Idrofono

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Immagine di un idrofono.

Un Idrofono (dal greco hydro = acqua e phone = suono) è un microfono progettato per essere utilizzato sott'acqua o per ascoltare suoni provenienti dall'acustica sottomarina.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte degli idrofoni sono composti da un trasduttore piezoelettrico che produce energia elettrica ogni qual volta subisce un mutamento di pressione. Alcuni materiali piezoelettrici, o trasduttori, possono convertire un suono in un segnale elettrico in quanto il suono altro non è che un mutamento di pressione in un fluido. Alcuni trasduttori possono anche essere utilizzati come emettitori ma non tutti possono avere questa peculiarità in quanto possono essere letteralmente distrutti se usati a questo scopo.

Un idrofono è in realtà in grado di registrare suoni anche nell'aria, ma sarà in ogni caso meno sensibile nel registrare il segnale acustico a causa del fatto che la sua impedenza acustica è maggiormente adatta ad un ambiente liquido, più denso dell'aria. Sarebbe come mettere un microfono normale sottoterra o immerso nell'acqua in un contenitore impermeabile, esso registrerebbe in ogni caso il suono, ma con caratteristiche molto scarse dovute alla sua diversa impedenza acustica non adatta all'acqua.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Il primo utilizzo di un idrofono risale ai tempi della prima guerra mondiale, quando i convogli di navi alleate utilizzavano questi dispositivi per avvertire in tempo utile le incursioni degli U-Boot tedeschi. Attualmente essi sono degli strumenti molto utili per lo studio dei grandi cetacei marini. L'idrofono viene spesso chiamato anche sonar di ricerca passiva.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]