I Am What I Am

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I Am What I Am
Artista Gloria Gaynor
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1983
Durata 3 min: 51 s
Album di provenienza I Am Gloria Gaynor
Genere Disco
Etichetta Chrysalis
Produttore Joel Diamond
Gloria Gaynor - cronologia
Singolo precedente
(1981)
Singolo successivo
(1984)

I Am What I Am (in italiano: "Io sono quello che sono") è una canzone, su musica di Jerry Herman, tratta dal musical La cage aux folles. È stata originariamente interpretata da Gloria Gaynor, nel 1983.

La canzone è un'esaltazione della "diversità", ed è stata incisa da numerosi cantanti, diventando una specie di "inno gay" ed ottenendo un insolito successo di pubblico, soprattutto grazie all'interpretazione disco che ne ha dato l'icona gay Gloria Gaynor.

Il musical da cui è stata tratta la canzone è un'opera umoristica sul tema dell'omosessualità; il libretto è stato scritto da Harvey Fierstein, che è un militante gay.

Il testo, che nella commedia originale è cantato da una drag queen, sottolinea il diritto ad essere diversi, inteso come ricchezza e non come handicap:

« Questo è il mio mondo, e ci voglio un pizzico di orgoglio; / il mio mondo, e non un posto in cui io debba nascondermi. / La vita non vale nulla / fino a che non riesci a dire: "Ehi mondo, io sono quello che sono!". / (...)

Non voglio lodi e non voglio pietà: / suono il mio tamburo; / qualcuno dice che è solo rumore, / ma io penso che sia carino. / (...) /

Io sono quello che sono, / e quel che sono non ha bisogno di scusanti/ (...) /

C'è una vita sola, e non ci sono cauzioni o rimborsi; / una vita sola, perciò è il caso di uscire dal nascondiglio. »

(La metafora del "suonare il tamburo" si riferisce all'espressione idiomatica, celeberrima nel mondo anglosassone, per quanto ignota in Italia, dell'omosessualità come una marcia condotta al ritmo di "un altro tamburo" ("banging on a different drum"), cioè del ritmo dato da un tamburo diverso da quello che la maggioranza sente, e che solo alcune persone riescono a udire).

La canzone è stata incisa, oltre che nel disco del 1983 della colonna sonora de La cage aux folles (interpretata da Gene Barry, George Hearn e Donald Pippin), anche dallo stesso Fierstein nel Cd This is not going to be pretty (1995).

Tuttavia l'interpretazione che ha garantito a questo brano un autentico e duraturo successo di pubblico è stata quella, già citata, di Gloria Gaynor, nel 1983.

Anche Shirley Bassey l'ha inclusa nel suo repertorio, proponendola persino nel concerto del 19 luglio del 1997, tenuto in occasione del proprio sessantesimo compleanno.

Da allora questa canzone è entrata nel repertorio delle canzoni adottate dalla comunità gay come inni, e da allora non ha mai cessato di essere eseguita negli eventi a carattere LGBT in tutto il mondo.

Va infine ricordata la versione proposta nel singolo inciso da Karen M. Mulder nel 2002. Viceversa, le canzoni dallo stesso titolo incise dai Village People (contenuto nell'LP Macho Man del 1978), come pure quella incisa da Dido non hanno nessun legame con questo musical.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]