Hud (profeta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Nel Corano, Hūd (in arabo: هود) è il profeta della tribù degli ʿĀd,[1] nipote di Noè (Nūḥ, in arabo: نوح). La loro città sarebbe stata Iram[2]. Hūd è da alcuni storici delle religioni individuato nel Patriarca biblico Heber, discendente di Sem. È anche il titolo della Sura XI del Corano.[3].

Nel Corano[modifica | modifica sorgente]

Nella Sura a lui dedicata, Allāh promette tremendi castighi a chi mette in dubbio la Sua parola e a quanti reclamano prove circa la verità di quanto da Lui rivelato nel Corano. Il testo sacro islamico afferma che Mūsā, Nūḥ (Noé), Hūd, Ṣāliḥ Ibrāhīm, Lūṭ, Shuʿayb e lo stesso Maometto sono stati rifiutati dalle genti cui essi erano stati inviati per le ragioni più diverse, ma che Dio punirà tutte queste genti ribelli, sterminandole, se esse non si pentiranno, anche per impartire un esemplare ammonimento per le comunità che, sciaguratamente per loro, volessero imitarle.

Gli ʿĀd rifiutarono di sottomettersi alle ingiunzioni di Hūd. Furono perciò sottoposti a una dura siccità. Qāʾil, il loro capo, si decise allora a celebrare un sacrificio a Dio per il ritorno della pioggia, ma era ormai troppo tardi, visto che Dio aveva deciso di punire gli ʿĀd per la loro incredulità. Qāʾil, che era non credente, condusse le vittime sulla cima di una montagna per sacrificarle egli stesso.

« Girando allora il suo volto verso il cielo, disse: “O Dio del cielo, io ti chiedo la pioggia per il mio popolo: sii il nostro protettore”. Nello stesso istante apparvero tre nuvole; la prima era rossa, la seconda nera e la terza bianca. Da queste nuvole uscì una voce che diceva: “Quale vuoi che si diriga verso il tuo popolo?” Qāʾil si disse tra sé e sé: “Se questa nuvola rossa si dirigesse verso il mio popolo, non ne scaturirebbe pioggia, del pari la nuvola bianca, restasse anche tutto un giorno, non ne uscirebbe pioggia. È la nuvola nera che assicura la pioggia”. Allora Qāʾil disse ad alta voce: “Chiedo che questa nuvola nera vada verso il mio popolo” »
( Ṭabarī, Dalla creazione a David in op. cit., pp. 116. Storia del profeta Hūd.)

La nuvola si fermò sopra la testa degli Aditi, e il vento sterile che essa conteneva ne uscì, come è detto nel passaggio del Corano citato da Ṭabarī[4]:

« E anche fra gli ʿĀd fu un Segno, allorché mandammo contro di loro il vento devastatore »
(Corano, LI:41)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ O Aditi.
  2. ^ Cor., LXXXIX:7-8.
  3. ^ Corano, La Sura di Hud.
  4. ^ Ṭabarī, Dalla creazione a David in op. cit., pp. 117. Storia del profeta Hūd..

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Tabari, La Chronique. Histoire des prophètes et des rois, tradotto da Hermann Zotenberg, Thésaurus, I, Parigi, Actes Sud / Sindbad, 2001, ISBN 2-7427-3317-5..

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]