Hoolock

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hulok
Ulluk-2.jpg
Hoolock hoolock
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Superfamiglia Hominoidea
Famiglia Hylobatidae
Genere Hoolock
Mootnick & Groves, 2005
Specie

Gli Hulok (Hoolock Mootnick & Groves, 2005) sono un genere di primati appartenente alla famiglia Hylobatidae.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Raggiungono una altezza di 60-90 cm, con una apertura delle braccia di 180 cm. Pesano dai 6 ai 9 kg.

I sessi hanno le stesse dimensioni, ma è presente un marcato dimorfismo sessuale per quanto riguarda il colore del pelo: i maschi sono di colore nero, con una banda bianca sulla fronte, mentre le femmine hanno una pelliccia di colore grigio-marrone, più scura sul collo e sul torace. Entrambi i sessi presentano degli anelli di pelo bianco intorno agli occhi e alla bocca che danno alla faccia le sembianze di una maschera.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Gli ulok hanno abitudini diurne e arboricole.
La loro dieta consiste principalmente di frutti, insetti e foglie.
Sono monogami.
Adoperano per comunicare una complessa serie di vocalizi che, a differenza degli altri gibboni, non differiscono tra i due sessi, [1].
La gestazione dura 7 mesi.
I cuccioli nascono con una pelliccia bianco crema che si scurisce verso i 6 mesi di età e assume il colore definitivo solo con il raggiungimento della maturità sessuale, che si ha tra gli 8 e i 9 anni di età. L'aspettativa di vita in natura è di circa 25 anni.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

L'areale del genere si estende dall'Assam (nord-est dell'India), dove popola le foreste sulle rive del Brahmaputra, al Myanmar. Piccole popolazioni (poche centinaia di esemplari) vivono anche in Bangladesh e nella parte orientale del sud-ovest della Cina.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

In passato gli ulok erano classificati come un sottogenere del genere Hylobates. Di recente sono stati elevanti al rango di genere a sé stante.

Il genere comprende ora 2 specie ( che precedentemente erano considerate sottospecie):

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]