Humbert Balsan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Humbert Balsan (Arcachon, 21 agosto 1954Parigi, 10 febbraio 2005) è stato un produttore cinematografico e attore francese, attivo dalla seconda metà degli anni settanta alla prima metà degli anni duemila.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Balsan inizia la sua carriera cinematografica come attore, esordendo nel 1974 in Lancillotto e Ginevra (Lancelot du Lac) diretto da Robert Bresson, per il quale ricopre il ruolo di aiuto regista nell'opera successiva, Il diavolo probabilmente (Le diable probablement) (1977). A partire dai primi anni ottanta affianca all'attività recitativa anche quella produttiva, che diventa presto prevalente, mentre le sue interpretazioni diventano episodiche.

Si dedica in particolare ad autori del Vicino e Medio Oriente, come gli egiziani Youssef Chahine e Yousry Nasrallah, il libanese Maroun Bagdadi, il palestinese Elia Suleiman.

Tra le sue produzioni più importanti, Il destino (Al-massir) di Chahine, Premio del 50º Anniversario al Festival di Cannes 1997, El Medina di Nasrallah, premiato al Festival di Locarno 1999, Intervento divino (Yadon ilaheyya) di Suleiman, Premio della giuria al Festival di Cannes 2002, Le grand voyage (2004) di Ismaël Ferroukhi, Premio Luigi De Laurentiis alla Mostra del Cinema di Venezia 2004 e Quand la mer monte... (2004) di Yolande Moreau e Gilles Porte, Premio César per la migliore opera prima e Premio Louis-Delluc.

Si toglie la vita a soli cinquant'anni, impiccandosi negli uffici della sua società di produzione, la Ognon Pictures.[1]

Alla sua figura e alla sua tragica fine è ispirato il film Il padre dei miei figli (Le père de mes enfants) (2009) di Mia Hansen-Løve, la cui opera prima avrebbe dovuto essere prodotta da Balsan.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Produttore[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) Jean Roy, Humbert Balsan, le flamboyant in L'Humanité, 14 febbraio 2005. URL consultato il 21-6-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 21690786