Hywel ab Owain Gwynedd

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hywel ab Owain Gwynedd (morto nel 1170) fu un poeta e un leader militare gallese. Era figlio illegittimo di Owain Gwynedd, principe del Gwynedd, e dell'irlandese Pyfog e per questo è anche conosciuto come Hywel ap Gwyddeles (=Hywel figlio di una donna irlandese).

Nel 1143 il fratello di Owain Gwynedd, Cadwaladr, che aveva possedimenti nel Meirionnydd e nel Ceredigion fu coinvolto nell'assassinio di Anarawd ap Gruffydd del Deheubarth. Owain rispose inviando Hywel a strappargli le terre del Ceredigion del nord, catturando e bruciando il castello di Aberystwyth. Nel 1147, Hywel e suo fratello Cynan cacciarono Cadwaladr dal Meirionnydd. Hywel perse il Ceredigion del sud nel 1150 quando Cadell ap Gruffydd del Deheubarth lo scacciò a nord del fiume Aeron e reclamò le terre.

Dopo la morte di Owain Gwynedd (1170), i suoi figli entrarono in conflitto tra di loro per il dominio del Gwynedd. Hywel fu riconosciuto da molti come l'erede naturale di Owain, ma per la legge gallese tutti i figli (legittimi o no) avevano gli stessi diritti di eredità. I fratellastri di Hywel, Dafydd e Rhodri, lo costrinsero a scappare in Irlanda, dove raccolse un esercito con cui tornò in patria per reclamare parte del regno, ma fu sconfitto e ucciso nella battaglia di Pentraeth nell'Anglesey.

Hywel fu anche un poeta di cui ci restano otto poemi, tra cui il meglio noto è probabilmente il Gorhoffedd Hywel ab Owain Gwynedd in cui egli elogia il regno paterno per le sue bellezze naturali e per le sue belle donne. Altri poemi comprendono gli esempi più antichi di poesia d'amore gallese a noi noti che potrebbero indicare un'influenza della poesia cortese francese. Hywel ebbe due figli:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kathleen Anne Bramley et al (ed.), Gwaith Llywelyn Fardd I ac eraill o Feirdd y Ddeuddegfed Ganrif (1994).
  • R R Davies, The Age of Conquest[:] Wales 1063-1415 (1991)
  • John Edward Lloyd (1911) A history of Wales from the earliest times to the Edwardian conquest (Longmans, Green & Co.)