I tartari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I tartari
Paese di produzione Italia, Jugoslavia
Anno 1961
Durata 83 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35:1
Genere storico
Regia Richard Thorpe, Ferdinando Baldi
Soggetto Domenico Salvati, Sabatino Ciuffini, Oreste Palella, Gaio Frattini, Ambrogio Molteni, Julian De Kassel
Sceneggiatura Domenico Salvati, Sabatino Ciuffini, Oreste Palella, Gaio Frattini, Ambrogio Molteni, Julian De Kassel
Produttore Riccardo Gualino
Casa di produzione Dubrava Film, Lux Film
Fotografia Amerigo Gengarelli
Montaggio Maurizio Lucidi
Effetti speciali Costel Grozea
Musiche Renzo Rossellini
Scenografia Antonio Fratalocchi
Costumi Giovanna Natili
Interpreti e personaggi

I tartari è un film del 1961 diretto da Richard Thorpe, con Victor Mature e Orson Welles. Le riprese sono state realizzate nella ex Jugoslavia.


Trama[modifica | modifica sorgente]

Togrul, capo dei tartari, è in lotta con gli slavi e chiede aiuto al capo vichingo Oleg per sterminarli. Il capo vichingo si rifiuta e nasce uno scontro durante il quale il capo tartaro ha la peggio e Oleg fugge con la giovane Samja come garanzia di pace. Il nuovo capo dei tartati Burundai vuole vendicare la morte del fratello e liberare la nipote e per prima cosa attacca una nave vichinga dove viaggia Helga, moglie di Oleg che viene portata a palazzo e violentata. Nel campo vichingo intanto nasce l'amore tra Samja e Eric, fratello di Oleg. I due capi si accordano per uno scambio delle donne in ostaggio ma Helga si getta dalle mura del palazzo così Samja resta con i vichinghi. Helga muore, Eric rivela al fratello l'amore per Samja e per questo rischiano la morte mentre Burundai organizza le truppe per l'assalto al campo nemico. Si arriva finalmente allo scontro finale dove Oleg e Burundai restano uccisi mentre Eric e l'amata Samja si mettono in salvo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema