Honda CBR 125R

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Honda CBR 125R
Honda CBR125R.jpg
Honda CBR 125R
Costruttore Flag of Japan (bordered).svg Honda
Tipo Stradale sportiva
Produzione dal 2004
Stessa famiglia Honda CBR
Modelli simili Aprilia RS4
Derbi GPR 4T 4V
Megelli 125 R
Sachs XTC
Yamaha YZF-R125
Rieju RS
Hyosung Comet GT R

La CBR 125R è una motocicletta stradale sportiva prodotta dalla casa motociclistica giapponese Honda dal 2004.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

La CBR 125R è entrata in produzione nel 2004 allargando il segmento delle CBR, le quali ricoprono anche un altro settore e abbassano l'età minima per poter guidare una stradale sportiva, inoltre risulta essere la prima 125 a riutilizzare con motore a 4T dopo l'egemonia del motore a due tempi.

Questa moto era pressoché l'unica moto del segmento 125 4T stradali, fino al 2008, quando Yamaha propone un suo modello, chiamato Yamaha YZF-R125.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Prima serie[modifica | modifica wikitesto]

La prima serie della moto è entrata in produzione nel 2004 e prodotta fino al 2006; questo modello riprende le linee della sorella maggiore CBR1000, ma con un cupolino molto compatto e con le ruote in alluminio a sei razze con stampo a U.

Seconda serie[modifica | modifica wikitesto]

Honda CBR 125R seconda serie (2008)

La seconda serie della moto è entrata in produzione nel 2007 e prodotta fino al 2010 apportando alcune modifiche: innanzitutto si passa da un'alimentazione a carburatore da 28 mm ad una ad iniezione con corpi farfallati da 30 mm, inoltre viene rivista la carenatura della moto in modo d'avvicinarla ai modelli di cilindrata maggiore, questa serie presenta una curva motore tendenzialmente lineare, ma che presenta un calo di coppia tra i 4.000 e i 6.000 giri al minuto, passando da 0,8 a 0,7 kgm, mentre dai 7.000 ai 9.000 si ha una coppia superiore ai 0,9 kgm e rappresenta l'arco migliore per il funzionamento del motore[1][2].

La CBR 125R nella prima serie era omologata Euro 2, con la seconda serie è diventata Euro 3, grazie all'alimentazione con l'iniettore che permette di rispettare le normative anti-inquinamento molto facilmente.

La moto presenta anche una linea leggermente rivista con delle frecce più rettangolari e una carenatura anteriore diversa, con sfoghi per il radiatore più ampi, delle false prese d'aria triangolari poste sotto al cupolino e il faro che ora è doppio e uguale ai modelli di cilindrata maggiore.

Terza serie[modifica | modifica wikitesto]

Honda CBR 125R terza serie

La terza serie della moto è entrata in produzione nel 2011 viene stravolta esteticamente e ora riprende la linea della nuova Honda VFR, adottando oltre alla nuova carenatura, anche un nuovo scarico, proiettore, serbatoio e selle.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Honda CBR 125R 1ª e 2ª serie
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 1.920 × 675 × 1.070 mm
Altezze Sella: 776 mm - Minima da terra: 172 mm
Interasse: 1.294 mm Massa a vuoto: 115 kg, dal 2007 118,9 kg (in ordine di marcia 126,8) kg Serbatoio: 10 l
Meccanica
Tipo motore: Monocilindrico a 4 tempi Raffreddamento: a liquido
Cilindrata 124,7 cm³ (Alesaggio 58,0 x Corsa 47,2 mm)
Distribuzione: SOHC 2 valvole Alimentazione: a carburatore da 28 mm, dal 2007 a iniezione elettronica con corpi farfallati da 30 mm
Potenza: 10,0 kW (13,6 Cv) a 10.000 rpm
Alla ruota 8,43 kW (11,47 Cv) a 9.500 rpm
Coppia: 10,6 N·m (1,085 kg·m) a 8.000 giri/min
Alla ruota 9,2 N·m (0,94 kg·m) a 7.750 giri/min
Rapporto di compressione: 11:1
Frizione: multidisco in bagno d'olio Cambio: a 6 marce

1° 11/38 (3,454) 2° 17/33 (1,941) 3° 20/29 (1,450) 4° 23/27 (1,173) 5° 24/25 (1,042) 6° 26/24 (0,923)

Accensione elettronica transistorizzata (CDI)
Trasmissione primaria a ingranaggi 20/67 (3,350);
Secondaria a catena 15/42 (2,800)
Avviamento elettrico
Ciclistica
Telaio Doppia trave (romboidale) in acciaio
Sospensioni Anteriore: forcella teleidraulica da 35 mm (escursione 132 mm) / Posteriore: monoammortizzatore con regolazione del precarico (escursione 150 mm)
Freni Anteriore: disco singolo idraulico da 276 mm Brembo (pinza a 2 pistoncini) / Posteriore: disco singolo idraulico da 220 mm (pinza a pistoncino singolo)
Pneumatici anteriore da 80/90 17 su cerchio con canale da 1.85"; posteriore da 100/80 17 su cerchio con canale da 2.15"
Fonte dei dati: Fabio Meloni, Prova Honda CBR 125 R in Motociclismo, nº 8, agosto 2007.

[1]

Caratteristiche tecniche - Honda CBR 125R terza serie
2011 Honda CBR125R orange gray Motosalon.jpg
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 1.946 × 704 × 1.089 mm
Altezze Sella: 793 mm - Minima da terra: 185 mm
Interasse: Massa a vuoto: in ordine di marcia 136,9 kg Serbatoio: 13 l
Meccanica
Tipo motore: Monocilindrico a 4 tempi Raffreddamento: a liquido
Cilindrata 124,7 cm³ (Alesaggio 58,0 x Corsa 47,2 mm)
Distribuzione: SOHC 2 valvole Alimentazione: a iniezione elettronica PGM-FI con corpi farfallati da 30 mm
Potenza: 9,8 kW (13,32 Cv) a 10.000 rpm Coppia: 10,41 N·m a 8.000 giri/min Rapporto di compressione: 11:1
Frizione: multidisco in bagno d'olio Cambio: a 6 marce

1° 11/38 (3,454) 2° 17/33 (1,941) 3° 20/29 (1,450) 4° 23/27 (1,173) 5° 24/25 (1,042) 6° 26/24 (0,923)

Accensione elettronica transistorizzata (CDI)
Trasmissione primaria a ingranaggi 20/67 (3,350);
Secondaria a catena 15/42 (2,800)
Avviamento elettrico
Ciclistica
Telaio Doppia trave (romboidale) in acciaio
Sospensioni Anteriore: forcella teleidraulica da 31 mm (escursione 120 mm) / Posteriore: monoammortizzatore con regolazione del precarico (escursione 126 mm)
Freni Anteriore: disco singolo idraulico da 276 mm Brembo (pinza a 2 pistoncini) / Posteriore: disco singolo idraulico da 220 mm (pinza a pistoncino singolo)
Pneumatici anteriore da 100/80 17 su cerchio con canale da 2.5"; posteriore da 130/70 17 su cerchio con canale da 3.5"
Fonte dei dati: [2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Presentazione seconda serie su Motoblog
  2. ^ Fabio Meloni, Prova Honda CBR 125 R in Motociclismo, nº 8, agosto 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]