Homo sapiens idaltu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Homo sapiens idaltu
Immagine di Homo sapiens idaltu mancante
Stato di conservazione
Status none EX.svg
Estinto
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Catarrhini
Superfamiglia Hominoidea
Famiglia Hominidae
Sottofamiglia Homininae
Tribù Hominini
Genere Homo
Specie H. sapiens
Sottospecie H. sapiens idaltu
Nomenclatura trinomiale
Homo sapiens idaltu
White & a., 2003
Punto di ritrovamento

Herto, Ethiopia ; Homo sapiens idaltu 1997 discovery map.png

Homo sapiens idaltu è un Homo sapiens estinto, vissuto circa 160 000 anni fa nell'Africa del Pleistocene,[1] di cui è stata proposta la classificazione come sottospecie[2] Il nome idàltu deriva dalla lingua Afar, nella quale significa più vecchio, primogenito.[1]

Ritrovamenti fossili[modifica | modifica sorgente]

I resti fossili del H. sapiens idaltu furono scoperti ad Herto Bouri nel sito di Middle Awash nel triangolo di Afar in Etiopia nel 1997 da Tim White, ma vennero mostrati solo nel 2003.[1] Herto Bouri è una regione dell'Etiopia caratterizzata da plateau vulcanici. Con l'uso della datazione radiometrica i resti vennero fatti risalire ad un periodo compreso tra i 154 000 e i 160 000 anni fa. Vennero trovati tre crani ben conservati, il migliore dei quali era quello di un maschio adulto (BOU-VP-16/1) con una capacità cranica di 1 450 c. Gli altri due crani erano resti di un altro maschio adulto e un cranio di un bambino di sei anni.[1]

Questi fossili sono differenti da quelli di forme antiche (ma cronologicamente successive) di H. sapiens come quelli dell'uomo di Cromagnon scoperti in Europa e in altre parti del mondo in quanto la morfologia ha molte caratteristiche arcaiche non tipiche dell' H. sapiens (sebbene i crani umani attuali differiscano tra di loro a seconda della zona della Terra presa in esame). Nonostante le caratteristiche arcaiche si suppone che questi esemplari rappresentino gli antenati diretti del moderno Homo sapiens, che secondo la recente teoria "Out of Africa" ("Fuori dall'Africa") si è sviluppato poco dopo questo periodo nell'Africa orientale (la divergenza mitocondriale dei Khoisan è datata non più tardi del 110 000 a.C.), e proprio per questo che siano tra i più antichi rappresentanti della specie H. sapiens trovati finora. Le molte differenze morfologiche tra i crani di Herto e quelli dell' uomo di Neanderthal apportano un'ulteriore evidenza fossile per escludere la continuità dei Neandertaliani con l'uomo moderno.[1]

Ritrovamenti recenti[modifica | modifica sorgente]

I reperti dell'Homo sapiens idaltu erano stati considerati i più antichi fino a quando la datazione al potassio-argon eseguita nel 2005 sui due crani fossili ritrovati nei tufi vulcanici della valle del fiume Omo in Etiopia, ha mostrato che essi risalgono a 195 000 anni fa, precedenti quindi agli Idaltu, e facendo di questi nuovi fossili i più antichi resti anatomicamente simili all'uomo moderno.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Tim D. White, B. Asfaw, D. DeGusta, H. Gilbert, G. D. Richards, G. Suwa e F. C. Howell, Pleistocene Homo sapiens from Middle Awash, Ethiopia in Nature, vol. 423, n. 6491, 2003, pp. 742–747. DOI:10.1038/nature01669.
  2. ^ John Desmond Clark et al.: Stratigraphic, chronological and behavioural contexts of Pleistocene Homo sapiens from Middle Awash, Ethiopia. Nature 423, 2003, S. 747–752, DOI: 10.1038/nature01670
  3. ^ I. McDougall, F. H. Brown e J. G. Fleagle, Stratigraphic placement and age of modern humans from Kibish, Ethiopia in Nature, vol. 433, n. 7027, 2005, pp. 733–736. DOI:10.1038/nature03258, PMID 15716951.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]