Iato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Con il termine iato (dal latino hiatus, "apertura") si indica un fenomeno linguistico che consiste nel dividere tra due sillabe due vocali (o meglio: due vocoidi) che altrimenti farebbero parte della stessa sillaba, vocali quindi che vengono accostate e pronunciate con due emissioni di voce.

Pronuncia[modifica | modifica wikitesto]

La pronuncia tradizionale di "iato" è /i'ato/, trisillabo (i-à-to)[1]. Tuttavia la questione è controversa. Ugo Foscolo scriveva "il iato", Giosuè Carducci "gli iati"[2]. Il latinista Alfonso Traìna è per la pronuncia trisillaba, Luciano Canepàri preferisce quella bisillaba /'jato/[3].

La pronuncia oggi prevalente, lo iato /lo'jato/, non contiene iato bensì un suo opposto, il cosiddetto "dittongo ascendente", la sequenza di una consonante approssimante /j/ e di una vocale /a/, al contrario della pronuncia tradizionale l'iato /li'ato/ che contiene un vero iato.

Tipi di iato in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Con iato nella grammatica italiana si intendono due fenomeni letteralmente distinti.

In primo luogo, si considera tradizionalmente iato l'incontro di due vocali "forti" /e, ɛ, a, ɔ, o/, con l'accento sulla prima vocale; in secondo luogo si considera iato l'incontro di due vocali "forti" con l'accento sulla seconda, oppure l'incontro di una vocale forte con una debole, la quale è però accentata.

Ogni lista ha delle restrizioni date all'inizio: a parte queste, non tutte le possibilità d'incontro sono attualmente realizzate nella lingua italiana; non si considerano pertinenti le parole dialettali né le interiezioni.

Nessi vocalici "forti"[modifica | modifica wikitesto]

  • /aa/ come in Nausicaa
  • /ae/ come in aeroplano
  • /ao/ come in aoristo
  • /ea/ come in Beatitudine
  • /eo/ come in leonino
  • /oa/ come in coacervo
  • /oe/ come in coesione
  • /oo/ come in oospermia

Nessi vocalici con la prima vocale ("debole") accentata[modifica | modifica wikitesto]

Nessi vocalici con l'accento sulla seconda vocale[modifica | modifica wikitesto]

  • /a'i/ come in Caino
  • /a'e/ come in paese
  • /a'ɛ/ come in aereo
  • /a'a/ come in Sahara (pronuncia senza [h])
  • /a'ɔ/ come in Aosta
  • /a'o/ come in kaone (particella subatomica)
  • /a'u/ come in paura

Questa definizione di iato è però contestata da Piero Fiorelli[4] e da Luciano Canepari[5], che ritengono che solo l'ultima lista è da considerarsi contenente veri iati: la prima e la seconda conterrebbero dittonghi a tutti gli effetti; anche nella metrica poetica, in effetti, i nessi vocalici "forti" (con l'accento sulla prima vocale) vengono solitamente considerati dittonghi, a meno che il poeta non usi la dieresi, che talvolta viene posta tipograficamente sulla prima vocale grafica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bruno Migliorini, Carlo Tagliavini, Piero Fiorelli, Tommaso Francesco Bórri. DOP – Dizionario d'ortografia e di pronunzia. Roma, RAI-ERI. 2010. Lemma «iato».
  2. ^ Aldo Gabrielli, Il piacere dell'italiano (a cura di Paolo Pivetti) Milano, Mondadori. 1999
  3. ^ Luciano Canepari. Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana. Bologna, Zanichelli. 19992
  4. ^ Amerindo Camilli, Piero Fiorelli (a cura di). Pronuncia e grafia dell'italiano. Firenze, Sansoni. 19653
  5. ^ Luciano Canepari. Il MaPI – Manuale di pronuncia italiana. Bologna, Zanichelli. 20042b

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica