Howard Stark

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Howard Stark
Howard Stark interpretato da Dominic Cooper.
Howard Stark interpretato da Dominic Cooper.
Universo Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. 1 agosto 1970
1ª app. in Iron Man (Vol. 1[1]) n. 28
Editore it. Editoriale Corno
app. it. ottobre 1974
app. it. in Incredibile Devil n. 117
Interpretato da
Voci italiane
Specie umano
Sesso Maschio
Etnia statunitense
Luogo di nascita Richford, New York
Abilità
Affiliazione
Parenti
  • Howard Stark Sr. (padre)
  • madre innominata
  • Edward Stark (fratello)
  • cognata innominata
  • Morgan Stark (nipote)
  • Maria Carbonell (moglie)
  • Arno Stark (figlio)
  • Tony Stark (figlio)
  • Isaac Stark (antenato)

Howard Anthony Walter Stark Jr.[7] è un personaggio dei fumetti creato da Archie Goodwin (testi) e Don Heck (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione avviene in Iron Man (Vol. 1[1]) n. 28 (1 agosto 1970).

Fondatore delle Stark Industries e padre di Tony Stark (Iron Man), Howard è un geniale inventore carismatico, donnaiolo e tendente all'alcolismo la cui relazione col figlio è sempre stata difficile, nonostante Tony abbia ereditato praticamente tutte le caratteristtiche della personalità del genitore.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Richford, New York, dal magnate ferroviario Howard Stark Sr.[7], differentemente da suo fratello minore Edward[8], Howard dimostra, sin da bambino, un'intelligenza fuori scala, che lo porta a divenire il braccio destro e in seguito erede degli affari paterni fondando, appena adolescente, la Stark Industries. Prodigio dell'ingegneria e della meccanica, l'insaziabile sete di ricerca di Howard lo porta a sviluppare e sperimentare nuove armi e tecnologie facendo sì che, raggiunta l'età adulta, la sua società diventi un caposaldo nella costruzione di armi e le sue innovazioni scientifiche contribuiscano a cambiare il mondo[9].

Durante la Seconda guerra mondiale, lavorato a stretto contatto con il governo degli Stati Uniti prendendo parte allo sviluppo del Progetto Manhattan e dei robot Arsenal[10]. Successivamente, nel 1950, Howard entra a far parte dello S.H.I.E.L.D. assieme a Nathaniel Richards[7] avendo così modo di conoscere e collaborare con Nick Fury[11].

Diversi anni dopo, Howard sposa Maria Collins Carbonell dalla quale ha un figlio: Tony, cui inculca sin da bambino l'imperativo morale che per avere successo nella vita occorra avere "acciaio nella spina dorsale"[9]. La vita familiare dell'uomo risulta però parecchio complicata: Howard è un marito infedele, un padre incapace di dimostrare affetto al proprio figlio[9] e un alcolista ben distante dall'immagine eroica che il mondo ha di lui.

Durante i suoi ultimi anni di vita, Howard è divenuto membro del Club Infernale (unicamente per partecipare ai lascivi party organizzativi), ha impedito ad Obadiah Stane di assumere il controllo della sua società come minimo in un occasione[12], ha affrontato indirettamente il Teschio Rosso ed ha incrociato Uatu, l'Osservatore.

Alle Idi di Marzo Howard e sua moglie muoiono in un incidente d'auto orchestrato dai rivali in affari dell'uomo, la Roxxon Oil Company[13].

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

House of M[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi House of M.

Nella realtà alternativa di House of M, Howard Stark è vivo e, assieme al figlio, a Forge e a Hank McCoy prende parte allo sviluppo di un armatura capace di abbattere una Sentinella se necessario[14], tuttavia rivela in seguito di star complottando contro Magneto[15] programmando alcune Sentinelle affinché obbediscano ai suoi ordini di modo che il figlio le sconfigga nei panni di Iron Man guadagnando così il rispetto dei mutanti, viene però scoperto e ucciso da Magneto stesso[16].

Marvel Noir[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie Iron Men Noir, Howard subisce un lavaggio del cervello da parte dei nazisti e diviene il Barone Zemo e muore per mano del figlio[17].

Ultimate[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ultimate Iron Man.

Nell'universo Ultimate, è vivo e viene imprigionato con la falsa accusa di aver assassinato il rivale d'affari e secondo marito della sua ex-moglie Loni, Zebediah Stane[18], nonostante in realtà sia stata la donna ad incastrarlo e in prigione venga quasi ucciso da un sicario mandato dalla stessa[19]. Successivamente tuttavia, il figlio riesce a provare la sua innocenza e farlo rilasciare[20] sebbene venga poi rivelato che tali avvenimenti siano romanzati e facciano in realtà parte di un film TV sulla vita degli Stark[21].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Iron Man (film), Iron Man 2, Captain America - Il primo Vendicatore e Ant-Man (film).

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  2. ^ Iron Man
  3. ^ Iron Man 2, Ant-Man
  4. ^ Captain America - Il primo Vendicatore, Marvel One-Shot Agente Carter, Agent Carter
  5. ^ Iron Man 2
  6. ^ Captain America - Il primo Vendicatore
  7. ^ a b c S.H.I.E.L.D. (Vol. 2) n. 1 (agosto 2011)
  8. ^ Iron Man: The Iron Age (Vol. 1) n. 1 (agosto 1998)
  9. ^ a b c Iron Man (Vol. 1) n. 28 (1 agosto 1970)
  10. ^ Iron Man (Vol. 1) n. 114 (settembre 1978)
  11. ^ Original Sin (Vol. 1) n. 5 (settembre 2014)
  12. ^ Iron Man (Vol. 1) n. 163 (ottobre 1982)
  13. ^ Iron Man: The Iron Age (Vol. 1) n. 2 (settembre 1998)
  14. ^ Iron Man: House of M (Vol. 1) n. 1 (settembre 2005)
  15. ^ Iron Man: House of M (Vol. 1) n. 2 (ottobre 2005)
  16. ^ Iron Man: House of M (Vol. 1) n. 3 (novembre 2005)
  17. ^ Iron Man Noir (Vol. 1) n. 4 (settembre 2010)
  18. ^ Ultimate Iron Man (Vol. 2) n. 1 (febbraio 2008)
  19. ^ Ultimate Iron Man (Vol. 2) n. 2 (marzo 2008)
  20. ^ Ultimate Iron Man (Vol. 2) n. 4 (maggio 2008)
  21. ^ Ultimate Comics: Ultimate Avengers vs New Ultimates (Vol. 1) n. 3 (giugno 2011)
  22. ^ Tim Walker, Hayley Atwell goes to war with Dominic Cooper, Telegraph, 6 giugno 2014. URL consultato il 6 giugno 2014.
  23. ^ Dominic Cooper Returns as Howard Stark in Marvel's Agent Carter, Marvel. URL consultato il 10 febbraio 2015.
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics