I dannati dell'oceano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I dannati dell'oceano
The Docks of New York lobby card.jpg
Locandina del film con Betty Compson e George Bancroft
Titolo originale The Docks of New York
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1928
Durata 76 min
Colore B/N
Audio muto
Rapporto 1,33 : 1
Genere drammatico
Regia Josef von Sternberg
Soggetto Jules Furthman da The Dock Walloper di John Monk Saunders
Sceneggiatura Jules Furthman

titoli: Julian Johnson

Produttore Josef von Sternberg

Produttore associato: J.G. Bachmann

Casa di produzione Paramount Pictures
Fotografia Harold Rosson
Montaggio Helen Lewis
Scenografia Hans Dreier
Interpreti e personaggi

I dannati dell'oceano (The Docks of New York) è un film muto del 1928 diretto da Josef von Sternberg.

Nel 1999 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dallo stesso regista von Sternberg per la Paramount Pictures. Manager generale (direttore di produzione) B.P. Schulberg.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dalla Paramount Pictures, il film uscì nelle sale cinematografiche USA il 29 settembre 1928, presentato da Jesse L. Lasky e da Adolph Zukor.

Date di uscita[modifica | modifica wikitesto]

IMDb

  • USA 16 settembre 1928 (New York City, New York)
  • USA 29 settembre 1928
  • Austria 1929
  • Germania 1929
  • Portogallo 19 novembre 1929
  • Finlandia 2 dicembre 1929
  • Argentina 9 novembre 2008 (Mar del Plata Film Festival)

Alias

  • The Docks of New York USA (titolo originale)
  • Die Docks von New-York Austria / Germania
  • Los muelles de Nueva York Argentina / Spagna
  • As Docas de Nova Iorque Portogallo
  • I dannati dell'oceano Italia
  • Im Hafen von New York Germania Ovest (titolo TV)
  • Les damnés de l'océan Francia
  • New York kikötöi Ungheria
  • O moiraios heimarros Grecia
  • Yö satamassa Finlandia
  • Zycie zaczyna sie jutro Polonia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Librarian of Congress Names 25 More Films to National Film Registry, Library of Congress, 16 novembre 1999. URL consultato il 6 gennaio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Buttafava, Sternberg, il castoro cinema, Ed. La nuova Italia, settembre 1976

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema