Iberismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Posizione di Portogallo e Spagna in Europa

L'Iberismo, federalismo iberico o pan-iberismo (in spagnolo, basco, portoghese e galiziano iberismo, in catalano iberisme) è un'ideologia politica sviluppata all'inizio del XX secolo che supporta l'unione politica di Spagna e Portogallo e la creazione di un'unica nazione della penisola iberica. Tale pensiero è stato promosso soprattutto dai movimenti socialisti e repubblicani di entrambi i paesi.

Contesto e precursori[modifica | modifica wikitesto]

Portogallo e Spagna condividono una storia in comune, la lingua spagnola e la lingua portoghese sono entrambe lingue romanze ed hanno influenzato entrambi i paesi con etnie e culture simili.

Il portoghese divenne una lingua indipendente dal medievale galiziano-portoghese quando la Contea del Portogallo si separò dal Regno di Galizia diventando Regno del Portogallo. D'altra parte la lingua galiziana fu sempre più influenzata dalla lingua castigliana fino alla sua incorporazione sotto la Corona castigliana come un reame dipendente dal Regno di León.

Le identità moderne di Spagna e Portogallo risalgono all'esperienza della Reconquista. Nel 1512 Ferdinando II d'Aragona conquistò il Regno di Navarra e pose finalmente tutti i territori spagnoli sotto un'unica autorità sovrana. Tuttavia il Portogallo rimase un regno indipendente in competizione coloniale con la Spagna (Castiglia), e per evitare conflitti il Trattato di Tordesillas divise gli emisferi d'influenza spagnola e portoghese.

A seguito della scomparsa di Sebastiano I del Portogallo nella battaglia di Alcácer Quibir, Filippo II di Spagna mobilitò le truppe castigliane per far valere i suoi diritti dinastici sul pretendente rivale. Il poeta nazionale del Portogallo Luís de Camões, oppositore a Filippo II, ne scrisse tuttavia alcuni sonetti in spagnolo (il bilinguismo era allora comune).

Nel 1581 Filippo divenne Filippo I del Portogallo unendo le due corone con l'impero più esteso della storia fino a quel momento. Gli Asburgo di Spagna stabilirono che l'unione dei due regni sarebbe stata chiamata Unione Iberica. Nel 1640 il duca di Bragança, sostenuto dal cardinale Richelieu di Francia, guidò una ribellione anti-spagnola che lo portò a staccare il paese dalla Corona castigliana e a proclamarsi Giovanni IV del Portogallo; la città nordafricana di Ceuta decise di rimanere sotto la monarchia spagnola.

Nel 1801 la città portoghese di Olivença fu occupata dalla Spagna e passò sotto la sua sovranità col nome di Olivenza, ed è rivendicata da allora come territorio portoghese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu José Marchena che, nel XIX secolo, diede un tono progressista, repubblicano e federalista alla dottrina ne l'Avis aux espagnoles. Nel Triennio Liberale (1820-1823) le organizzazioni segrete liberali cercarono di diffondere l'iberismo per creare sette repubbliche confederate, cinque in Spagna e due nella Lusitania Ulteriore e Citeriore in Portogallo. Nel tardo Sessennio il movimento raggiunse il suo apogeo. Dopo l'assassinio del generale Juan Prim, durante la Prima repubblica spagnola (1873-1874), sembrò il momento giusto per avviare un'unione federale iberica.

Nel XX secolo, l'Iberismo si diffuse in alcune ideologie e correnti di sinistra come nell'anarchica Federación Anarquista Ibérica e nella Federación Ibérica de Juventudes Libertarias.

Le successive dittature nazionaliste del Portogallo di Salazar e della Spagna franchista condivisero molte analogie politiche e un certo sostegno reciproco, ma respinsero l'ideologia iberista.

Attualmente nessun partito presente nei parlamenti di entrambe le nazioni ha come obiettivo l'iberismo anche se entrambe hanno aderito alla Comunità Economica Europea nel 1986 e le frontiere tra i due paesi sono aperte da allora. Il partito spagnolo Izquierda Republicana, attualmente senza rappresentanza in parlamento, difende il 'Federalismo Iberico' come alternativa politica.

Alcuni gruppi ufficiali portoghesi e spagnoli difendono l'Iberismo. Un sondaggio del 2006 ha mostrato che solo il 28% dei portoghesi pensava che Spagna e Portogallo dovessero essere una sola nazione; il 42% di questi avrebbe scelto come capitale Madrid contro il 41% che avrebbe scelto Lisbona. Il 96,5% ha pensato che l'economia portoghese se la sarebbe cavata meglio in un'unione con la Spagna, e più della metà avrebbe accettato Juan Carlos I di Spagna come capo di stato. Un sondaggio simile in Spagna ha dimostrato che il 45,7% degli spagnoli ritenne che Portogallo e Spagna avrebbero dovuto unirsi; questo sostegno risultò particolarmente elevato tra i cittadini più giovani (tra i 18 e i 24 anni) e nelle comunità di confine tra i due paesi. In Spagna solo il 3,3% avrebbe preferito Lisbona come capitale contro l'80% che avrebbe scelto Madrid. Il 43,4% ha pensato che un paese iberico unito dovrebbe essere conosciuto come "Spagna" contro il 39,4% che preferirebbe il nome "Iberia". Da un nuovo sondaggio condotto nel 2011 è emerso che il 39,8% degli spagnoli e il 46,1% dei portoghesi hanno sostenuto la creazione di una federazione dei due paesi.

politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica