Ibrahim Bey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ibrahim Bey (vero nome Shinjikashvili) (Martkopi, 17351817) fu un ufficiale mamelucco, comandante militare e governatore dell'Egitto per conto del Sultano ottomano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato nel piccolo villaggio di Martkopi, presso Tbilisi, venne ancora giovane catturato da ottomani nel quadro della loro peculiare istituzione del devshirme, venendo chiamato col nome di Ibrahim, che aveva il suo padrone.

Passò quindi al servizio del governatore dell'Egitto di quel tempo il quale, per la sua lealtà espressa nel suo servizio, lo liberò concedendogli piena autorità sul Cairo. Quando il suo padrone morì egli di fatti ne occupò il posto con Murad Bey.

Durante la campagna d'Egitto, nella battaglia delle Piramidi venne sconfitto dal generale Napoleone Bonaparte, mentre nella battaglia di Heliopolis venne battuto dal generale Jean-Baptiste Kléber che aveva sostituito il generale Bonaparte al comando del corpo di spedizione francese. Questo accantonò definitivamente la sua figura politica ed egli rimase nell'ombra sino alla propria morte giunta nel 1817, essendo sopravvissuto anche al massacro dei neo-Mamelucchi operato da Muhammad Ali nel 1811.