I prepotenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I prepotenti
Titolo originale I prepotenti
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1958
Durata 84 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Mario Amendola
Soggetto Aldo Fabrizi
Sceneggiatura Mario Amendola, Ruggero Maccari
Produttore Roberto Amoroso
Casa di produzione Sud Film
Distribuzione (Italia) Sud Film
Fotografia Carlo Carlini, Mario Perelli
Montaggio Antonietta Zita
Musiche Gino Filippini
Scenografia Ivo Battelli
Interpreti e personaggi

I prepotenti è un film del 1958 diretto da Mario Amendola.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Due padri, Cesare e Mimì, uno romano e l'altro napoletano sono in disaccordo con i figli che si vogliono sposare e che per questo fuggono di casa. I genitori li inseguono invano tra Roma e Napoli finché quando stanno per imbarcarsi per Capri trovano i due fidanzati a casa della cognata di Mimì. Lì ne nasce un colorito alterco dove infine i ragazzi mettono alle strette i padri minacciando di bere del presunto veleno e ciò costringe i due genitori a comprendere le loro ragioni anche perché Cesare scopre che il figlio di Mimì è laureato in legge, e Mimì scopre che la figlia di Cesare è un'onesta lavoratrice. Il film si chiude col banchetto delle due famiglie, coi padri ormai consenzienti al matrimonio e con una memorabile sfida tra Cesare e Mimì a colpi di canzonette per decidere se sia meglio Roma o Napoli. Il film avrà un seguito l'anno dopo con il titolo Prepotenti più di prima.


cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema