House of Secrets (Vertigo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
House of Secrets
fumetto
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Autori
Editore Vertigo
1ª edizione ottobre 1996 – dicembre 1998
Periodicità mensile
Albi 25 (completa)
Rilegatura spillato

House of Secrets fu una serie a fumetti a tema horror e dell'occulto scritta da Steven T. Seagle. Le illustrazioni furono di Teddy Kristiansen con assistenza occasionale di Christian Højgaard, Guy Davis, Duncan Fegredo e i Pander Brothers. Debutto nell'ottobre 1996, pubblicato dalla Vertigo, filiale della DC Comics, e durò 25 numeri, seguito da due numeri in serie limitata House of Secrets: Facade, dello stesso team creativo pubblicato nel 2001.

Anche se il titolo si basò sulla serie House of Secrets che fu pubblicata dal 1956 al 1976, fu tuttavia estranea alla serie originale[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'inveterata bugiarda Rain Harper giunse a Seattle e incontrò una giovane di nome Traci, che le offrì di rimanere in una casa abbandonata con lei. La casa si rivelò essere la sorprendentemente estesa e riccamente decorata Reichuss Mansion, una rinomata casa infestata di Seattle. Quando Rain entrò nella dispensa, incontrò un'entità di un altro mondo chiamata "Juris", che agiva da giudice, giuria ed esecutore in un tribunale dell'aldilà. Dopo che le anime che dovevano difendersi presentarono i propri segreti per essere giudicati da un tribunale di spiriti, veniva emanata una sentenza su di loro, e venivano mandati nell'attico, nel mondo, o nella cantina, che erano rappresentazioni dell'inferno, del purgatorio e del paradiso. Juris chiamò Rain come testimone in uno dei processi. La giuria fu composta da The Plyck, una mano in fiamme; Pfaultz, un predatore sessuale che si mascherò da ispettore benestante utilizzando l'editto di qualcun altro scritto da Carlo IV (imperatore del sacro romano impero); Ni An, una donna giapponese che accettò la colpa degli assassinio della sorella maggiore verso il loro marito in comune; Clius, un busto romano che fu una volta uno scrivano e un drammaturgo che offese Adriano; e Digol, un antico greco che scrisse la legge per ricordarla. Il nuovo membro della giuria fu Ruby, che rimpiazzò una donna dell'antico Egitto. Fu seppellita viva da alcuni bianchi inorriditi dalla sua relazione con un uomo bianco nell'Alabama dei primi anni sessanta e rappresentava la Giustizia cieca - ed era l'unica che piaceva a Rain. A parte il misterioso Plyck, le cui origini rimasero sconosciute, tutti i membri del Juris morirono dopo essere stati intenzionalmente sepolti vivi - nel caso di Clius, seppellito dopo che i suoi arti furono strappati da una cremagliera.

Rain fece amicizia con un musicista di nome Ben Volk, che suonò in una banda chiamata Nightmare of Reason (incubo della ragione). Il narcisistico cantante del gruppo, Erik, cominciò una relazione con Rain, ma successivamente stuprò Traci, un crimine per il quale fu debitamente condannato da Juris. Rain decise di lasciare Seattle, ma ritornò poco dopo per trovare la madre defunta condannata alla cantina per aver tenuto il segreto della diagnosi di un Carcinoma dell'ovaio|cancro alle ovaie durante la sua vita. La stessa Rain dovette difendersi nel proprio processo per aver tenuta segreta la rabbia per la morte di sua madre. Fu condannata ad essere impiccata, ma fu salvata da Ben e Traci.

La villa abbandonata fu infine demolita, e Rain, Ben e Traci continuarono le loro vite. Da qualche parte nella east coast, Rain scoprì di nuovo la Reichuss Mansion, identica in ogni singolo dettaglio. Rain doveva proteggere Ben, Traci e sé stessa dal giudizio per mano di Juris, o altrimenti la villa li avrebbe perseguitati per il resto delle loro vite[2].

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

I primi cinque numeri della serie furono raccolti in un volume con copertina rigida. Non ci furono altre raccolte.

  • Foundation (contiene House of Secrets dal n. 1 al n. 5, 128 pagine, maggio 1997, ISBN 1-56389-362-2)[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Irvine, Alex (2008), "House of Secrets", in Dougall, Alastair, The Vertigo Encyclopedia, New York: Dorling Kindersley, pp. 89, ISBN 0-7566-4122-5, OCLC 213309015
  2. ^ Irvine, Alex (2008), "House of Secrets", in Dougall, Alastair, The Vertigo Encyclopedia, New York: Dorling Kindersley, pp. 89, ISBN 0-7566-4122-5, OCLC 213309015
  3. ^ Dettagli su Foundation si trovano solo alla DC Comics

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics