I favoriti della fortuna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I favoriti della fortuna
Titolo originale Fortune's Favourites
Autore Colleen McCullough
1ª ed. originale 1993
Genere Romanzo
Sottogenere storico
Lingua originale inglese
Serie I Signori di Roma
Preceduto da I giorni della gloria (1991)
Seguito da Le donne di Cesare (1996)

I favoriti della fortuna (Fortune's Favourites) è un romanzo storico scritto da Colleen McCullough e pubblicato nel 1993.

È il terzo volume di una saga ambientata nell'Antica Roma, che racconta gli ultimi decenni della Repubblica romana, dall'avvento di Gaio Mario a quello di Augusto.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Roma - I secolo a.C.

Silla, tornato a Roma dopo le campagne d'Oriente, inizia in qualità di dittatore la sua riforma reazionaria dello stato. Sono molte le vittime che cadono nelle sue liste di proscrizione, compreso suo nipote, il giovane Giulio Cesare, colpevole di rifiutarsi di lasciare sua moglie Cinnilla, figlia del defunto Cinna, avversario politico di Silla da questi fatto assassinare. Sarà per il giovane Cesare l'inizio di una breve fuga e di straordinarie avventure, che lo porteranno fino in Oriente dove si farà notare per la campagna contro i pirati e come valente stratega presso il re Nicomede di Bitinia. Per il suo eroismo otterrà in premio la Corona Civica e con essa il diritto di tornare a Roma ed accedere al Senato.

Intanto in Italia ed in Spagna un altro generale di pochi anni più grande rispetto a Cesare sta conquistando le folle con le sue imprese contro Sertorio e come favorito di Silla. Il suo nome è Gneo Pompeo.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]