Iain Banks

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Iain Banks

Iain Banks (Dunfermline, 16 febbraio 19549 giugno 2013[1]) è stato uno scrittore scozzese, conosciuto soprattutto per le sue storie di fantascienza, che firma come Iain M. Banks (dove la M sta per Menzies, un antico nome di famiglia) e fantastico ma attivo ed apprezzato anche sul fronte mainstream.

Considerato da molti critici e lettori l'autore più importante emerso negli anni ottanta nella fantascienza britannica, la sua creazione più famosa è l'universo futuro del ciclo della Cultura all'interno del quale sono ambientati molti dei suoi romanzi. Nel 2008 The Times lo ha nominato nella lista dei "50 maggiori scrittori britannici dal 1945".[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel 1954 a Dunfermline, Fife. Sua madre era una pattinatrice professionale e suo padre un ufficiale dell'Ammiragliato. Fino all'età di nove anni Banks visse a North Queensferry, vicino al porto e poi a Gourock, quando suo padre fu trasferito.[3][4][5] Dopo gli studi alle scuole superiori di Gourock e Greenock, Banks intraprese gli studi di inglese, filosofia e psicologia all'Università di Stirling[6][3] dove si laureò nel 1975 in letteratura inglese. Per mantenersi iniziò una serie di lavori saltuari, dal portinaio al giardiniere. Alla fine degli anni settanta iniziò a viaggiare per l’Europa in autostop trascorrendo lunghi periodi in Scandinavia e in Marocco. Successivamente per un anno lavorò per l’industria statale inglese dell’acciaio, ambiente che ispirò il suo romanzo d’esordio La fabbrica degli orrori del 1984. A metà degli anni ottanta si trasferì nel Kent, dove iniziò a dedicarsi con successo alla scrittura di genere fantascientifico; nel 1988 tornò in Scozia, prima a Edimburgo e poi a Fife.[7] Nel frattempo conobbe Annie, a Londra, e la sposò nel 1992 alle Hawaii. Nel 2007 si separarono e lei morì nel 2009, due mesi dopo il divorzio ufficiale.

In seguito, Banks conobbe Adele Hartley[8], che sposò nel 2013 dopo aver appreso di avere un tumore alla cistifellea in fase terminale[9], a causa del quale morì nel giugno 2013, a 59 anni[10].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Banks ha pubblicato 24 romanzi; la sua prima opera, La fabbrica degli orrori, fu pubblicata nel 1984 quando Banks aveva 30 anni, mentre il suo primo romanzo fantascientifico è del 1987. The Crow Road (1992) fu adattato dalla BBC come serie televisiva e Espedair Street (1987) fu trasmesso da BBC Radio 4.[6][11] Ha riconosciuto le influenze di Robert A. Heinlein, Isaac Asimov, Arthur C. Clarke, Brian Aldiss, M John Harrison e Dan Simmons sul suo lavoro.[12]

Banks pubblica sotto due firme. I suoi genitori desideravano dargli il nome di Iain Menzies Banks, ma suo padre lo registrò come Iain Banks. Nonostante questo continuò a usare il doppio cognome e sottopose all'editore La fabbrica degli orrori come Iain M. Banks. Il suo editor gli chiese se non era possibile omettere la 'M' perché appariva troppo vistosa, inoltre era preoccupato di creare confusione con Rosie M. Banks, un'autrice minore di romanzi rosa nei romanzi di P.G. Wodehouse. Dopo i primi tre romanzi mainstream, i suoi editori gli permisero di pubblicare il suo primo romanzo di fantascienza Pensa a Fleba. Per distinguere la sua produzione di romanzi mainstream da quelli fantascientifici, Banks suggerì il ritorno della 'M'.[senza fonte]

Ian M. Banks, Glasgow, 2005

Romanzi firmati Iain Banks[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi firmati Iain M. Banks[modifica | modifica wikitesto]

Ciclo della Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Altri romanzi di fantascienza[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Iain Banks dies of cancer aged 59 in BBC News, 9 giugno 2013.
  2. ^ The 50 greatest British writers since 1945. 5 January 2008. The Times. Retrieved on 20 February 2010.
  3. ^ a b Iain M Banks, BBC Scotland, settembre 2004. URL consultato il 3 aprile 2013.
  4. ^ Rosanna Greenstreet, The Questionnaire: Iain Banks, Guardian, 4 maggio 1996.
  5. ^ Iain Banks's Complicity: A Reader's Guide (2002) Cairns Craig, p7 ISBN 9780826452474
  6. ^ a b Iain Banks, British Council. URL consultato il 3 aprile 2013.
  7. ^ Iain Banks, Raw Spirit: In Search of the Perfect Dram, Londra, Century, 2003, ISBN 978-1-84413-195-2.
  8. ^ www.guardian.co.uk
  9. ^ Un triste annuncio da Iain Banks ∂ Fantascienza.com
  10. ^ (en)Best-selling author Iain Banks dies of cancer at 59, just weeks after marrying his girlfriend when he realised he was terminally ill Dailymail.co.uk
  11. ^ Iain Banks : Whit and Excession: Getting Used To Being God, Spike Magazine, 3 settembre 1996. URL consultato il 3 aprile 2013.
  12. ^ Author Iain M. Banks: 'Humanity's future is blister-free calluses!', CNN, 6 gennaio 2009. URL consultato il 3 aprile 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 73864945 LCCN: n82253191