I' te vurria vasà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I' te vurria vasà
Artista
Autore/i Vincenzo Russo, Eduardo Di Capua
Genere Musica leggera
Canzone napoletana
Musica lirica
Data 1900
Aiuto
Vincenzo Russo, Eduardo Di Capua (info file)
I' te vurria vasà — versione strumentale

I' te vurria vasà è una canzone in lingua napoletana pubblicata nel 1900, conosciuta a livello mondiale, e considerata una delle pietre miliari della canzone napoletana.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La canzone ha origine dall'amore infelice dell'autore Vincenzo Russo per Enrichetta Marchese. L'unione tra lo spiantato poeta e la ragazza, figlia di un gioielliere, era fortemente osteggiata dalla famiglia di lei, nonostante l'amore di Russo fosse corrisposto. I versi, composti sul finire del 1899 da Russo, furono musicati tra 1 ed 2 gennaio 1900 da Eduardo di Capua, famoso autore di 'O sole mio, nonché amico e sodale di Russo. Secondo quanto riporta la tradizione, il foglio con i versi fu consegnato da Russo a Di Capua la sera del 1º gennaio 1900 alla fine di una rappresentazione teatrale al Salone Margherita, dove si esibiva Armando Gill.

Presentata al concorso "La tavola rotonda", I' te vurria vasà non ebbe immediato successo, arrivando solo seconda ex aequo. Negli anni successivi, tuttavia, il brano ebbe grandissima diffusione, e fu interpretata da numerosi artisti napoletani, italiani ed internazionali, tra cui Mario Abbate, Sergio Bruni, Massimo Ranieri, Peppino di Capri, Gigi Finizio, Giacomo Rondinella, Lina Sastri, Roberto Murolo, Anna Calemme, Consiglia Licciardi, Renzo Arbore, Giorgia, Claudio Villa, Mina, Mango, Neil Sedaka. Come molte canzoni napoletane, travalicato il limite della musica leggera e popolare, I' te vurria vasà è stata inoltre inserita nel repertorio di noti esponenti della musica classica quali Enrico Caruso, Tito Schipa, Giuseppe Di Stefano, Franco Corelli, José Carreras, Luciano Pavarotti e Andrea Bocelli.

Testo[modifica | modifica sorgente]

Il testo della canzone, di grande delicatezza, descrive un momento di intimità tra due amanti. La scena è quella di un giardino profumato di malvarosa, poco prima dell'alba, attraversato da un refolo di vento. Il poeta veglia la propria donna addormentata, combattuto tra il desiderio di svegliarla con un bacio e la mancanza del coraggio necessario a rompere quel momento d'incanto. Con nessun'altra compagnia se non i propri pensieri, il poeta viene colto da momenti di gelosia e di dubbio su chi sia al centro dei sogni dell'amata; subito sopraffatti dall'amore e dal desiderio di baciarla e di trovare anch'egli pace nel sonno.

(NAP)
« Ah! Che bell'aria fresca...

Ch'addore 'e malvarosa...
E tu durmenno staje,
'ncopp'a sti ffronne 'e rosa!
'O sole, a poco a poco,
pe' stu ciardino sponta...
'o viento passa e vasa
stu ricciulillo 'nfronte!

I' te vurría vasá...
I' te vurría vasá...
ma 'o core nun mmo ddice
'e te scetá...
'e te scetá!...
I' mme vurría addurmí...
I' mme vurría addurmí...
vicino ô sciato tujo,
n'ora pur'i'...
n'ora pur'i'!...

Tu duorme oje Rosa mia...
e duorme a suonno chino,
mentr'io guardo, 'ncantato,
stu musso curallino...
E chesti ccarne fresche,
e chesti ttrezze nere,
mme mettono, 'into core,
mille male penziere!

I' te vurría vasá...
I' te vurría vasá...
ma 'o core nun mmo ddice
'e te scetá...
'e te scetá!...
I' mme vurría addurmí...
I' mme vurría addurmí...
vicino ô sciato tujo,
n'ora pur'i'...
n'ora pur'i'!...

Sento stu core tujo
ca sbatte comm'a ll'onne!
Durmenno, angelo mio,
chisà tu a chi te suonne...
'A gelusia turmenta
stu core mio malato:
Te suonne a me?...Dimméllo!
O pure suonne a n'ato?

I' te vurría vasá...
I' te vurría vasá...
ma 'o core nun mmo ddice
'e te scetá...
'e te scetá!...
I' mme vurría addurmí...
I' mme vurría addurmí...
vicino ô sciato tujo,
n'ora pur'i'...
n'ora pur'i'!...
 »
(IT)
« Ah! Che bell'aria fresca...

Che profumo di malvarosa...
E tu stai dormendo
Su queste foglie di rosa
Il sole a poco a poco,
spunta su questo giardino...
il vento passa e bacia
questo riccioletto sulla tua fronte!

Io vorrei baciarti
Io vorrei baciarti
Ma non mi regge il cuore
di svegliarti
di svegliarti
Io vorrei addormentarmi
Io vorrei addormentarmi
vicino al tuo respiro
un'ora anch'io
un'ora anch'io

Tu dormi oh Rosa mia
e dormi profondamente
mentre io guardo incantato
queste labbra di corallo
e queste carni fresche
e queste trecce nere
mi mettono nel cuore
mille cattivi pensieri

Io vorrei baciarti
Io vorrei baciarti
Ma non mi regge il cuore
di svegliarti
di svegliarti
Io vorrei addormentarmi
Io vorrei addormentarmi
vicino al tuo respiro
un'ora anch'io
un'ora anch'io

Sento questo tuo cuore
che sbatte come le onde
mentre dormi, angelo mio
chi sa chi stai sognando
la gelosia tormenta
questo mio cuore malato
Sogni di me? Dimmelo!
Oppure sogni di un altro?

Io vorrei baciarti
Io vorrei baciarti
Ma non mi regge il cuore
di svegliarti
di svegliarti
Io vorrei addormentarmi
Io vorrei addormentarmi
vicino al tuo respiro
un'ora anch'io
un'ora anch'io
 »

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Vittorio Paliotti (2007) Storia della canzone napoletana. Editore Newton Compton.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Scheda sull'Archivio Sonoro della Canzone Napoletana su radio.rai.it