Hippocampus ingens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hippocampus ingens
Hippocampus ingens.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Acanthopterygii
Ordine Syngnathiformes
Famiglia Syngnathidae
Sottofamiglia Hippocampinae
Genere Hippocampus
Specie H. ingens
Nomenclatura binomiale
Hippocampus ingens
Girard, 1858
Sinonimi

Hippocampus ecuadorensis, Hippocampus gracilis, Hippocampus hildebrandi

Hippocampus ingens è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia Syngnathidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Pacifico orientale: da San Diego e la baia di San Francisco in California (negli Stati Uniti d'America) al Perù, incluso le Isole Galapagos.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Lunghezza: 30 cm.

È uno dei cavallucci marini più grandi e come corporatura è simile ai suoi conspecifici.

Dimorfismo sessuale: maschio leggermente più grosso e con colorazione più vivace, nel periodo riproduttivo trasporta le uova.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Pacifico, solitamente è solitario, ma i giovani e gli adulti nel periodo riproduttivo formano branchi non superiori alla decina di esemplari.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La femmina depone le uova sul maschio il quale le feconda e le trasporta fino a che non si schiudono. Una volta schiusi i piccoli si nutrono di naupli di artemia particolarmente minuti, nell'ordine dei 100-150 micron o micrometri (1 μm equivale ad un millesimo di millimetro), contro i 200-400 μm dei naupli normali, in alternativa si nutrono di rotiferi come Brachionus (70-200 μm).

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Onnivoro, prevalentemente artemie e rotiferi.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

È vulnerabile all'estinzione a causa della pesca, della cattura per il mercato acquariofilo, dell'inquinamento e del traffico dei natanti, in aumento ovunque, che disturba e scaccia dai loro siti abituali soprattutto gli esemplari in grado di riprodursi.

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

Viene commercializzato per le vasche d'acquario nelle quali è possibile allevarlo ed occasionalmente riprodurlo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Hippocampus ingens in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (IT) "Cavallucci, Pesci ago & C.: passione e impegno per allevarli con successo" in Il mio acquario, nº 139, aprile 2010, pp. 14-21.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Hippocampus ingens in FishBase. URL consultato il 25 aprile 2010.
  • Scheda su "Marinebio" [1];
  • Schedea su "Hippocampus-Info" [2];
  • Galleria fotografica su "Focamonaca" [3].
pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci