I fiori della guerra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I fiori della guerra
The Flower of War.jpg
Una scena del film
Titolo originale Jin líng shí san chai
Lingua originale cinese, inglese
Paese di produzione Cina
Anno 2011
Durata 146 min.
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, storico
Regia Zhāng Yìmóu
Soggetto Tratto dal romanzo di Geling Yan
Sceneggiatura Heng Liu
Produttore Weiping Zhang, Zhāng Yìmóu, William Kong
Produttore esecutivo David Linde
Casa di produzione Beijing New Picture Film Co.
Distribuzione (Italia) Movies Inspired
Fotografia Xiaoding Zhao
Montaggio Peicong Meng
Effetti speciali Darkside FX
Musiche Qigang Chen
Scenografia Yohei Taneda
Costumi William Chang, Graciela Mazón
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I fiori della guerra (The Flowers of War, cinese semplificato: 金陵十三钗; cinese tradizionale: 金陵十三釵; pinyin: Jīnlíng shísān chāi) è un film del 2011 diretto da Zhāng Yìmóu che ha per protagonista Christian Bale.

La pellicola è incentrata sul Massacro di Nanchino, avvenuto in Cina nel 1937. L'attore interpreta il ruolo di un impresario di pompe funebri che si finge un missionario statunitense per difendere alcune ragazze e donne cinesi dalle atrocità dei giapponesi.

Trama[modifica | modifica sorgente]

1937, l'esercito giapponese inizia l'invasione della Cina, a dicembre viene occupata la capitale repubblicana Nanchino. Durante i combattimenti, per sfuggire al massacro 14 allieve cinesi dodicenni di una scuola cattolica si rifugiano nel collegio dove studiano. Uno sparuto gruppo di soldati cinesi si sacrifica per difenderle, rimane in vita solo il comandante maggiore Li e un giovanissimo soldato ferito a morte.

Al convento arriva anche il becchino John Miller per dare sepoltura al sacerdote padre Engelmann, direttore del collegio. Con suo grande piacere, quasi contemporaneamente giunge anche un gruppo di prostitute invitate dal cuoco, che nel frattempo si è dileguato. Tra le ragazze e le donne iniziano subito dissidi e contrasti, ma una pattuglia giapponese assalta la chiesa. Le prostitute riescono a rifugiarsi in cantina, le ragazzine sono catturate dai soldati che vogliono violentarle. John Miller, che la sera precedente si è ubriacato e travestito da sacerdote, interviene istintivamente per difenderle, ma viene percosso e ferito. Soltanto l'intervento del maggiore Li salva la situazione: i giapponesi lo inseguono all'esterno, dove l'ufficiale ha predisposto una trappola esplosiva e con il proprio sacrificio stermina il nemico.

Subito dopo l'episodio, al collegio arriva il colonnello Hasegawa delle forze d'invasione, che oltre a chiedere scusa per il comportamento ingiustificabile dei suoi commilitoni si dichiara un appassionato di musica; esprime il desiderio di sentir cantare entro qualche giorno le ragazzine. Nel frattempo mette soldati di guardia al convento in modo che nessuno possa entrare, ma neppure uscire. Hasegawa è accompagnato da un interprete cinese, il signor Meng, che è il padre dell'allieva Shu, accusata per questo dalle altre di essere una collaborazionista.

Shu, che ha preso una cotta per John Miller, è anche gelosa di Yu Mo, la più bella tra le giovani prostitute. La tensione tra queste e le educande aumenta, finché due ragazze di piacere escono nottetempo per tornare al bordello: vogliono trovare corde per il pipa, lo strumento musicale con il quale cercano di distrarre l'agonia del giovanissimo soldato che il maggiore Li ha lasciato alle loro cure. Miller esce per rintracciarle ma arriva troppo tardi, le due sono state violentate e trucidate dagli invasori.

Il colonnello Hasegawa torna al convento per ascoltare il coro delle educande, poi consegna l'ordine di presentarsi a cantare alla festa organizzata dal comando giapponese per l'occupazione della capitale. John Miller, entrato completamente nella parte del sacerdote, cerca di declinare l'invito perché teme per il destino delle ragazzine, ma l'ufficiale ribadisce che non può disobbedire a un ordine. Tornerà entro qualche giorno per prelevarle.

L'incertezza sul corretto comportamento dei giapponesi è molto forte, c'è seriamente da temere per l'incolumità delle educande. Subodorando cosa le aspetta, le ragazzine si accordano per gettarsi dalla torre del convento e sottrarsi alla sorte; Miller riesce a fermarle solo perché Yu Mo, presa a compassione, promette che lei e le sue colleghe si sostituiranno alle allieve.

John Miller, che si è innamorato di Yu Mo, accetta di assecondare la sostituzione solo per il ricordo della figlia, che se non fosse morta da bambina avrebbe l'età delle educande. Si procura tramite il signor Meng quanto occorre per rimettere in funzione il vecchio autocarro del collegio, poi taglia i capelli delle prostitute in modo che sembrino più giovani. Purtroppo le sostitute sono soltanto 12 e le allieve 13, solo il sacrificio di George, l'orfano coetaneo delle ragazzine che padre Engelmann ha accolto in convento, permette di mantenere la finzione. L'adolescente indossa la divisa del collegio e una parrucca.

Il giorno in cui i giapponesi vengono a prendere le educande, nessun soldato si accorge della sostituzione perché le prostitute hanno davvero l'aria di ragazzine spaventate. Il signor Meng viene trucidato senza pietà da un ufficiale, e John Miller può rivelare a Shu che suo padre è un eroe e non un traditore, dal momento che ha procurato un lasciapassare per uscire da Nanchino. L'ex becchino nasconde le ragazzine in un sottofondo sul retro dell'autocarro riparato, e riesce a abbandonare la capitale portandole in salvo.

Dell'orfano George, di Yu Mo e delle altre prostitute non si avranno più notizie; finiranno ingoiate dalla guerra nello spaventoso bilancio del massacro di Nanchino.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato realizzato e prodotto in Cina, ha avuto un costo di 90,2 milioni di dollari come budget e si annovera tra i film più costosi della storia della cinematografia cinese insieme alle produzioni di John Woo[1].

La pellicola include sia parti di dialogo in mandarino che in inglese[1]. Il direttore della fotografia Xiaoding Zhao ha già lavorato con Zhāng Yìmóu in La foresta dei Pugnali Volanti del 2004. Il supervisore agli effetti speciali Joss Williams[2] invece, annovera tra i film ai quali ha collaborato Alien³ (1992), The Bourne Ultimatum - Il ritorno dello sciacallo e Sweeney Todd - Il diabolico barbiere di Fleet Street, entrambi del 2007. Lo scenografo Yohei Taneda[2] ha curato le scenografie del primo capitolo di Kill Bill (2003).

Sceneggiatura[modifica | modifica sorgente]

Il film, che doveva intitolarsi originariamente Nanjing Heroes, è tratto dal libro della scrittrice cinese Geling Yan, intitolato The 13 Women of Nanjing. La sceneggiatura è stata affidata a Liu Heng che ha già collaborato con il regista nella sceneggiatura del film del 1990 Ju Dou. Sulla scelta di Christian Bale come protagonista per il suo kolossal, il regista ha dichiarato:

« Ho incontrato Christian in America e sono rimasto impressionato dalla sua serietà e dall'impegno con cui ha cominciato a fare ricerca per comprendere a fondo il suo personaggio. Sicuramente la sua presenza mi aiuterà sul mercato occidentale, comunque questo ingaggio non è stato studiato a tavolino, bensì è frutto del caso. »
(Zhang Yimou[3])

Riprese[modifica | modifica sorgente]

Le riprese del film si sono svolte nei Nanchino Studios poco fuori la città di Nanchino (Cina)[2].

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

L'uscita nelle sale cinematografiche in Cina è avvenuta il 16 dicembre 2011,[4] mentre negli Stati Uniti il 23 dicembre dello stesso anno. In Italia il film viene distribuito direttamente in Home Video (DVD e Blu-Ray) a partire dal 12 febbraio 2014. Il 27 marzo 2014 il film viene trasmesso in prima visione TV da Raitre.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b The director of the Beijing Olympics opening ceremonies takes on his biggest production yet., hollywoodreporter.com, 22-12-2010. URL consultato il 06-09-2011.
  2. ^ a b c (EN) Principal Photography Begins on Zhang Yimou’s 13 FLOWERS OF NANJING Starring Christian Bale, Collider.com, 10-01-2010. URL consultato il 06-09-2011.
  3. ^ Christian Bale protagonista di "Nanjing Heroes" di Zhang Yimou, attentialcine.blogosfere.it. URL consultato il 06-09-2011.
  4. ^ Date di uscita per The Flowers of War, IMDb.it, 27-09-2011. URL consultato il 27-09-2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema