I re della risata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I re della risata
Blotto 1.jpg
Stanlio e Ollio
Titolo originale 4 Clowns
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1970
Durata 97 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere comico, documentario
Regia Robert Youngson
Soggetto Robert Youngson
Sceneggiatura Robert Youngson
Casa di produzione ROBERT YOUNGSON
Distribuzione (Italia) 20th Century Fox, Skema
Montaggio Robert Youngson
Musiche Manny Albam
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

I re della risata (4 Clowns) è un film documentario del 1970 diretto da Robert Youngson in onore dei più grandi comici del cinema muto.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola presenta spezzoni di vari cortometraggi girati negli anni venti da Stanlio & Ollio, Buster Keaton, Charley Chase e tanti altri comici di quell'epoca.

Sinopsi delle comiche di Stanlio e Ollio e del film di Keaton[modifica | modifica wikitesto]

Stanlio e Ollio finiti in carcere per aver svaligiato un centro commerciale pianificano la loro fuga scavando un tunnel. Tuttavia finiscono nella sala del loro direttore carcerario. Successivamente vengono condotti in campo per l'addestramento e proprio lì i due eluderanno le guardie dato che vi erano alcuni imbianchini: Stanlio e Ollio si sfilano le camicie e se le rinfilano al contrario per apparire proprio come due pittori. Usciti dal cancello, i due iniziano a far finta di dipingere vari oggetti tra i quali auto e vetrate, attirando le attenzioni di un poliziotto che ben presto si mette a rincorrerli. Proprio in quel giorno due direttori esterni dovevano visitare la prigione da cui sono fuggiti Stanlio e Ollio i quali, abbrancati senza saperlo i due commissari, rubano loro i vestiti per apparire come delle persone nobili e di seguito allontanarsi il poliziotto. Tuttavia i due finiscono in casa del direttore della prigione il quale li scambia per gli ispettori esterni. Quando Stanlio e Ollio entrano in prigione subito vengono riconosciuti dai prigionieri e di seguito dalle guardie. Finiti di nuovo in prigione Stanlio e Ollio non ci rimarranno a lungo perché evadono nuovamente e come sempre inseguiti dalle guardie. I due per fortuna si sono fatti scortare in centro da degli amici ma durante la corsa Stan e Oliver hanno scambiato i pantaloni: ad uno vanno strettissimi e l'altro sembra un pagliaccio. Di conseguenza Ollio e Stanlio cercano di scambiarsi i calzoni ma un attimo prima di riuscire nell'impresa vengono sempre marmorizzati dallo sguardo severo dei passanti e quindi costretti a desistere. Dopo aver fatto andare di matto un povero venditore di dischi d'epoca, Stanlio e Ollio, inseguiti da una guardia per atti osceni, si ritrovano in una piattaforma mobile che li spedisce diritti sopra un palazzo altissimo in costruzione. L'unica speranza per i due è riuscire a raggiungere una scala posta sul pilastro opposto a quello in cui si trovavano, ma la strada è irta di pericoli. Sposatisi, i due simpatici amici pianificano di andare con una scusa a divertirsi, giacché le moglie impediscono loro di andare da qualsiasi parte senza il loro consenso o accompagnamento. La giustificazione è di andare a vedere uno show al teatro, ma Stanlio e Ollio una volta usciti di casa non sanno che proprio quel teatro citato da loro alle mogli è appena andato in fiamme e che quindi le donne sono corse ad informarsi della situazione. Intanto Stanlio e Ollio sono andati a bazzicare con due simpatiche ragazze che di seguito hanno proposto loro di bere un drink in casa loro. Stanlio e Ollio, ubriacandosi assieme alle ragazze, presto comprenderanno che in realtà le signorine sono fidanzate e di seguito che le mogli hanno compreso tutto riguardo al loro imbroglio. Decisi finalmente a far carriera, Stanlio e Ollio giungono nella "città dalle mille occasioni": Broadway. Lavorando presso il più lussuoso hotel della città come facchino e portinaio, Stanlio e Ollio all'inizio pasticciano un po' con il taxista ufficiale dell'albergo, di seguito con il personale e infine con i clienti. Infatti tra questi vi sono un famoso principe tedesco, figlio del re e della regina di Germania e anche una famosa star del cinema e della moda: Jean Harlow. Al primo Stanlio e Ollio renderanno l'entrata nell'hotel assai disastrosa dato che lo fanno precipitare per ben tre volte dall'ascensore, mentre ad Harlow chiuderanno un lembo del vestito nella porta del taxi, dacendola entrare seminuda nel palace.

James Shannon è il partner di una società finanziaria sull'orlo del fallimento, quando un avvocato gli mostra il testamento del nonno defunto. James erediterà sette milioni di dollari a patto di sposarsi entro le 19:00 del suo ventisettesimo compleanno, ovvero il giorno stesso. James propone subito a Mary, la donna che ama da oltre un anno ma a cui ancora non è riuscito a dichiarare il suo amore, di sposarlo. Questa accetta lì per lì, ma poi rifiuta credendo di essere solo una scusa per arrivare ai soldi. Insieme al socio Billy e all'avvocato decidono allora di provare al Country Club. Lì stilano una lista di sette ragazze, sette probabilità per sposarsi. Tutte rifiutano James, il quale comincia a chiedere la mano a chiunque indossi una gonna. Il suo socio Billy decide di mettere un annuncio sul giornale: la donna che si presenterà alle 17:00 in chiesa avrà in sposo un uomo da sette milioni di dollari. Ma le conseguenze di questo annuncio provocheranno inconvenienti a non finire

Alcuni film di Stanlio & Ollio insieme nell'antologia[modifica | modifica wikitesto]

Nota: l'elenco è proposto secondo l'ordine di data di uscita delle comiche.

Film di Charley Chase[modifica | modifica wikitesto]

Film di Buster Keaton[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema