I Love Shopping (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I Love Shopping
I Love Shopping.jpg
Isla Fisher nei panni di Rebecca Bloomwood
Titolo originale Confessions of a Shopaholic
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2009
Durata 107 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35 : 1
Genere commedia, romantico
Regia P. J. Hogan
Soggetto Sophie Kinsella
Sceneggiatura Kayla Alpert, Tim Firth, Tracey Jackson
Produttore Jerry Bruckheimer
Casa di produzione Touchstone Pictures
Distribuzione (Italia) Buena Vista
Fotografia Jo Willems
Montaggio William Goldenberg
Musiche James Newton Howard
Scenografia Kristi Zea
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I Love Shopping (Confessions of a Shopaholic) è un film del 2009 diretto da P. J. Hogan, ispirato ai romanzi I Love Shopping e I love shopping a New York di Sophie Kinsella.

Il film racconta le gesta della giornalista Rebecca Bloomwood, interpretata da Isla Fisher, e della sua ossessione nei confronti dello shopping, ritrovandosi indebitata con amici e parenti.

Il film è uscito in Italia il 27 febbraio 2009, incassando complessivamente € 4.597.000.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Protagonista del film è Rebecca Bloomwood, chiamata anche Becky, ragazza totalmente irresponsabile, ossessionata dallo shopping. Il suo sogno di sempre è quello di scrivere per la rivista di moda "Alette", invece finisce a lavorare per una rivista economica "Far fortuna risparmiando", il cui capo-redattore è Luke Brandon, che fa subito breccia nel cuore di Becky.

Oltre all'amore nella vita di Becky arrivano molte cose, tra cui gli estratti conto delle carte di credito, che hanno sempre cifre troppo grandi per poter essere pagati, quindi lei e la sua migliore amica Suze non fanno altro che inventare scuse. La vita di Becky è fantastica, ora che si è innamorata ed è riuscita ad ottenere un posto alla Tv. Ma anche lì reincontra il suo peggior nemico: l'esattore delle tasse. Becky si rende conto di tutte le menzogne che ha raccontato, e decide di organizzare un piano per pagare tutti gli estratti conto....

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

La colonna sonora del film è stata pubblicata il 17 febbraio 2009 su etichetta Hollywood Records, e contiene essenzialmente brani pop ed elettropop.

  1. "Fashion" – Lady Gaga
  2. "Accessory" –Jordyn Taylor
  3. "Blue Jeans" – Jessie James and the Odd Balls
  4. "Uncontrollable" – Adrienne Bailon
  5. "Calling You" – Kat DeLuna
  6. "Stuck With Each Other" – Akon & Shontelle
  7. "Unstoppable" – Kat DeLuna
  8. "Big Spender" – Adrienne Bailon
  9. "Bad Girl" – The Pussycat Dolls
  10. "Again" – Natasha Bedingfield
  11. "Takes Time To Love" – Trey Songz
  12. "Girls Just Want to Have Fun" – Greg Laswell
  13. "Don't Forget Me" – Macy Gray
  14. "Shopaholic Suite (Score)" – James Newton Howard
  15. Rich Girl (suoneria)-Gwen Stefani ft Eve

Differenze tra i libri e il film[modifica | modifica sorgente]

  • Nel libro, Becky lavora già a Far fortuna risparmiando.
  • I libri (tranne I love shopping a New York) si svolgono a Londra.
  • Nel libro, Becky e Luke si conoscono già, e lei non prova molta simpatia per lui.
  • Nel libro, Alicia Billington lavora per Luke Brandon, e non è mai attratta da lui, al contrario cerca di rubargli la società.
  • Nel primo libro, Tarquin è innamorato di Becky.
  • Il matrimonio di Suze accade nel terzo libro, I love shopping in bianco.
  • Tarquin è uno strano nobile scozzese, cugino di Suze, descritto brutto e con la faccia da furetto, e non un ragazzotto qualunque. Sarà, comunque, l'uomo della vita di Suze.
  • La sciarpa di Becky nel libro è blu, non verde.
  • La madre di Luke, Elinor Sherman, appare per la prima volta nel secondo libro, I love shopping a New York, ma nel film viene solo citata.
  • Nei libri non appare e non viene mai citata Alette.
  • Nella scena al ristorante, dove Becky viene scambiata per una cameriera, ella è accompagnata dalla madre di Luke, non da lui e Alicia.
  • Nel libro Luke sta con Sascha.
  • Nel libro Luke e Becky non vanno a comprare vestiti, ma una valigia per la fidanzata di lui.
  • I genitori di Becky, nel libro, non comprano nessun camper.
  • I problemi finanziari di Becky non vengono scoperti dal pubblico in diretta TV, ma attraverso il giornale "Daily World".
  • Nei libri, Luke lavora già alla Brandon Comunications(da lui fondata), la quale è una società di pubbliche relazioni e non una rivista, mentre nel film la fonda quasi alla fine. Inoltre Luke non centra nulla con "Far fortuna risparmiando", come invece si vede nel film.
  • Becky, nei libri, non va a nessun centro per i Compratori Compulsivi.
  • Nei libri, Becky non immagina di parlare con i manichini.
  • Nel primo libro, per comprare la sciarpa, Becky non va a farsi cambiare i soldi da un venditore di hot dog; glieli passa Luke durante una conferenza, dopo che lei ha esclamato: "Ma a me servono 20 sterline".
  • Nel libro il viaggio a Miami con Luke non esiste.
  • Nel libro il direttore di banca Derek Smeath non è giovane come appare nel film e Becky non gli porta il saldo del conto in gettoni, bensì i due stringono alla fine un rapporto amichevole.
  • Nel libro Becky non si cimenta mai col finlandese, anzi scappa quando si presenta l'occasione di parlarlo. Luke non è affatto presente quando ciò avviene.
  • Nei libri Suze è bionda e non mora.
  • Nei libri i genitori di Becky hanno una personalità totalmente diversa.
  • Nel primo libro il primo bacio tra Becky e Luke avviene dopo la loro cena, quasi alla fine del libro.
  • Nel libro il matrimonio di Suze avviene nella lussuosa residenza dei suoi genitori, il vestito di Becky viene prodotto da un suo amico (stilista emergente), Danny, e non si ha nessuna scena della scelta del vestito di Suze nel negozio.
  • Nel libro l'asta degli accessori e vestiti di Becky avviene in "I love shopping a New York".
  • Nel libro Alicia viene a conoscenza dei debiti di Becky perché quest'ultima dimentica la borsetta in un ufficio della Brandon Communications e non rispondendo al suo cellulare.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema