Ian Roberts (rugbista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ian Roberts
IanRobertsbyEricSchwabel.jpg
Ian Roberts in un'immagine del fotografo Eric Schwabel
Dati biografici
Nazionalità Australia Australia
Altezza 196 cm
Peso 112 kg
Rugby Rugby union pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo ex-seconda linea
Squadra ritirato
Ritirato 1998
Carriera
Squadre di club
1986-1989 South Sydney Rabbitohs 65 (20)
1990-1995 Manly-Warringah Sea Eagles 100 (20)
1997-1998 North Queensland Cowboys 29 (12)
Nazionale
1990-94 Australia Australia 13 (12)
Statistiche aggiornate al 26 ottobre 2009

Ian Roberts (Londra, 31 luglio 1965) è un attore ed ex rugbista a 13 australiano della Nazionale australiana.

Ha giocato come seconda linea nei club South Sydney Rabbitohs, Manly-Warringah Sea Eagles e North Queensland Cowboys. Verso la fine della sua carriera professinistica ha annunciato la propria omosessualità, diventando la prima persona a farlo nella storia del rugby, guadagnando l'attenzione dei media in Australia e nel mondo. Dopo la carriera sportiva ha intrapreso la carriera da attore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Gran Bretagna ma cresciuto in Australia, con le giovanili dei South Sydney Rabbitohs ha fatto il suo debutto nel 1986 durante la Winfield Cup, successivamente ha fatto cinque apparizioni con il City Origin Team. Nel 1990 firma un contratto con i Manly-Warringah Sea Eagles. Dopo il trasferimento dai Rabbitohs ai Manly ha rapidamente giustificato il suo valore partecipando alla State of Origin e debuttando contro la Nuova Zelanda.

Qualche anno dopo, Roberts ha firmato con la Super League, nonostante la sua squadra e allenatore Bob Fulton rimasero fedeli all'Australian Rugby League. Roberts ha saltato stagione 1996 a causa di infortuni e una disputa contrattuale connessi ad un querelle nella Super League. Nel 1997, Roberts ha firmato con i North Queensland Cowboys, trasferendosi a Townsville. Nel 1998 la sua carriera è stata segnata da numerosi infortuni.

Nel 2000, Roberts è stato premiato con la medaglia dello sport australiano per il suo contributo a livello internazionale nella lega australiana di rugby.[1] Nel 2005 è stato nominato uno dei 25 più grandi giocatori del Nuovo Galles del Sud.[2]

Vita dopo la carriera sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995 Roberts ha pubblicamente annunciato la propria omosessualità, discutendo la sua sessualità su riviste e in televisione. È stato sopportato dal mondo del rugby, sostenendo quanto fosse importante per essere "fedele a te stesso". Successivamente è apparso in campagna pubblicitaria contro l'omofobia indetta dal Lesbian and Gay Anti-Violence Project. Roberts è stato elogiato per aver messo in discussione il legame tra omosessualità e sport, sull'argomento e sul suo coming out Paul Freeman ha scritto un libro, Ian Roberts - Finding Out.

Nel 2005 partecipa a Dancing with the Stars, edizione australiana di Ballando con le stelle, dove balla con Natalie Lowe, classificandosi secondo. Nell'aprile del 2007 appare in copertina sulla rivista The Advocate, dove in un'intervista al giornalista Michael Rowe racconta la sua storia.

Carriera da attore[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la carriera professinistica da rugbista nel 1998, inizia a studiare recitazione presso la National Institute of Dramatic Art di Sydney. Nel 2005 ottiene un piccolo ruolo nel film australiano Little Fish, con Cate Blanchett e Hugo Weaving, nel 2006 partecipa a Superman Returns di Bryan Singer, dove interpreta Riley uno degli scagnozzi di Lex Luthor. Successivamente prende parte a varie produzioni televisive, tra cui la miniserie televisiva Underbelly: A Tale of Two Cities, nel 2009 recita al fianco di Rachael Taylor e Martin Henderson in Cedar Boys.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Cowboys want ex-Manly players off judiciary, Daily Telegraph. URL consultato il 9 agosto 2010.
  2. ^ (EN) Origin's 25 greatest named, smh.com.au. URL consultato il 9 agosto 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paul Freeman, Ian Roberts: Finding out, Random House Australia, 1998, ISBN 0-09-183337-X.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]