato il 18 marzo 2013.
  29. ^ (EN) swisscharts.com - Jennifer Lopez - If You Had My Love. URL consultato il 18 marzo 2013.
  30. ^ (EN) chartstats - Jennifer Lopez - If You Had My Love. URL consultato il 18 marzo 2013.
  31. ^ (EN) Jennifer Lopez - Chart History. URL consultato il 18 marzo 2013.
  32. ^ (EN) ARIA Charts - End of Year Charts - Top 100 Singles 1999, Aria.com.au. URL consultato il 18 marzo 2013.
  33. ^ (EN) Billboard Top 100 – 1999 in Billboard, Longbored Surfer. URL consultato il 18 marzo 2013.
  34. ^ Geoff Mayfield, 1999 The Year in Music Totally '90s: Diary of a Decade — The listing of Top Pop Albums of the '90s & Hot 100 Singles of the '90s, Billboard, 25 dicembre 1999. URL consultato il 15 ottobre 2010.
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica