Ideal Toy Company

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ideal Toy Company
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Fondazione 1907 a New York
Fondata da Morris Michtom e Rose Michtom
Chiusura 1987
Sede principale New York
Prodotti giocattoli

Ideal Toy Company, è stata una azienda di giocattoli fondata, con il nome di Ideal Novelty and Toy Company, a New York nel 1907 da Morris e Rose Michtom. Dal 1984, in seguito a un passaggio di proprietà alla Viewmaster International, diviene View-Master Ideal Group.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Orsacchiotto e View-Master.

Nel 1903 i coniugi Michtom furono i primi a commercializzare l'orsacchiotto di stoffa, divenuto popolare in seguito alle vignette del disegnatore satirico Clifford K. Berryman, popolate di orsacchiotti, in riferimento ad un celebre episodio intercorso al presidente Theodore Roosevelt, soprannominato "Teddy". Esposero infatti l'orsacchiotto con il nome "Teddy Bear" nella vetrina del proprio negozio nel New Jersey affermando di aver avuto il permesso di utilizzare quel nome dal presidente stesso. Nel 1907 fondarono così la Ideal Novelty and Toy Company che, nel 1938 mutò il proprio nome in Ideal Toy Company.[senza fonte]

La Ideal iniziò a fabbricare bambole nel 1907. La loro prima bambola fu "Yellow Kid", ispirata al fumetto omonimo di Richard Felton Outcault. In seguito venne realizzata una linea di bambolotti e di altre bambole quali Naughty Marietta, ispirata all'operatta ominima di Victor Herbert, e Admiral Dot. La Ideal reclamizzava le proprie bambole, realizzate in materiale composito di segatura e colla, come infrangibili. La Ideal produsse oltre 200 tipi di bambole durante l'era di diffusione di questo materiale.[1]

Durante il "Baby Boom", la Ideal divenne la più grossa compagnia che fabbricava bambole negli Stati Uniti e iniziò a venderne su licenza anche in Canada, Australia e Regno Unito. Tra le bambole più celebri prodotte dalla Ideal c'erano Betsy Wetsy, Toni, Saucy Walker, Shirley Temple, Miss Revlon, Patti Playpal, Tammy, Thumbelina e Crissy.[1]

Nel 1982 la compagnia venne venduta alla CBS Toy Company, che a sua volta cedette il marchio Ideal alla Viewmaster International nel 1987, che rinominò sé stessa View-Master Ideal. La stessa venne più tardi acquistata dalla Tyco Toys, Inc. di Mt. Laurel, che aveva sede nel New Jersey. La linea Idea rimase parte della Tyco finché questa non venne fusa con la Mattel nel 1997, che trasferì il marchio View-Master alla sussidiaria Fisher-Price. La parte britannica dell'azienda venne invece acquisita dalla Hasbro, che distribuì i giochi Mouse Trap e KerPlunk sotto il proprio marchio MB Giochi. Altri marchi e giocattoli originalmente della Ideal, continuarono a venir prodotti dalla Mattel, quali ad esempio il Cubo di Rubik e il Magic 8 ball.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Judith Izen Collector's Guide to Ideal Dolls: Identification and Value Guide, 3rd Edition. Collector's Books, 2

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende