Hussiti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jan Hus al Concilio di Costanza, dipinto di Carl Friedrich Lessing, 1842

Con il termine Hussiti o Ussiti (in ceco: Husité o Kališníci, cioè "Persone del Calice") vengono definiti gli appartenenti ad un movimento cristiano riformatore e rivoluzionario sorti in Boemia nel XV secolo, precursori, insieme ai lollardi di John Wyclif, della Riforma protestante.

Il nome deriva dal fatto che questi cristiani erano seguitori della dottrina del teologo boemo Jan Hus, ma le origini del movimento sono da ricercarsi in una concomitanza di fattori:

  • il cristianesimo era giunto in Boemia arrivando da Oriente; questo fatto e la conformazione geografica della zona fece sì che i legami con la Chiesa di Roma non fossero particolarmente stretti. Al già fragile legame non giovò il calo di "immagine" dovuto ai movimenti scismatici dell'epoca;
  • le fasce di popolazione più povera mal sopportavano l'avidità delle gerarchie ecclesiastiche; a ciò si aggiunsero episodi di comportamento dissoluto da parte di religiosi cattolici;
  • il movimento assunse anche una connotazione "rivoluzionaria". Oltre un terzo dei terreni era di proprietà della Chiesa, e ciò diede luogo ad alcune ribellioni contadine. Stava inoltre diffondendosi nel paese l'entusiasmo per il nazionalismo slavo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Giorgio di Boemia.

Durante il Concilio di Costanza, Jan Hus fu condannato al rogo e ucciso il 6 luglio 1415[1]. Egli aveva assunto delle posizioni molto critiche nei confronti del potere ecclesiastico e dell'infallibilità del pontefice, posizioni vicine a quelle di Wyclif e dei valdesi. In seguito le sue opinioni influenzarono, tra gli altri, Martin Lutero.

Dopo l'esecuzione di Hus, il movimento hussita assunse un carattere quasi insurrezionale. Vi furono moti di protesta e, nel settembre del 1415, 452 nobili boemi e moravi inviarono una formale nota contro l'accusa di eresia che aveva portato alla condanna di Hus. La popolazione considerò Hus come un martire e dalle proteste prese origine il movimento nazionalistico ceco.

Teologi hussiti disputano le loro tesi davanti a Ladislao II di Polonia

Nel 1420 furono stilati i Quattro articoli di Praga, una sorta di manifesto del credo hussita:

  • Libertà per i preti e per i laici di predicare le Sacre Scritture in lingua locale.
  • Comunione eucaristica sotto ambedue le forme, il calice contenente il vino e il pane, data sia agli adulti che ai bambini (il calice divenne il simbolo degli hussiti).
  • Espropriazione dei beni ecclesiastici, povertà del clero e rinuncia ai beni materiali.
  • Pene esemplari per i peccati mortali commessi da membri del clero.

In seguito il movimento si divise in correnti:

  • la corrente moderata degli hussiti, formata da studenti, nobiltà e alta borghesia, prese il nome di calixtini (dal latino calix, calice, chiamati talvolta anche calinisti, calicisti o utraquisti dalla locuzione latina sub utraque specie);
  • la corrente più estremista prese il nome di taboriti da Tábor, una collina nei pressi della città di Sezimovo Ústí, nella Boemia meridionale dove fu fondato un insediamento e vi si aggregarono i contadini e le fasce più povere della popolazione;
  • dai taboriti prese origine un'altra corrente radicale, quella degli horebiti guidati dal nobile Jan Žižka;
  • la corrente degli adamiti o piccardi guidata da Martin Húska.

Come conseguenza dei moti di ribellione scatenati dall'esecuzione di Hus, il sovrano di Boemia Venceslao IV tentò di escludere gli hussiti dalle cariche pubbliche e religiose. Ciò provocò una sollevazione e il 30 luglio del 1419 alcuni taboriti, guidati da Žižka, dettero luogo alla prima defenestrazione di Praga, uccidendo 7 magistrati che si erano rifiutati di rilasciare alcuni taboriti precedentemente arrestati e imprigionati.

Guerre hussite[modifica | modifica wikitesto]

Poco più di un mese dopo il re Venceslao morì e gli successe al trono di Boemia il fratellastro Sigismondo di Lussemburgo, già re di Germania. La dipartita del sovrano aveva suscitato commozione in tutto il popolo di Praga. Gli hussiti insorsero dopo aver udito la notizia e iniziarono a distruggere chiese, monasteri, e ad appropriarsi dei beni della Chiesa cattolica. L'unica possibilità per Sigismondo di riprendere il potere nelle sue mani era passare alle armi. Nel 1420 Martino V, sfruttando la sua bolla papale Inter cunctas, che scomunicava gli hussiti e indiceva una crociata contro di loro; gli hussiti all'inizio protestarono pacificamente ma dopo il 1427 decisero di ribellarsi, non solo per difendere il proprio credo cristiano ma anche i Cechi.

Illustrazione della battaglia di Kratzau, in cui l'Esercito slesiano massacrò varie truppe hussite

Sigismondo, grazie all'iniziativa del papa, invase la Boemia subendo però pesanti sconfitte da parte delle armate hussite guidate da Žižka durante le cosiddette guerre hussite (1420-1434); durante questo arco di tempo i seguaci di Hus tradussero le Sacre Scritture in ungherese e uralico, scrivendo quindi la Bibbia hussita. Le fazioni più moderate degli hussiti decisero di scappare dalla Boemia e rifugiarsi nei paesi confinanti. Il 23 marzo 1430 la francese Giovanna d'Arco emanò un diktat in cui minacciò gli hussiti che avrebbe portato avanti una nuova crociata contro di loro se non fossero ritornati al cattolicesimo[2], ma la cattura di quest'ultima da parte degli inglesi e burgundi le impedì di realizzare un nuovo massacro.

La fine delle guerre hussite è sancita dalla Dieta di Iglau (Jihlava) nella quale le due fazioni accettarono le decisioni del Concilio di Basilea (3 marzo 1431). Gli hussiti calixtini accettarono di riconoscere Sigismondo come sovrano di Boemia e in cambio ottennero la libertà religiosa e numerose cariche nobiliari. I taboriti decisero di non conformarsi alle condizioni della Dieta e perciò vennero annientati a Lipan dai calixtini e dai cattolici il 30 maggio 1434. A partire da quel momento i taboriti persero importanza e si rifugiarono per cinque anni in Polonia, dove però vennero nuovamente uccisi per ordine del re Ladislao III Jagellone.

L'assemblea di stato avvenuta a Jihlava nel 1436 confermò il Compacta di Praga, riconciliando la Boemia con la Chiesa di Roma e l'Europa occidentale; Sigismondo venne odiato e criticato da tutti i Cechi a causa delle sue misure repressive, gettando la nazione nel fermento, ma quest'ultimo morì nel 1437. L'assemblea di stato di Praga rifiutò la dottrina di Wyclif sulla Cena del Signore, atto che fu visto con disprezzo dai calixtini, dichiarandola eresia nel 1444. Molti dei taboriti decisero di passare dallaparte dei calixtini, altri invece costituirono l'Unitas Fratrum, detta anche Unione dei Fratelli Boemi.

Separazione e rinascita[modifica | modifica wikitesto]

I calixtini non conservarono niente della dottrina di Wyclif, a parte la sua interpretazione eucaristica. Papa Pio II nel 1462 rese nulla la Compacta, proibì la comunione con ambedue le specie, e propose a Giorgio di Boemia di riconoscerlo come re se egli fosse tornato a sottomersi alla Chiesa cattolica; Giorgio rifiutò, rimase un hussita, ma il suo successore, Ladislao II di Boemia, diventò cattolico ed espulse molti calixtini troppo zelanti dal clero. Le difficoltà dei calixtini aumentavano anno dopo anno. Nel 1485 alla Dieta di Kutná Hora fecero un accordo coi cattolici, durante trentuno anni, dopodiché, con la Dieta del 1512, si riconobbero pari diritti ad entrambe le parti.

L'arrivo di Martin Lutero venne ben accolto dagli hussiti, e Lutero stesso si soprese dell'aver trovato così tanti punti in comune tra la sua teologia e quella di Hus. Non tutti i calixtini però approvavano la Riforma in Germania; avvenne quindi uno scisma tra gli hussiti, alcuni dei quali tornarono al cattolicesimo, altri entrarono a far parte della nascente Unitas Fratrum nel 1457. Con l'imperatore Massimiliano II d'Asburgo venne formulata la Confessio Bohemica, a cui luterani, riformati e Fratelli Boemi aderirono. Con lo scoppio della guerra dei trent'anni e la battaglia della Montagna Bianca, l'8 novembre 1620 la fede cattolica venne ristabilita come religione di Stato in Boemia e Moravia; gli hussiti iniziarono a diminuire.

I Fratelli Boemi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Moraviani.

Messi al muro dalla controriforma cattolica, i membri dell'Unitas Fratrum dovettero quindi decidere se andare via dal Sacro Romano Impero Germanico o restare e praticare il cristianesimo hussita in segreto. Come risultato dovettero nascondersi e scappare verso il Nord Europa. La comunità dei Fratelli Boemi più numerosa rimase comunque quella di Leszno, in Polonia, strettamente legata ai Cechi e affiliata a vari e piccoli altri gruppi hussiti della Moravia. Molti di loro, come il celebre filosofo Comenio, fuggirono verso l'Europa occidentale, altri verso i paesi del Sud.

Una comunità di Fratelli Boemi stabilitasi a Herrnhut, in Germania, nel 1727 pose le basi per la nascita della Chiesa Moraviana, nome ufficiale dell'Unitas Fratrum odierna[3][4]. I moraviani di Herrnhut, sotto la guida del conte Nikolaus Ludwig von Zinzendorf, stabilirono missioni d'evangelizzazione anche in Africa e nelle Americhe[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oxford Dictionary of the Christian Church (Oxford University Press 2005 ISBN 978-0-19-280290-3), article "Constance, Council of"
  2. ^ Lettera di Giovanna d'Arco agli Hussiti
  3. ^ Sito ufficiale dell'Unitas Fratrum
  4. ^ Rican, Rudolf (1992). The History of the Unity of Brethren - A Protestant Hussite Church in Bohemia and Moravia. The Moravian Church in America. ISBN ISBN 1-878422-05-7.
  5. ^ Moravian History, Moravian.org.uk

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Howard Kaminsky. "A History of the Hussite Revolution," University of California Press, 1967.
  • Fudge, Thomas A., The Magnificent Ride: The First Reformation in Hussite Bohemia, Ashgate, 1998.
  • Fudge, Thomas A., The Crusade against Heretics in Bohemia, Ashgate, 2002.
  • Ondřej, Brodu, "Traktát mistra Ondřeje z Brodu o původu husitů", Muzem husitského revolučního hnutí, Tábor, 1980, OCLC 28333729
  • Mathies, Christiane, "Kurfürstenbund und Königtum in der Zeit der Hussitenkriege: die kurfürstliche Reichspolitik gegen Sigmund im Kraftzentrum Mittelrhein," Selbstverlag der Gesellschaft für Mittelrheinische Kirchengeschichte, Mainz, 1978, OCLC 05410832
  • Bezold, Friedrich von, "König Sigmund und die Reichskriege gegen die Husiten," G. Olms, Hildesheim, 1978, ISBN 3-487-05967-3
  • Denis, Ernest, "Huss et la Guerre des Hussites," AMS Press, New York, 1978, ISBN 0-404-16126-X
  • Macek, Josef, "Jean Huss et les Traditions Hussites: XVe–XIXe siècles," Plon, Paris, 1973, OCLC 905875
  • Klassen, John, "Hus, the Hussites, and Bohemia" in New Cambridge Medieval History (Cambridge, 1998)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]