Iain Chambers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Iain Chambers (1949) è un antropologo, sociologo ed esperto di studi culturali britannico.

Membro del gruppo diretto da Stuart Hall all'Università di Birmingham, Chambers è stato uno dei principali esponenti del celebre Centro per gli Studi della Cultura Contemporanea ivi fondato, che ha dato vita a una fiorente branca della sociologia anglosassone contemporanea. Successivamente si è trasferito in Italia dove insegna Studi culturali e postcoloniali all'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" ed ha fondato il Centro per gli Studi Postcoloniali. È autore di numerosi volumi di successo scritti in inglese e in italiano e tradotti in diverse lingue. I suoi campi di studio spaziano dall'urbanizzazione alla cultura popolare, la musica, la memoria, la modernità.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Mediterraneo blues. Musiche, malinconia postcoloniale, pensieri marittimi, Bollati Boringhieri, 2012.
  • Le molte voci del Mediterraneo, Raffaello Cortina, 2007.
  • Ritmi urbani, Costa&Nolan, 1986, Arcana, 2003.
  • Esercizi di potere: Gramsci, Said e il postcoloniale, Meltemi Editore, 2006.
  • Sulla soglia del mondo: l'altrove dell'Occidente, Meltemi Editore, 2003.
  • Paesaggi migratori: cultura e identita nell'epoca postcoloniale, Costa&Nolan, 1996; Meltemi Editore, 2003.
  • Dialoghi di frontiera: viaggi nella postmodernità, Liguori, 1995.

Saggi e articoli[modifica | modifica wikitesto]

  • "Il fardello della storia", in Agalma, no. 15, marzo 2008: 50-54.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie