Hywel Dda ap Cadell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statua di Hywel Dda ap Cadell nel municipio di Cardiff

Hywel Dda noto come Howell in inglese, detto il Buono (880 circa – 950) è stato sovrano del Regno di Gwynedd dal 942; regnò dapprima sul solo Deheubarth e poi su maggior parte del Galles.

In quanto discendente di Rhodri Mawr ("il Grande") per linea paterna (era figlio di Cadell), Hywel apparteneva a un ramo della dinastia del Dinefwr.

È ricordato come uno dei sovrani gallesi di maggior successo precedenti alla conquista normanna. Il suo nome è in particolar modo connesso con lo sviluppo delle leggi gallesi, spesso chiamate Leggi di Hywel.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Hywel nacque attorno all'880 ed era il figlio più giovane di Cadell, figlio di Rhodri Mawr. Nel 905 Cadell diede al figlio il Dyfed, da lui appena conquistato, affinché lo regnasse in sua vece. Hywel consolidò il suo potere sposando Elen, figlia del precedente sovrano del Dyfed, Llywarch ap Hyfaidd. Dopo la morte del padre (909) ebbe una parte del Seisyllwg e dopo quella del fratello (920) creò il regno del Deheubarth. Dopo la morte del cugino Idwal Foel (942), acquistò anche gran parte del Gwynedd e così divenne sovrano di circa 3/4 dell'odierno Galles.

La pace con l'Inghilterra[modifica | modifica sorgente]

Il suo regno, cosa strana per l'epoca, fu pacifico. Egli raggiunse un accordo con re Athelstan d'Inghilterra. Fu l'unico sovrano gallese a battere moneta propria e lo fece nella città inglese di Chester. I suoi studi sul sistema legale inglese e la sua visita a Roma nel 928 gli permisero di formulare idee avanzate di governo.

Sono diverse le opinioni sul perché Hywel ebbe un rapporto così stretto con Athelstan. Secondo John Edward Lloyd Hywel sarebbe stato un anglofilo convinto e un ammiratore dei re del Wessex[1], mentre D.P. Kirby suggerisce che la sua scelta sarebbe stata dettata da pragmatismo, perché egli aveva compreso bene la realtà politica e gli equilibri di potere del tempo[2]. È degno di nota il fatto che abbia dato a un suo figlio un nome anglosassone, Edwin. Le sue scelte politiche non erano però accettate e condivise da tutti i suoi sudditi: un poema in lingua gallese, l'Armes Prydein, che secondo sir Ifor Williams sarebbe stato scritto nel Deheubarth durante il regno di Hywel, invitava i gallesi a unirsi in una confederazione di tutti i popoli non inglesi della Britannia e dell'Irlanda per combattere contro i sassoni. Il poema potrebbe essere messo in relazione con l'alleanza norvegese e celtica che nel 937 affrontò Athelstan nella battaglia di Brunanburh. Il fatto che nessuna forza militare gallese abbia partecipato a quest'alleanza si potrebbe spiegare con le scelte e l'influenza di Hywel. Tuttavia, neppure Athelstan ricevette truppe gallesi in aiuto.

La legislazione[modifica | modifica sorgente]

La conferenza di Whitland, tenutasi attorno al 945, fu una specie di parlamento in cui fu codificata e messa per iscritto la legge gallese. Gran parte del lavoro fu fatta dal celebre ecclesiastico Blegywryd. Lo scopo di questo nuovo sistema di leggi fu quello di favorire la riconciliazione tra i gruppi familiari ed evitare le faide, piuttosto che sul mantenere l'ordine con le pene. Secondo questo sistema, i parenti di chi uccideva, feriva o insultava qualcuno, dovevano risarcire la famiglia della vittima. Rispetto ad altri sistemi legislativi europei, la legge gallese diede alle donne una certa condizione elevata, specialmente riguardo al patrimonio di quelle sposate e ai loro diritti sui figli. Sebbene modificata nel corso dei secoli, la legislazione di Hywel restò in vigore fino al XVI secolo, quando venne abolita dal Parlamento inglese. Dopo la morte di Hywel (c.950), il regno fu subito diviso in tre parti: il Gwynedd fu reclamato dai figli di Idwal Foel, mentre il Deheubarth fu spartito tra i figli del defunto sovrano.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ John Edward Lloyd|, A history of Wales: from the earliest times to the Edwardian conquest, Longmans, Green & Co, 1911.
  2. ^ D.P. Kirby, Hywel Dda: Anglophile?, in Welsh Historical Review, 8 (1976-1977).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • John Edward Lloyd, A history of Wales: from the earliest times to the Edwardian conquest, Longmans, Green & Co, 1911
  • D.P. Kirby, Hywel Dda: Anglophil?, Welsh Historical Review, 8 (1976-7)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re del Gwynedd Successore
Idwal Foel ab Anarawd 920 - 950 Iago ab Idwal
Ieuaf ab Idwal
Predecessore Re del Dyfed Successore
Rhodri ap Hyfaidd 905 - 909 Fusione dei regni
Predecessore Re di Seisyllwg Successore
Cadell ap Rhodri 909
Predecessore Re del Deheubarth Successore
Fusione di Dyfed e Seisyllwg nel Deheubarth 909 - 950 Owain ap Hywel
Rhodri ap Hywel
Edwin ap Hywel
Predecessore Re del Powys Successore
Llywelyn ap Merfyn 942-950 Owain ap Hywel