Homo faber fortunae suae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La locuzione latina homo faber fortunae suae, espressa anche nella forma alternativa homo faber ipsius fortunae, significa letteralmente "l'uomo è l'artefice della propria sorte"; il verbo est è stato omesso per rendere la frase più scorrevole.

È attribuita all'antico autore Appio Claudio Cieco.

Una variante della suddetta frase è la locuzione forse più famosa e grammaticalmente più complessa Faber est suae quisque fortunae: "ciascuno è artefice della sua fortuna".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina