Idolomantis diabolica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Idolomantis diabolica
Idolomantis diabolica-subadult female.JPG
Idolomantis diabolica
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Exopterygota
Subcoorte Neoptera
Superordine Polyneoptera
Sezione Blattoidea
Ordine Mantodea
Famiglia Empusidae
Sottofamiglia Blepharodinae
Genere Idolomantis
Uvarov, 1940
Specie I. diabolica
Nomenclatura binomiale
Idolomantis diabolica
(Saussure, 1869)
Sinonimi

Idolomantis diabolicum
(Saussure, 1869)
Idolomantis diabroticum
(Shelford, 1903)
Idolum diabroticum
Shelford, 1903

Idolomantis diabolica (Saussure, 1869) è un insetto mantoideo appartenente alla famiglia Empusidae, unica specie del genere Idolomantis Uvarov, 1940.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Corpo abbastanza esile, pronoto con ampie espansioni laterali frastagliate. Coxe anteriori espanse e tinte di viola e bianco. Capo con ridotta apofisi cefalica triangolare. Le antenne del maschio sono lunghe e bipettinate. La colorazione varia dal verde acceso al beige. Le ali sono assai sviluppate e permettono il volo ad entrambi i sessi. Le neanidi al I stadio sono imitatrici batesiane di formiche per via della colorazione nera lucente (mirmecomorfismo).[senza fonte]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La specie è distribuita in Africa centro-orientale, in praterie e aree semi-desertiche.

Sinonimi[modifica | modifica sorgente]

  • Idolomantis diabolicum (Saussure, 1869)
  • Idolomantis diabroticum (Shelford, 1903)
  • Idolum diabroticum Shelford, 1903

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Otte D., Spearman L. e Stiewe M.B.D, Idolomantis diabolica in Mantodea Species File (Version 1.0/4.1). URL consultato l'8 dicembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]