I funerali della Mamá Grande

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I funerali della Mamá Grande
Titolo originale Los funerales de la Mamá Grande
Autore Gabriel García Márquez
1ª ed. originale 1962
Genere racconti
Lingua originale spagnolo

Sotto il titolo I funerali della Mamá Grande sono pubblicati otto racconti di Gabriel García Márquez scritti fra il 1956 e il 1962.

In questi racconti possiamo notare un cambiamento in García Márquez che evolve il modo di scrivere che aveva caratterizzato Nessuno scrive al colonnello e Foglie morte per passare ad uno stile più ampio, più visionario e fantastico, di uno scrittore che ormai ha raggiunto importanti obiettivi e che si sente molto più sicuro di sé, lo stesso stile che regalerà a García Márquez il grande successo internazionale con Cent'anni di solitudine.

Il racconto I funerali della Mamá Grande è quello che certamente si avvicina di più a questo stile, l'atmosfera che regna infatti è fiabesca: "Questa è, increduli del mondo, la veridica storia della Mamá Grande, sovrana assoluta del regno di Macondo, che visse in funzione di dominio per 92 anni e morì in odore di santità un martedì dello scorso settembre, e ai funerali intervenne anche il Sommo Pontefice." Così inizia l'ottavo ed ultimo racconto della raccolta.

Invece La prodigiosa sera di Baltazar è ancora scritto seguendo la prima corrente stilistica, ed è certamente quello che meglio riesce a riassumere le caratteristiche di questo primo García Márquez.

Questo racconto narra di un falegname che lavora per molti mesi alla costruzione di una gabbia che, finita, è considerata la più bella del mondo, un capolavoro di architettura; ma non la vende a chi gli offre centinaia di pesos, la regala ad un bambino figlio di un ricco che lo tratta con disprezzo e lo insulta.

Questa storia di infinita testardaggine ricorda Nessuno scrive al colonnello, che per certi aspetti si può dire abbastanza simile.

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura