Iamo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Iamo (in greco antico Ἴαμος / Íamos, da ἴον / íon «violetta») è un personaggio della mitologia greca nato da Evadne, figlia di Poseidone, e dal dio Apollo.

La vicenda narra che il dio, abbagliato dalla bellezza di Evadne sposa di Epito re degli Acadi, si accoppiò con lei. La donna non riuscì a nascondere il fatto al marito, che si recò all'oracolo di Delfi per sapere cosa avrebbe dovuto fare del nascituro.

Tempo dopo la ragazza concepì un bambino che abbandonò sul monte Alfeo e che fu sorvegliato per cinque giorni da due serpenti che lo nutrirono con miele. Epito scoprì l'origine del bambino e andò a cercarlo, trovandolo in una boscaglia circondato da violette, da cui prese il nome.

Da Iamo nacque la dinastia degli iamidi, indovini e profeti di Olimpia.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca