Howard il papero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Howard il papero
Howard il papero, insieme a Beverly Switzler e l'Uomo Cosa.
Howard il papero, insieme a Beverly Switzler e l'Uomo Cosa.
Universo Universo Marvel
Nome orig. Howard the Duck
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. dicembre 1973
1ª app. in Adventure Into Fear n. 19
Specie Papero
Sesso Maschio
Abilità
  • maestro di Quack-Fu
Parenti
  • Dave e Dotty (genitori)

Howard il papero (Howard the Duck) è un personaggio dei fumetti creato da Steve Gerber e Val Mayerik per la Marvel Comics. Ha fatto il suo esordio nel dicembre 1973 sul numero 19 della serie Adventure into Fear. Negli anni settanta sugli albi pubblicati dall'Editoriale Corno venne presentato con il nome di Orestolo il papero.

Le storie di cui è protagonista sono incentrate sulle disavventure di un papero antropomorfo scorbutico intrappolato in un mondo dominato dagli umani. Le avventure di Howard sono generalmente parodie di storie fantascientifiche e fantasy, scritte in uno stile ironico e combinate con una certa coscienza delle limitazioni del mezzo (metafinzione); è infatti spesso molto sperimentale per essere un fumetto non-underground. Il personaggio ha spesso interagito con altri supereroi della Marvel in più di un'occasione, e nel 1986 uscì anche un film dal vivo ispirato al personaggio intitolato Howard e il destino del mondo.

Nel 2009 la rivista TIME lo ha classificato settimo nella Top 10 Oddest Marvel Characters, cioè la Classifica dei 10 personaggi più bizzarri della Marvel.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Creato da Steve Gerber e Val Mayerik, Howard è apparso per la prima volta nel dicembre 1973 in una storia del personaggio Uomo Cosa, pubblicata sul numero 19 della serie fumettistica Adventure into Fear. E’ un papero antropomorfo, alto sessanta centimetri (novanta nella versione cinematografica), dotato di un carattere scorbutico e sarcastico, con un sigaro perennemente in bocca. È intrappolato in un mondo dominato dagli umani, da lui definiti “scimmie senza peli”, lo stesso in cui vivono i personaggi dell'universo Marvel.[2]

Il pennuto, originario della città di New Stork City (parodia di New York) sull'immaginario pianeta Duckworld, fu catapultato sulla Terra per errore dal demoniaco Thog The Overmaster, che lo coinvolse in un incantesimo extradimensionale mentre stava lottando con Uomo Cosa; si ritrovò, quindi, nelle paludi della Florida, per poi finire sbalzato a Cleveland, dove decise di trasferirsi. Durante un’avventura che vide coinvolto anche Spider-Man, Howard salvò dalla grinfie del malvagio stregone Pro-Rata, intento a diventare il primo capo contabile dell’universo, la modella pornografica Beverly Switzler. Il cinico ma coraggioso papero e la folle ragazza divennero così compagni inseparabili, talvolta amanti.[3]

Howard fu protagonista di ben due serie regolari negli anni settanta, per la maggioranza parodie della fantascienza e del fantasy, caratterizzate da uno stile fortemente ironico, e da un pizzico di metafinzione, ovvero personaggi consapevoli dell’essere protagonisti di un fumetto: una scelta al limite dello sperimentalismo, che si rivelò prematura nei confronti del pubblico, decretando la chiusura della testata all’inizio degli anni ottanta. Il papero, tuttavia, continuò ad apparire saltuariamente nelle storie di Uomo Cosa, She-Hulk e anche in alcuni team-up con Spider-Man. Nel 2010 è stato protagonista, assieme a Machine Man e Jacali Kane, della miniserie horror Marvel Zombies 5. Nel 2011, nell’ambito del crossover Fear Itself, ha assemblato il team Fearsome Four, composto da supereroi minori come She-Hulk e Frankenstein, con lo scopo di fermare Uomo Cosa impazzito.[4]

Howard è anche apparso in numerosi cameo, spesso finalizzati ad offrire un sollievo comico a vicende sempre più drammatiche, nei principali crossover come Civil War, in cui si schiera a favore della registrazione dei supereroi perché venga finalmente ufficializzata la sua esistenza, e Secret Invasion, dove appare in versione Skrull. Nel libro The Transmigration of Timothy Archer di Philip K. Dick, pubblicato nel 1982, uno dei personaggi (Angel Archer) legge un numero di Howard the Duck. Nel romanzo L'ombra dello scorpione (The Stand) di Stephen King, un personaggio legge un fumetto di Howard the Duck ed è disorientato dalla storia; nella versione integrale del libro del 1990 il fumetto è stato cambiato in Teenage Mutant Ninja Turtles. Nell'albo Marvel Comics "I Potenti Vendicatori", quando Miss Marvel propone a Tony Stark di scegliere una squadra con i più forti eroi registrati, Howard il Papero compare tra le foto di questi, senza però essere preso in considerazione.

Inizialmente Howard era stato disegnato privo di pantaloni, ma questi gli furono aggiunti in seguito ad una controversia legale con la Disney, che citò la Marvel per plagio a causa della somiglianza del personaggio, anche nell’abbigliamento, con Paperino. All’episodio si ispirò una storia di Howard, incentrata proprio sul caos generato dalla mancanza di pantaloni del papero.[5]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Howard e il destino del mondo e Guardiani della Galassia (film).
Ed Gale interpreta Howard nel film

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

  • Activision ha pubblicato un gioco per Commodore 64 con lui protagonista intitolato Howard the Duck: Adventure on Volcano Island.
  • Compare tra i personaggi giocabili nel videogame Lego Marvel Super Heroes, con un trofeo a lui ironicamente dedicato.
  • Nel gioco Ultimate Marvel vs. Capcom 3 Howard appare come una carta d'abilità.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1997 Howard è stato unito a un personaggio della DC Comics, Lobo, per formare il personaggio Amalgam Lobo il papero.
  • Nella prima tavola della miniserie Ultimate Comics: Armor Wars un cartellone pubblicitario con la scritta HDTV mostra Howard.
  • Compare tra i personaggi giocabili del videogame Lego Marvel Super Heroes, con anche un trofeo a lui ironicamente dedicato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://entertainment.time.com/2009/09/02/top-10-oddest-marvel-characters/slide/howard-the-duck/
  2. ^ http://www.cinemaerrante.it/2011/12/30/la-storia-di-howard-il-papero-64638/
  3. ^ http://www.cinemaerrante.it/2011/12/30/la-storia-di-howard-il-papero-64638/
  4. ^ http://www.cinemaerrante.it/2011/12/30/la-storia-di-howard-il-papero-64638/
  5. ^ http://www.examiner.com/article/what-will-be-the-fate-of-howard-the-duck-under-disney
  6. ^ Marvel Studios: Feige parla di film su supereroine e la scena post-titoli dei Guardiani in everyeye.it.
  7. ^ Guardiani della Galassia: online la scena dopo i titoli di coda, rivela un nuovo personaggio! in everyeye.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics