Hydra (zoologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hydra
Hydra001.jpg
Hydra sp.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Cnidaria
Classe Hydrozoa
Sottoclasse Hydroidolina
Ordine Anthoathecata
Sottordine Aplanulata
Famiglia Hydridae
Genere Hydra
Linnaeus, 1758
Sinonimi

Chlorohydra
Schulze, 1917
Pelmatohydra
Schulze, 1917

Specie
Vedi testo

Hydra Linnaeus, 1758 è un genere di cnidari idrozoi appartenente alla famiglia Hydridae, conosciuti nel complesso col nome comune di "idra".[1]

Per le sue particolarità zoologiche (simmetria radiale, alta capacità di rigenerazione) è considerata un organismo modello.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il corpo dell'animale è sostanzialmente a forma di vaso mediante l'apertura che presenta dei tentacoli, che estroflettendosi permettono la cattura della preda. Una volta catturata la preda, viene condotta all’interno del corpo dell’animale mediante i tentacoli e giunge nella cavità gastrovascolare. Qui avviene una digestione extracellulare grazie alla secrezione di enzimi da parte delle cellule che costituiscono il gastroderma. In seguito alla digestione, le sostanze idrolizzate (ridotte a molecole semplici e assimilabili dalle singole cellule) diffondono nelle varie cellule dell’animale, come l’ossigeno e l'anidride carbonica. Tra la cavità grastrovascolare e l’epidermide si trova una sostanza gelatinosa detta mesoglea. L’Hydra è piuttosto sessile, infatti possiede nella parte inferiore del corpo una sorta di disco grazie al quale riesce ad ancorarsi ad un substrato (generalmente una pianta) e a spostarsi, anche se molto lentamente.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

La riproduzione di questo animale avviene per gemmazione: sul corpo si formano delle piccole gemme, che una volta staccatesi vanno incontro ad un processo mitotico che svilupperà altri individui.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Sono state descritte le seguenti specie:[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Schuchert, P., 2013, Hydra in WoRMS 2013 (World Register of Marine Species).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]