Idrogenodifluoruro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Modello di struttura space-filling per l'anione idrogenodifluoruro.

Lo ione idrogenodifluoruro, rappresentato come [HF2]-, può essere considerato il risultato dell'unione di una molecola di acido fluoridrico HF con uno ione fluoruro F- legato tramite legame idrogeno. Evidenziando tale legame, si usa la notazione [F-H···F]-. Il particolare legame idrogeno implicato è molto forte, il fluoro è un atomo piccolo ed estremamente elettronegativo, e possiede un elevato carattere covalente con i due legami F-H che hanno medesima distanza di 114 pm.[1]

Alcuni idrogenodifluoruri sono dei sali stabili e abbastanza comuni, tra i quali spiccano l'idrogenodifluoruro di potassio KHF2, l'idrogenodifluoruro di sodio NaHF2 e l'idrogenodifluoruro di ammonio [NH4][HF2].

Gli idrogenodifluoruri (comunemente detti bifluoruri) vengono considerati come dei vettori di acido fluoridrico, infatti quando vengono riscaldati (150-400 °C) tendono a liberare HF secondo la reazione di equilibrio:

NaHF2 ⇌ NaF + HF

Questi composti possono essere considerati come il prodotto di una reazione acido-base tra l'acido fluoridrico dimero, molecola che si forma in fase gassosa a seguito dell'instaurarsi dei legami idrogeno tra due molecole di HF, e una base. Ad esempio, nel caso di KHF2:

KOH + H2F2 → KHF2 + H2O

Autodissociazione dell'acido fluoridrico[modifica | modifica sorgente]

L'acido fluoridrico puro in fase gassosa subisce, in un processo simile all'autoionizzazione dell'acqua, la seguente autodissociazione:

3 HF ⇌ [H2F]+ + [HF2]

che in pratica consiste nella formazione degli ioni H+ e F- ciascuno solvatato da una molecola di HF.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ N.N. Greenwood, A. Earnshaw Chemistry of the Elements, 2nd Edition, Oxford: Butterworth-Heinemann (1997).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia