Hotchkiss 47 mm

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Canon Hotchkiss à tir rapide de 47 mm
QF 3 pounder Hotchkiss Mk I-II
Cannone da 47/40
Un QF 3 pdr delle difese costiere di Sydney, 1942
Un QF 3 pdr delle difese costiere di Sydney, 1942
Tipo artiglieria navale/costiera
Origine Francia Francia
Impiego
Utilizzatori Francia Francia
Regno Unito Regno Unito
bandiera Regno d'Italia
Australia Australia
Polonia Polonia
Impero russo Impero russo
Stati Uniti Stati Uniti
Conflitti prima guerra mondiale
seconda guerra mondiale
Produzione
Progettista Hotchkiss et Cie
Data progettazione 1885
Costruttore Hotchkiss et Cie
Vickers
Armstrong Whitworth
Entrata in servizio 1886
Ritiro dal servizio anni 1950
Numero prodotto Regno Unito: 2 950
Varianti Mk I
Mk II
47/50
Descrizione
Peso 240 kg
Lunghezza 2,048 m
Lunghezza canna 1,881 m
Tipo munizioni Cartoccio proietto
Peso proiettile 1,5 kg
Cadenza di tiro 20 colpi/min
Velocità alla volata 571 m/s
Gittata massima 3 600 m
Elevazione Mk I e I*: -5°/+25°
Mk V: -5°/+70°
Mk VI: -5°/+60°
Angolo di tiro 360°
Peso della carica 0,24-0,27 kg

Da NavWeaps.

voci di artiglierie navali presenti su Wikipedia

Il Canon Hotchkiss à tir rapide de 47 mm era un pezzo leggero di artiglieria navale francese, sviluppato dalla Hotchkiss nel 1885. Rimase in servizio fino alla seconda guerra mondiale, venendo utilizzato anche dalla Regia Marina Italiana come cannone da 47/40[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Canon Hotchkiss à tir rapide de 47 mm, come l'analogo pezzo da 57 mm, venne sviluppato dall'azienda francese Hotchkiss et Cie come arma secondaria per contrastare le piccole unità veloci, quali torpediniere e cacciatorpediniere, che in quegli anni si stavano diffondendo nelle marine mondiali.

L'arma venne prontamente adottata dalla Royal Navy e prodotta su licenza in quasi tremila unità dalla Elswick Ordnance Company come QF 3 pounder Hotchkiss; questo fu realizzato in due versioni, la Mark I monoblocco e la Mark II con canna cerchiata[2], entrambi sia con canna lunga 40 calibri che da 50 calibri. Equipaggiò, tra le altre, le navi da battaglia inglesi delle classi "Royal Sovereign", "Duncan", "Formidable", "Majestic" e "Lord Nelson".

In seguito, negli anni 1890 anche la Marine nationale equipaggiò con questo pezzo le navi da battaglia "Bouvet", "Suffren" e quelle della classe "Charlemagne".

Il cannone da 47 mm venne acquistato o realizzato su licenza anche per la United States Navy (navi da battaglia classe "Maine"), dalla Marina imperiale russa (classi "Petropavlovsk", "Perevest", "Amur").

Presso la Regia Marina italiana il cannone da 47/40 fu impiegato sulle navi da battaglia della classe "Emanuele Filiberto", "Regina Elena", "Regina Margherita" e su molte unità minori, come gli incrociatori torpediniere classe "Partenope"[3]. La versione allungata, il cannone da 47/50, equipaggiò la fortunata ed eccellente serie di incrociatori corazzati classe "Giuseppe Garibaldi".

A causa della munizione troppo debole, l'arma andò incontro ad obsolescenza già durante la prima guerra mondiale. Alcuni pezzi vennero adattati ad affusti campali da parte di russi ed inglesi. Durante la seconda guerra mondiale il pezzo da 47 mm era stato relegato all'impiego sulle unità minori, sui mercantili armati e per la protezione dei porti. Nella Regia Marina era ancora ampiamente impiegato sugli incrociatori ausiliari.

Alcuni esemplari furono usati anche dopo la guerra come pezzi per il tiro a salve[2].

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

Particolare della culatta, l'otturatore, la culla ed i cilindri del freno di sparo.

La canna era in acciaio, monoblocco (Mk I) oppure cerchiata (Mk II), con otturatore a cuneo verticale. Tale bocca da fuoco era inserita su una culla con ai lati due cilindri di recupero. La culla era incavalcata su un affustino a forcella, che brandeggiava a sua volta a 360° su un affusto a piedistallo fissato al ponte o inchiavardato alle piazzole di tiro. Il puntamento era manuale e per facilitare il brandeggio del pezzo spesso dal lato della culatta veniva aggiunto un contrappeso a forma di martello. Lo sparo era comandato da un'impugnatura a pistola con grilletto, posta sotto alla culatta.

L'arma impiegava munizioni del tipo a cartoccio proietto, prodotti in vari modelli da decine di ditte nel mondo. Il colpo completo era lungo circa 54 cm, per 2,6 kg, dei quali 1,5 kg rappresentati dalla granata HE[2].

Le varie ditte licenziatarie realizzarono vari modelli di affusti ed affustini, che variavano soprattutto nell'elevazione della bocca da fuoco. La Elswick Ordnance Company produsse almeno cinque tipi di impianti: il Mk I ed il Mk I* erano impianti singoli "LA" (Low Angle)[4], ovvero con settore di elevazione ridotto a -5°/+25°[2], adatto al tiro contro-nave, mentre il Mk IV era del tipo "HA" (High Angle)[4], con elevazione maggiore che consentiva il tiro antiaereo[2]. Questi affusti furono prodotti prima e durante la Grande Guerra. Durante la seconda guerra mondiale vennero reealizzati gli affusti tipo "HA" I Mk V e VI, con elevazioni rispettivamente di -5°/+70° e -5°/+60°[2]. Il Mk VI differiva dal precedente per l'adozione di freni di rinculo in gomma. Alcuni Mk I convertiti durante la guerra al tipo "HA" vennero ridenominati Mk IC[2].

Galleria di immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Secondo la nomenclatura italiana dell'epoca, i pezzi di artiglieria erano indicati con due cifre, la prima indicante il calibro in millimetri, la seconda indicante la lunghezza della canna espressa in calibri.
  2. ^ a b c d e f g QF 3 pounder da NavWeaps.
  3. ^ Gli incrociatori torpediniere classe "Partenope".
  4. ^ a b Nomenclatura e definizioni - da NavWeaps.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • I.V. Hogg & L.F. Thurston, British Artillery Weapons & Ammunition 1914-1918, London: Ian Allan, 1972.
  • John Campbell, Naval Weapons of World War Two, Naval Institute Press, 1985.
  • Ian Buxton, Big Gun Monitors: The History of the Design, Construction and Operation of the Royal Navy's Monitors, Seaforth Publishing, 2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]