Holmquistite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Holmquistite
Holmquistite.jpg
Classificazione Strunz (ed. 10[1]) 9.DD.05[1]
Formula chimica ☐Li2(Mg3Al2)Si8O22(OH)2[2]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino trimetrico[3]
Sistema cristallino ortorombico[2]
Classe di simmetria  
Parametri di cella a=18,336(2) Å, 17,693(2) Å, c=5,2755(6) Å, V=1711,5(4) Å³[3]
Gruppo puntuale 2/m 2/m 2/m
Gruppo spaziale Pnma[2]
Proprietà fisiche
Densità misurata 2,95-3,13[4] g/cm³
Densità calcolata 3,09[4] g/cm³
Durezza (Mohs) [1]
Sfaldatura perfetta secondo {210}[4]
Frattura  
Colore nero, violaceo scuro, azzurro cielo chiaro[1]
Lucentezza vitrea[1]
Opacità da trasparente a traslucida[4]
Striscio bianco con tonalità azzurro cielo[1]
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

L'holmquistite è un minerale, un anfibolo appartenente al sottogruppo degli anfiboli di litio[5].

È stata scoperta nel 1913 nelle miniere di Utö ubicate sull'omonima isola appartenente all'Arcipelago di Stoccolma, Svezia[1].

Il nome è stato attribuito in onore del petrologo svedese Johan Holmquist (1866-1946)[1].

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

L'holmquistite si trova in cristalli prismatici o aciculari lunghi fino a 10 cm[4].

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

L'holmquiste si forma per sostituzione nei margini esterni delle pegmatiti ricche di litio associata a quarzo, clinoholmquistite, tormalina, spodumene, plagioclasio, biotite, clinozoisite e "orneblenda"[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Holmquistite mineral information and data — mindat.org. URL consultato il 29 gennaio 2015.
  2. ^ a b c Camara, p. 1167
  3. ^ a b Camara, p. 1168
  4. ^ a b c d e f John W. Anthony, Richard A. Bideaux, Kenneth W. Bladh, Monte C. Nichols, Handbook of Mineralogy, Chantilly, VA 20151-1110, Mineralogical Society of America.
  5. ^ Hawthorne, p. 2038

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia