Hubertus von Hohenlohe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hubertus von Hohenlohe all'Amadeus Austrian Music Award 2013

Hubertus Rudolph von Fürstenberg-von Hohenlohe-Langenburg (Città del Messico, 2 febbraio 1959) è uno sciatore alpino, dirigente sportivo, cantante, fotografo e attore messicano. Ha partecipato a sei edizioni dei Giochi olimpici invernali (dove è stato per tre volte portabandiera durante la cerimonia di apertura) e a quattordici dei Mondiali.

Fino al 1984 ha gareggiato come Hubertus von Fürstenberg e come artista ha utilizzato anche i nomi Andy Himalaya e Hubertus Hohenlohe[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Principe messicano[non chiaro], è un discendente dei Württemberg[senza fonte]; è figlio di Ira von Fürstenberg e Alfonso von Hohenlohe e ha anche passaporto austriaco; è nipote di Max, sciatore alpino liechtensteinese[1]. Vive tra Marbella (Spagna) e Liechtenstein[senza fonte].

Carriera sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Hubertus von Hohenlohe
Dati biografici
Nome Hubertus Rudolph von Fürstenberg-von Hohenlohe-Langenburg
Nazionalità Messico Messico
Altezza 184 cm
Peso 92 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Slalom gigante, slalom speciale, combinata
Statistiche aggiornate al marzo 2014

Dopo aver invano tentato di qualificarsi per la Nazionale di sci alpino dell'Austria, Hohenlohe ha fondato la Federazione sciistica del Messico, divenendone presidente e ottenendo così di poter gareggiare per il Messico[1]. In Coppa del Mondo ha ottenuto i primi punti l'8 dicembre 1981 nella combinata di Aprica, chiudendo tredicesimo, e ha ottenuto come miglior risultato un quinto posto, sempre in combinata, a Madonna di Campiglio il 13 dicembre dello stesso anno, nella gara vinta dallo statunitense Phil Mahre.

Dal 1982 al 2010 ha partecipato, in rappresentanza del Messico (poiché ogni nazione può iscrivere un rappresentante anche se non ha i punti FIS necessari[senza fonte]) a cinque edizioni dei Giochi olimpici invernali (dove è stato per tre volte portabandiera durante la cerimonia di apertura[2]) e a tredici[3] dei Mondiali.

Hohenlohe non è stato ammesso dal CIO ai Giochi olimpici invernali di Salt Lake City 2002 e Torino 2006. Nel primo caso perché non aveva conseguito il minimo di 120 punti FIS per potervi partecipare[senza fonte][4], nel secondo caso perché il Comitato Olimpico Messicano non ha ammesso l'iscrizione di una nazionale composta da un solo concorrente[5]; è riuscito però a partecipare ai XXI Giochi olimpici invernali di Vancouver 2010 come unico rappresentante del Messico. Il 23 febbraio 2010, all'età di 51 anni, ha concluso al 78º posto la gara di slalom gigante. Il 19 febbraio 2011 ha partecipato, a 52 anni e 17 giorni, allo slalom dei Mondiali di Garmisch-Partenkierchen nel 2011, giungendo 61º a 30"50 dal vincitore[6]. Il suo miglior piazzamento olimpico è stato il 26º posto in slalom speciale a Sarajevo 1984.

Ha ottenuto due titoli nazionali messicani nel 2010, in supergigante e in slalom speciale, nelle gare disputate nel gennaio del 2010 a Innerkrems, in Austria. Hohenlohe era l'unico messicano iscritto e si è piazzato rispettivamente 42° e 40°; la FIS ha tuttavia omologato le gare[7].

Nel 2013 ha partecipato ai Mondiali di Schladming (56º nello slalom speciale) e nel 2014 ai XXII Giochi olimpici invernali di Soči 2014, senza concludere la prova di slalom speciale.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]
  • Miglior piazzamento in classifica generale: 42º nel 1982
Campionati messicani[modifica | modifica wikitesto]
  • 2 medaglie[8]:
    • 2 ori (supergigante, slalom speciale nel 2010)

Carriera artistica[modifica | modifica wikitesto]

Andy Himalaya/
Hubertus Hohenlohe
Nazionalità Messico Messico
Genere Pop
Periodo di attività 1988 – in attività
Album pubblicati 5

Fotografia[modifica | modifica wikitesto]

Amico di Andy Warhol fin dal 1979[senza fonte], Hohenlohe ha esposto le sue opere fotografiche in varie gallerie in giro per il mondo[9]; ha inoltre pubblicato un libro fotografico nel 2008, Urban jungles ((DE) Hubertus von Hohenlohe, Urban jungles, TeNeues, 2008, ISBN 3-8327-9250-3.).

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Come cantante, Hohenlohe ha inciso cinque album: il primo, Rio - Vienna, uscito nel 1988, ha ottenuto un discreto successo in Spagna, Portogallo, Sudamerica ed Europa centrale, grazie alla canzone di traino I Think I Am. Ha anche prodotto il singolo The Ryhthm Divine per Shirley Bassey e Yello[senza fonte].

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 ha partecipato a un episodio della serie televisiva austriaca SOKO Kitzbühel e nel 2009 ha recitato nel film tv tedesco Johanna - Köchin aus Leidenschaft; in carriera ha preso parte a diverse altre produzioni, con piccole apparizioni nel ruolo di sé stesso[10].

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Dischi pubblicati[11]:

Album[modifica | modifica wikitesto]
    • Rio - Vienna (1988)
    • Busy Going Nowhere (1993), pubblicato con il nome d'arte "You Know Who"
    • Shopping Bags & Religion (2002)
    • Spiegelbilder (2002)
    • Enter My Universe (2004)
Singoli[modifica | modifica wikitesto]
    • Hollywood
    • I Want Pop (2008)
    • America
Video[modifica | modifica wikitesto]
    • I Want Pop (2008)
    • Life (2006)
    • Andy (1994)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Scheda Sports-reference. URL consultato il 15 agosto 2010.
  2. ^ Scheda sports-reference.com sul Messico. URL consultato il 24 novembre 2014.
  3. ^ "Sport" sul sito personale (aggiornato al 2003). URL consultato il 15 agosto 2010. Cfr. anche scheda FIS.
  4. ^ "Hubertus von Hohenlohe senza Olimpiadi" sul forum di Fantaski.it. URL consultato il 15 agosto 2010.
  5. ^ Matteo Pavesi, Hohenlohe: chiudo a Garmisch 2011 in Fantaski.it, 30 giugno 2009. URL consultato il 13 gennaio 2011.
  6. ^ Referto della gara di slalom. URL consultato il 19 febbraio 2011.
  7. ^ Referto della gara di supergigante. URL consultato il 13 gennaio 2011. Referto della gara di slalom speciale. URL consultato il 13 gennaio 2011.
  8. ^ (EN) Profilo FIS (dati parziali). URL consultato il 24 novembre 2014.
  9. ^ "Photo" sul sito personale. URL consultato il 15 agosto 2010.
  10. ^ Scheda su Hubertus von Hohenlohe dell'Internet Movie Database. URL consultato il 15 agosto 2010.
  11. ^ "Music" sul sito personale. URL consultato il 15 agosto 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Alfiere del Messico ai Giochi olimpici invernali Successore
Roberto Alvárez Lillehammer 1994 Roberto Tamés I
Roberto Tamés Vancouver 2010 Hubertus von Hohenlohe II
Hubertus von Hohenlohe Soči 2014 -- III

Controllo di autorità VIAF: 5266550