ISO 3166-2:CV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: ISO 3166-2.

ISO 3166-2:CV è uno standard ISO che definisce i codici geografici delle suddivisioni di Capo Verde; è un sottogruppo dello standard ISO 3166-2.

I codici sono assegnati a due regioni geografiche (arcipelaghi) e 22 contee del paese; sono formati da CV- (sigla ISO 3166-1 alpha-2 dello Stato), seguito da una o due lettere (rispettivamente per le regioni geografiche e per le contee).

Codici[modifica | modifica sorgente]

Regioni geografiche[modifica | modifica sorgente]

Codice Arcipelago
CV-B Ilhas do Barlavento
CV-S Ilhas do Sotavento

Contee[modifica | modifica sorgente]

Codice Contea Regione di appartenenza
CV-BV Boa Vista Ilhas do Barlavento
CV-BR Brava Ilhas do Sotavento
CV-MA Maio Ilhas do Sotavento
CV-MO[1] Mosteiros Ilhas do Sotavento
CV-PA Paul Ilhas do Barlavento
CV-PN Porto Novo Ilhas do Barlavento
CV-PR Praia Ilhas do Sotavento
CV-RB[2] Ribeira Brava Ilhas do Barlavento
CV-RG Ribeira Grande Ilhas do Barlavento
CV-RS[2] Ribeira Grande de Santiago Ilhas do Sotavento
CV-SL Sal Ilhas do Barlavento
CV-CA Santa Catarina Ilhas do Sotavento
CV-CF[2] Santa Catarina do Fogo Ilhas do Sotavento
CV-CR Santa Cruz Ilhas do Sotavento
CV-SD São Domingos Ilhas do Sotavento
CV-SF[1] São Filipe Ilhas do Sotavento
CV-SL[2] São Lourenço dos Órgãos Ilhas do Sotavento
CV-SM[3] São Miguel Ilhas do Sotavento
CV-SS[2] São Salvador do Mundo Ilhas do Sotavento
CV-SV São Vicente Ilhas do Barlavento
CV-TA Tarrafal Ilhas do Sotavento
CV-TS[2] Tarrafal de São Nicolau Ilhas do Barlavento

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Aggiunto nel 2002: ISO 3166-2 Newsletter No.I-2, 21 maggio 2002. URL consultato il 24 agosto 2010.
  2. ^ a b c d e f Aggiunto nel 2010: ISO 3166-2 Newsletter No.II-2, 30 giugno 2010. URL consultato il 24 agosto 2010.
  3. ^ Aggiunto nel 2002 come CV-CS, poi cambiato in CV-SM nel 2010: ISO 3166-2 Newsletter No.I-2, 21 maggio 2002. URL consultato il 24 agosto 2010., ISO 3166-2 Newsletter No.II-2, 30 giugno 2010. URL consultato il 24 agosto 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]