Hockey Club Pustertal-Val Pusteria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hockey Club Pustertal-Val Pusteria
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Detentore della Supercoppa italiana
Lupi
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Trasferta
Colori sociali 600px Giallo e Nero.png Giallo e nero
Dati societari
Città Brunico
Paese Italia Italia
Confederazione IIHF
Federazione FISG
Campionato Serie A
Fondazione 1954
Presidente Italia Andreas Mariner
Allenatore Canada Mario Richer
Impianto di gioco Leitner Solar Arena
(2.050 posti)
Sito web www.hcpustertal.com
Palmarès
Coccarda Italia.svgSupercoppaitaliana.pngSupercoppaitaliana.png
Trofei nazionali 1 Coppe Italia
2 Supercoppe italiane
2 Coppe di Lega
Si invita a seguire lo schema del Progetto Hockey su ghiaccio

L'Hockey Club Val Pusteria, già Hockey Club Brunico, è una squadra di hockey su ghiaccio di Brunico, in Val Pusteria.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La squadra fu fondata come EV MAK Bruneck nel 1954. Primo presidente sarà Ernst Lüfter, che manterrà la carica per 20 anni. Manterrà solo per alcuni anni questa inusuale denominazione: MAK significa infatti Moto-Auto-Klub, di cui era appunto emanazione.

La prima partecipazione dell'HC Bruneck (per gli italofoni, HC Brunico) alla serie B avverrà nel 1966, campionato che vincerà già nelle stagioni 1967-68 e 1968-69. Due vittorie non bastano per il salto in serie A: lo stadio, in realtà, non è altro che uno spiazzo ghiacciato lungo la Rienza, non adatto alla massima serie.

Al terzo tentativo, però, il salto riesce: vinto il campionato di B 1971-72, si presenta nel 1972-73 per la prima volta in massima serie. In quello stesso anno nasce il settore giovanile, che raccoglierà molti titoli di categoria.

Per quasi 30 anni consecutivi i Lupi, come sono soprannominati, restano in serie A. I migliori risultati restano il secondo posto della stagione 1981-82 (dietro all'HC Bolzano) ed il terzo in quella 1980-81 (dietro al Gardena campione e al Bolzano secondo).

Prima dell'inizio della stagione 2001-02 il Brunico è costretto a rinunciare - per motivi economici - alla serie A. In occasione del "ritorno in purgatorio" avverrà anche di nome, in HC Val Pusteria (in tedesco HC Pustertal). Dopo aver dominato la regular season, viene eliminata dalla squadra di Caldaro in semifinale.

Neppure nella stagione successiva riesce il salto, ma la riforma dei campionati nella stagione 2003-04 le permette il ritorno nella massima serie, difesa poi negli anni successivi. Nel 2008 il nome della società viene ancora cambiato in HC Red Orange Val Pusteria, il nome dello stadio da Lungo Rienza diventa Leitner Solar Arena. Nella stagione 2008/09, dopo 28 anni, il Val Pusteria centra le semifinali e l'entusiasmo che si crea attorno alla squadra di Brunico porta a 2.000 unità la media spettatori per partita.
Nel 2010/11 cambia per l'ennesima volta nome: la squadra ora si chiama HC Lupi Val Pusteria. La squadra nella stagione 2010/11 si aggiudica il suo primo trofeo, la coppa Italia e raggiunge, per la prima volta nella sua storia, la finale scudetto, che perde contro l'HC Asiago. L'anno seguente vince la supercoppa contro l'Asiago (giocata in casa), giunge nuovamente in finale scudetto ma perde, contro i favori del pronostico[1], la finale contro il Bolzano in sole 4 partite.[2] Nella stagione 2013/14 rivince la coppa di Lega, trofeo che questa volta vince durante i playoff scudetto (stravolti nella formula in questa stagione), mentre due anni prima aveva vinto la coppa in quanto vincitrice della stagione regolare. In questa stagione giunge ancora in finale scudetto, ma viene superato dal Ritten Sport, squadra da cui era stato sconfitto anche nella finale della coppa Italia di quell'anno. I brunicensi giocano così nella stagione successiva la sfida che mette in palio la supercoppa, essendo stati finalisti sia in campionato che in coppa Italia: il trofeo andrà proprio ai gialloneri che la spunteranno però solo a 15 secondi dal termine, vincendo per 4-3 a Collalbo grazie a una rete messa a segno dal canadese Philip-Michaël Devos.

Palaghiaccio[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Leitner Solar Arena.

Il Val Pusteria disputa le partite casalinghe presso il palazzetto del ghiaccio di Brunico, denominato "Lungo Rienza" (per la vicinanza al fiume Rienza) o "Rienzstadion" in tedesco, mentre dal 2009, grazie ad un accordo di sponsorizzazione, il palazzetto assume il nome di "Leitner Solar Arena".

L'impianto, che può ospitare 2.050 spettatori, è stato costruito nel 1971 e ristrutturato vent'anni dopo, nel 1991. Attualmente è al vaglio l'ipotesi di costruire un nuovo impianto più moderno e capiente presso la zona scolastica di Brunico per un importo stimato di 15 milioni di euro [3].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

2010-2011
2011, 2014
2011-2012 e 2013-2014

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

Roster 2014/15[modifica | modifica sorgente]

Portieri[modifica | modifica sorgente]

Numero Giocatore
35 Flag of the United States.svg Jerry Kuhn
30 Flag of Italy.svg Philipp Kosta
31 Flag of Italy.svg Kilian Seidl

Difensori[modifica | modifica sorgente]

Numero Giocatore
20 Flag of Italy.svg Ivan Althuber
22 Flag of Italy.svg Danny Elliscasis
9 Flag of Italy.svg Armin Hofer
21 Flag of Italy.svg Daniel Glira
5 Flag of Finland.svg Tuukka Mäkelä
62 Flag of Italy.svg Armin Helfer

Attaccanti[modifica | modifica sorgente]

Numero Giocatore
6 Flag of Italy.svg Max Oberrauch
7 Flag of Italy.svg Lukas Crepaz
90 Flag of Italy.svg Lukas Tauber
11 Flag of Italy.svg Aaron Tomasini
10 Canada-Italia Giulio Scandella
12 Flag of Italy.svg Michael Purdeller
13 Flag of Italy.svg Patrick Bona
15 Flag of Italy.svg Viktor Schweitzer
17 Flag of Italy.svg Benno Obermair
18 Flag of Italy.svg Thomas Erlacher
19 Flag of Italy.svg Alex Obermair
12 Flag of Latvia.svg Armands Bērziņš
8 Flag of Canada.svg Philip-Michael Devos
98 Flag of Italy.svg Patrick Rizzo


Stranieri Italiani

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

  • Flag of Canada.svg Mario Richer

Roster delle stagioni precedenti[modifica | modifica sorgente]

HC Pustertal-Val Pusteria - archivio delle stagioni

1954-55 · 1955-56 · 1956-57 · 1957-58 · 1958-59 · 1959-60 · 1960-61 · 1961-62 · 1962-63 · 1963-64 · 1964-65 · 1965-66 · 1966-67 · 1967-68 · 1968-69 · 1969-70 · 1970-71 · 1971-72 · 1972-73 · 1973-74 · 1974-75 · 1975-76 · 1976-77 · 1977-78 · 1978-79 · 1979-80 · 1980-81 · 1981-82 · 1982-83 · 1983-84 · 1984-85 · 1985-86 · 1986-87 · 1987-88 · 1988-89 · 1989-90 · 1990-91 · 1991-92 · 1992-93 · 1993-94 · 1994-95 · 1995-96 · 1996-97 · 1997-98 · 1998-99 · 1999-00 · 2000-01 · 2001-02 · 2002-03 · 2003-04 · 2004-05 · 2005-06 · 2006-07 · 2007-08 · 2008-09 · 2009-10 · 2010-11 · 2011-12 · 2012-13 · 2013-14 ·

Giocatori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Hockeisti su ghiaccio dell'HC Val Pusteria.

Allenatori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori dell'HC Val Pusteria.

Stranieri dell'HC Val Pusteria[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Conosciamo le finaliste: Val Pusteria
  2. ^ Articolo Altoadige
  3. ^ Brunico: il nuovo palaghiaccio sorgerà in via Villa Bosco. URL consultato il 16-02-2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]