I figli di Armageddon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I figli di Armageddon
Titolo originale Armageddon's children
Autore Terry Brooks
1ª ed. originale 2006
Genere romanzo
Sottogenere Fantasy
Lingua originale inglese
Serie La genesi di Shannara
Seguito da Gli elfi di Cintra

I figli di Armageddon (il titolo originale in inglese è Armageddon's children) è il primo libro della trilogia La genesi di Shannara scritto da Terry Brooks. L'autore in questa nuova opera, racconta la nascita delle quattro terre, dalle ceneri delle Grandi Guerre.

« Fuori dalle mura delle fortezze si rischiava la morte sotto forma di mille nemici diversi. C'erano i mutanti. C'erano gli umani feroci che abitavano nelle rovine della civiltà. C'erano gli eserciti degli ex uomini che battevano la campagna. C'erano creature che nessuno era in grado di descrivere, risalite dall'inferno o strisciate fuori dalle paludi. C'erano anarchia e barbarie. Gli uomini delle fortezze non riuscivano a immaginare di affrontare simili avversari. Anche il rischio di un attacco degli ex uomini era preferibile a una vita all'esterno, dove l'intero mondo era in preda alla follia... »
(Terry Brooks, I figli di Armageddon)

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La lotta tra bene e male, tra il Verbo e il Vuoto volge al termine. Ed è il male a prevalere.

L'umanità che aveva raggiunto livelli di evoluzione senza precedenti, ha ceduto all'avidità e all'odio. Le guerre si sono estese come macchie d'olio, mentre le armi utilizzate si facevano via via più letali. I pochi superstiti lottano per la sopravvivenza in un mondo devastato dalle radiazioni e dalle infezioni mortali causate dagli attacchi batteriologici.

Il tessuto sociale è andato in frantumi, le uniche oasi di pace sono le Fortezze, dove gli uomini cercano di ricreare una parvenza di civiltà. Ma ogni possibilità di riuscita è minata dalla presenza degli ex uomini. Corrotti dalle malattie e dai veleni, si stanno rapidamente trasformando in demoni con un unico obiettivo: distruggere definitivamente la razza umana.

Nelle rovine della città di Seattle, un ragazzo di nome Falco e i suoi compagni, gli spettri, tentano di sopravvivere in mezzo alla devastazione. Il loro gruppo è formato da alcuni ragazzi: Falco, Gufo, Passero, Scoiattolo, Fiume, Pantera, Orso, Fiamma, Gesso e infine Aggiusta. Per salvare la vita a una ragazza estranea al gruppo, Falco decide di chiedere aiuto a Tessa, una ragazza che vive in una fortezza. Il rischio è alto: per la paura di epidemie gli abitanti considerano le medicine un tesoro prezioso, da non condividere con nessuno.

La ragazza, però, profondamente innamorata di Falco accetta di aiutarlo.

Nel frattempo Logan Tom, uno degli ultimi Cavalieri del Verbo, è in preda allo sconforto. La sua missione è quella di servire il verbo nella lotta contro i demoni, una guerra chiaramente persa. Per ogni demone da lui ucciso, per ogni campo di schiavitù che distrugge, ne spuntano altri cento. Proprio quando anche le sue ultime speranze stavano spegnandosi, gli viene affidato un compito della massima importanza. C'è ancora una possibilità per il genere umano. Esiste una creatura, il Variante, dotata di poteri magici talmente forti da poter ribaltare la situazione. Ma questo essere può assumere qualsiasi forma e non ha alcuna conoscenza della sua reale identità e dei suoi poteri. A Logan Tom, dunque, il compito di trovarlo e di aiutarlo nella sua impresa.

A indicargli la via un potente amuleto: le ossa della mano destra di Nest Freemark, una donna che aveva salvato e protetto il Variante, che era divenuto suo figlio.

Anche un altro cavaliere del verbo è chiamato ad un compito di eccezionale importanza. Dopo aver salvato un gran numero di bambini da alcune fortezze sotto assedio, ad Angela Perez viene chiesto di ritrovare gli Elfi. Per secoli ritenute creature delle favole, esistono davvero e si nascondono nelle foreste del Cintra. A guidarla nel suo viaggio una creatura di Feire, Ailie, capace di convincere gli elfi ad ascoltare il Cavaliere del Verbo.

A Seattle la situazione peggiora di giorno in giorno. Le medicine rubate da Tessa si rivelano inutili, quando Falco trova l'altra banda di ragazzi massacrata nel loro nascondiglio. Mentre sta tornando a casa, il rifugio egli Spettri è attaccato da un millepiedi gigante. Ma il coraggio dei ragazzi e l'intervento del loro grosso cane, Cheney, riescono a sconfiggerlo. Appena rientrato a casa, Falco decide che è giunto il tempo di allontanarsi definitivamente dalla città. Nell'immediato, però, si dedica a vegliare il cane, ridotto in fin di vita dalle ferite del millepiedi. Nella notte, una strana sensazione di calore pervade il giovane mentre, accarezzando il cane, ricorda quante volte Cheney gli abbia salvato la vita. Al mattino seguente gli spettri sono sorpresi ed entusiasti. Il loro amato quattro zampe è in piena forma, come se nulla fosse successo. Incominciando a fare i preparativi per la partenza, i ragazzi si chiedono come sia possibile. In compenso i demoni non hanno dubbi. Loro hanno capito subito quello che è successo. Non conoscono i particolari, ma capiscono che una magia molto forte si è manifestata, una magia che solo il Variante può aver generato. E incominciano a tramarne l'uccisione.

Nel Cintra, intanto, anche gli Elfi sono in fermento. L'Ellcrys, l'albero magico che sostiene il divieto, parla ai suoi eletti, invitandoli a recuperare le pietre magiche e il loden, la pietra nera. Tra le reticenze e gli ostacili posti dal re, Kirisin e Erisha, la figlia del re, tentano di trovare i luoghi dove sono custoditi gli amuleti, impauriti di cosa potrebbe accadere se il divieto dovesse essere infranto.

A Seattle arriva intanto Logan Tom, e guidato dalle ossa della mano destra di Nest Freemark, raggiunge il rifugio degli spettri. Dopo aver guadagnato la loro fiducia, però, scopre di aver mancato il Variante per una manciata di minuti. Falco, infatti, è andato alla fortezza, per convincere Tessa a partire con lui. Purtroppo ad aspettarlo ci sono le guardie della città, che hanno scoperto il contrabbando delle medicine. Il terrore di nuove epidemie rende la gente molto suscettibile a questo tipo di reato e, dopo un processo sommario, i due giovani vengono condannati a morte.

Logan Tom riesce a farsi aprire le porte della fortezza in qualità di Cavaliere del Verbo. Portato alla cella di Falco, gli spiega il motivo della sua visita. Falco non crede ad una parola fino a quando Logan Tom non gli consegna le ossa della madre. Quando queste vengono in contatto con la pelle del ragazzo, si innesca subito una reazione. Falco ha delle visioni, dove sua madre gli racconta la verità sul suo passato e lo informa sommariamente della sua missione: salvare l'umanità. Falco è comprensibilmente scosso e disperato. L'indomani mattina sarà lanciato con Tessa dalla cima della fortezza. Logan Tom, ritornato dagli spettri, ha ora la certezza di aver trovato l'obbiettivo della sua missione ed escogita un piano per salvare Falco dall'esecuzione.

L'indomani Logan si intrufola nella fortezza, ma arriva alla cella di Falco troppo tardi. Il ragazzo è già in cima alla fortezza, dalle cui mura viene lanciato nel vuoto. Dall'altra parte della città gli spettri stanno radunando le cose per partire. Aspettano solo l'arrivo di Logan con Falco. Ad attirare la loro attenzione un intenso lampo di luce bianca proveniente dalla fortezza. La sorpresa per quel fenomeno insolito viene presto cancellata dal terrore. Un suono incessante di tamburi annuncia l'arrivo di una forza di invasione giunta per radere al suolo Seattle.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Terry Brooks, I figli di Armageddon, traduzione di Riccardo Valla, pp. 342, ISBN 88-04-56066-5.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]