Hillman Minx

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hillman Minx
Hillman Minx 1124cc first reg December 1932.JPG
Una Hillman Minx quattro porte berlina del 1932, la prima versione prodotta
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  Rootes
Tipo principale Berlina
Altre versioni Coupé
Cabriolet
Familiare
Familiare passo corto
Furgone
Produzione dal 1932 al 1970
Sostituisce la Hillman 14 hp
Sostituita da Hillman Hunter
Altre caratteristiche
Altro
Altre antenate Hillman Avenger
Una Hillman Minx del 1961
Una Hillman Minx quattro porte versione De Luxe berlina del 1936
Una Hillman Minx quattro porte berlina 1938
Una Hillman Minx Mark VIII (Phase VIII) quattro porte del 1955
Una Hillman Minx Californian
Una Hillman Minx Serie III
Vista laterale di una Hillman Minx Serie III
Una Hillman Minx Serie IIIA con griglia cromata
Una Hillman Minx Serie IIIC
Una Hillman Minx Series III del 1959 rimarchiata come Humber 80 per alcuni mercati, tra cui la Nuova Zelanda
Una Hillman Minx Serie V
Lanciata nel tardo 1961, la Hillman Super Minx fu concepita per tentare di sostituire la Minx Serie III[1]. In seguito la Serie III fu rimpiazzata nel 1963 dalla Serie V, mentre la Super Minx fu lanciata separatamente, sebbene fosse un modello strettamente correlato
La Hillman Minx ultima serie, che era una Hillman Hunter versione base

La Minx è stata una autovettura costruita dal gruppo Rootes con marchio Hillman dal 1932 al 1970. Furono commercializzate diverse serie durante il periodo in cui fu prodotta, così come ci furono diverse versioni vendute con marchio Humber, Singer e Sunbeam.

La Hillman Super Minx fu invece il modello di media grandezza offerto durante il periodo in cui fu commercializzata la serie Audax.

Fu venduta anche la versione familiare della Minx, ma dal 1954 al 1965 fu costruita dal gruppo Rootes anche una serie sempre tipo familiare ma con passo corto, la Hillman Husky, ed un veicolo furgonato derivato da quest’ultima, conosciuto come Commer Cob

Per la maggior parte degli anni sessanta la Minx e le sue derivate furono le automobili maggiormente vendute della serie Audax, che includeva la Singer Gazelle e la Sunbeam Rapier. La generazione finale della Minx fu la New Minx lanciata sul mercato nel 1967, che fu parte della serie Arrow ed era essenzialmente la versione base della Hillman Hunter. Questa versione della Minx era disponibile con quattro porte berlina e familiare, e montava un motore da 1496 cm³ oppure da 1725 cm³di cilindrata.

La serie Minx rivisse poi brevemente, similmente al nome Rapier applicato alla versione della Sunbeam Rapier della serie Audax, come un’edizione speciale della Talbot Alpine/Talbot Solara, prodotte dalla Chrysler in Europa dopo la scomparsa del gruppo Rootes.

Le Minx prima della seconda guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

La prima Minx fu introdotta nel 1932 con un corpo vettura in acciaio, un telaio separato ed un motore da 30 bhp e 1185 cm³ di cilindrata. Fu aggiornata nel 1934 con l’installazione di un cambio a quattro velocità e con la rivisitazione del design della linea, tra cui l’installazione di una griglia a forma di V. Nel 1935 fu introdotto il cambio sincronizzato, ma il resto rimase sostanzialmente invariato.

Nel 1936 il modello fu rinominato Minx Magnificent, e la linea fu arrotondata. Il telaio fu irrigidito e il motore spostato più avanti per dare più spazio ai passeggeri. Il pannello posteriore, fino a quel momento verticale, fu montato in posizione inclinata, e fu offerta come optional una griglia pieghevole per i bagagli che poteva essere attaccata al pannello stesso, disponibile con verniciatura a “due sterline, sette scellini e sei pence[2]. Una versione familiare denominata Commer fu aggiunta alla gamma.

L’ultima versione della Minx precedente alla seconda guerra mondiale fu del 1938. Non c’erano abbastanza fabbriche che costruivano torpedo, ma alcune furono assemblate da Carbodies. Il modello era esteticamente simile alla Magnificent, con una differente griglia ed un accesso al vano bagagli che era esterno (sulla serie precedente l’accesso era possibile abbassando lo schienale dei sedili posteriori). Erano disponibili due versioni nella gamma offerta; la Safety, con gli interni in rexine (cioè un tipo di cuoio artificiale) al posto della pelle, l’assenza di deflettori ed, in generale, meno allestimenti lussuosi, e la De Luxe con gli interni in pelle, la presenza dei deflettori, migliori imbottiture e caratteristiche che aumentavano il comfort. La versione del 1938 non fu quella finale prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, ed infatti l’anno successivo ci fu un consistente aggiornamento del modello, con la meccanica profondamente modificata. Il gruppo motopropulsore fu migliorato, anche se alcuni componenti erano in comune con la versione del 1938. Tra questi ultimi ci furono alcuni elementi del cambio, del differenziale, dei semialberi e del gruppo dello sterzo. Furono modificati anche dettagli meccanici minori e particolari esteriori. Anche la griglia anteriore, che esteticamente era quasi identica a quella del 1938, diventò di lega piuttosto che di materiale composito.

La Minx durante il conflitto[modifica | modifica sorgente]

Durante la seconda guerra mondiale, le Case automobilistiche britanniche convertirono la loro produzione in furgoni per uso militare, i Tilly. La Hillman costruì la 10HP; basata sul telaio della Minx, possedeva una cabina di guida che poteva ospitare due persone ed un vano di carico coperto posizionato nella parte posteriore. Fu prodotta come versione base berlina per uso militare e civile dal 1940 al 1944. Questi veicoli furono utilizzati dall’esercito britannico, più precisamente dalla Royal Air Force.

La Minx dopo la seconda guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

La Minx venduta tra il 1945 ed il 1947 montava lo stesso motore a valvole laterali da 1185 cm³ di cilindrata, aveva il medesimo passo e possedeva la stessa linea delle vetture prebelliche. Questa versione è conosciuta come Minx Mark I (o Minx Phase I). Tra il 1947 ed il 1948 fu offerta una versione modificata, conosciuta come Minx Mark II.

Una più moderna Minx, denominata Mark III, fu venduta dal 1948. Questa fu la prima Minx con muso e coda prolungati, tipo Ponton (quindi con i tre volumi), che rimpiazzò quindi i modelli a coda tronca, ereditata dalla linea dei veicoli degli anni trenta. Inizialmente furono offerti tre corpi vettura differenti, berlina, familiare e cabriolet. Sotto la carrozzeria, a parte qualche piccola modifica sulle sospensioni, cambiò poco: la Mark III mantenne il motore da 1185 cm³ di cilindrata a valvole laterali della versione precedente. Anche la potenza erogata rimase invariata, più precisamente 35 bhp. Comunque, nel 1949 per il lancio della Minx Mark IV, al vecchio propulsore fu modificato l’alesaggio e incrementato il rapporto di compressione, con conseguente aumento della cilindrata a 1265 cm³ e della potenza del 7% a 37,5 bhp [3]. Una Mark IV berlina fu provata dalla rivista britannica The Motor nel 1949, e registrò una velocità massima di 108 km/h ed un’accelerazione da 0 a 97 km/h di 39,7 secondi. Il consumo di carburante fu di 8,8 L/100 km. Il modello utilizzato nel test costava 505 sterline incluse le tasse[3]. Seguirono poi modifiche minori. Nel 1953, con la Minx Mark VI, ci fu una quarta modifica del corpo vettura; il modello fu anche chiamato Hillman Minx Californian. Era una hard-top coupé con una particolarità inusuale per l’epoca, vale a dire il montante dei finestrini laterali che scendeva insieme ai vetri, così da dare una vista completa quando essi erano completamente abbassati. Il lunotto era avvolgente ed era formato da tre parti[4]. Il passo e la lunghezza totale della vettura rimasero gli stessi, sia per la berlina che per la cabriolet. Alla Mark VIII, nel 1954, fu installato un nuovo motore a valvole in testa da 1390 cm³ di cilindrata. Questo propulsore fu poi montato, due anni più tardi, sul primo modello della nuova serie Audax basata sulla Minx.

Le “Audax” basate sulla Hillman Minx (dalla Serie I alla VI, 1956-1967)[modifica | modifica sorgente]

Il corpo vettura delle Audax fu progettato dal gruppo Rootes, ma aiutato dal team di Raymond Loewy, che era anche coinvolto nel design delle Studebaker coupé del 1953. Al modello furono eseguite delle modifiche annuali a cui era associato un numero di Serie, che sostituì il numero Phase usato per le precedenti Minx; non ci fu però la Serie IV. Il motore fu nuovo, con valvole in testa, il primo con questa caratteristica per una vettura Hillman del dopoguerra. Durante gli anni la cilindrata del propulsore crebbe gradualmente da 1390 cm³ (usato nelle Serie I e II) a 1725 cm³, utilizzato nella Serie VI. Fu offerto un cambio manuale con la leva sul piantone dello sterzo o sul pavimento, oppure un cambio automatico. Nella versione automatica, per le Serie I e II era utilizzato il Lockheed Manumatic con un sistema a due pedali (solo per la versione semiautomatica), mentre per la Phase III un Smiths Easidrive, e per le Serie V e VI un Borg Warner.

Una Serie III versione De Luxe berlina con un motore da 1494 cm³ di cilindrata, fu provato dalla rivista britannica The Motor nel 1958; fu registrata una velocità massima di 123,8 km/h, un’accelerazione da 0 a 97 km/h di 25,4 secondi ed un consumo di carburante di 8,88 L/100 km. Il modello utilizzato nel test costava 794 sterline incluse le tasse[5]

C’erano delle varianti delle Singer Gazelle e Sunbeam Rapier che erano in realtà delle Hillman Minx rinominate; il nome fu poi ancora usato utilizzato per modelli successivi Rootes Arrow. Alcune Minx furono rinominate per taluni mercati con marchi Sunbeam e Humber.

L’importatore ed assemblatore neozelandese Todd Motors creò la Humber 80 (cioè la Minx) e la Humber 90 (la Super Minx) come modelli separati – identici a parte il marchio – per ottenere la licenza per il kit di assemblaggio.

L’ultima serie della Minx[modifica | modifica sorgente]

L’ultima serie della Minx fu prodotta dal 1967 al 1970 in versione berlina e familiare, ed era basata sulla Hunter. Il motore era un quattro cilindri a valvole in testa. La cilindrata del propulsore era di 1496 cm³, ma era disponibile come optional un motore da 1725 cm³ per la familiare.

Galleria fotografica delle Minx Cabriolet[modifica | modifica sorgente]

I modelli[modifica | modifica sorgente]

Modello Anno Motore Produzione Carrozzerie Passo[6] Vel. max Note
Minx 1932-33 1185 cm³, 4 cilindri, valvole laterali n/d Torpedo, sport torpedo, 4 porte berlina leggera, 6 porte berlina leggera, coupé 2337 mm 100 km/h Cambio a 3 velocità, freni Bendix, ruote a raggi
Minx 1934 1185 cm³, 4 cilindri, valvole laterali n/d Torpedo, sport torpedo, 4 porte berlina leggera, 6 berlina porte leggera, coupé 2337 mm 100 km/h Cambio a 4 velocità
Minx 1935 1185 cm³, 4 cilindri, valvole laterali n/d Torpedo, sport torpedo, 4 porte berlina leggera, 6 berlina leggera, coupé 2337 mm 100 km/h Cambio sincronizzato
Minx Magnificent 1936-37 1185 cm³, 4 cilindri, valvole laterali n/d Torpedo, sport torpedo, berlina, coupé, familiare (1937) 2362 mm 100 km/h Nuovo telaio con motore spostato in avanti, ruote d’acciaio
New Minx 1938-39 1185 cm³, 4 cilindri valvole, laterali n/d Berlina, coupé, familiare 2362 mm 100 km/h Aggiornamento della linea
Minx 1940-44 1185 cm³, 4 cilindri valvole, laterali n/d Berlina, coupé 2362 mm 100 km/h Costruzione unitaria, imp. el. da 12 volt, cofano posteriore incernierato, probabilmente nessuna coupé costruita
Tilly, Hillman 10HP 1940-45 4 cilindri, motore da 30 bhp, 1185 cm³ e valvole laterali n/d Berlina, furgone 3835 mm n/d Pick-up, cabina integralmente coperta
Minx Phase I 1945-47 1185 cm³, 4 cilindri, valvole laterali 60,000 (stimati, inclusa la Phase II)[7] Berlina, coupé, familiare 2362 mm 101 km/h Costruzione unitaria, imp. el. da 12 volt, cofano posteriore incernierato
Minx Phase II 1947-48 1185 cm³, 4 cilindri, valvole laterali vedere Phase I Berlina, coupé, familiare 2362 mm 106 km/h Linea aggiornata: freni idraulici
Minx Phase III 1948-49 1185 cm³, 4 cilindri, valvole laterali 28.619[7] Berlina, cabriolet, familiare 2362 mm 110 km/h Nuova linea, sospensioni anteriori indipendenti
Minx Phase IV 1949-51 1265 cm³, 4 cilindri, valvole laterali 90.832[7] Berlina, cabriolet, familiare, pickup/furgone 2362 mm 109 km/h Linea come la Phase III
Minx Phase V 1951-53 1265 cm³, 4 cilindri, valvole laterali 59.777[7] Berlina, cabriolet, familiare 2362 mm 117 km/h Cambiamenti minori
Minx Phase VI 1953 1265 cm³, 4 cilindri, valvole laterali 44.643[7] Berlina, cabriolet, coupé 'California', familiare 2362 mm 110 km/h Nuova griglia
Minx Phase VII 1953-54 1265 cm³, 4 cilindri, valvole laterali 60.711[7] Berlina, cabriolet, coupé, familiare 2362 mm 111 km/h Un più grande bagagliaio
Minx Phase VIII 1954-57 1390 cm³, 4 cilindri, valvole in testa 94.123[7] Berlina, cabriolet, coupé, familiare 2362 mm 119 km/h Ruote da 15 pollici; i primi esemplari avevano motori della versione precedente
Minx Series I 1956-57 1390 cm³, 4 cilindri, valvole in testa 202,204[7] Berlina, cabriolet, familiare 2438 mm 126 km/h Il nuovo corpo vettura di Raymond Loewy, che si basava sulle Studebaker del 1955
Minx Series II 1957-58 1390 cm³, 4 cilindri, valvole in testa Berlina, cabriolet, familiare 2438 mm 126 km/h Minori cambiamenti della linea
Minx Series III 1958-59 1494 cm³, 4 cilindri, valvole in testa 83,105[7] Berlina, cabriolet, familiare 2438 mm 124 km/h Nuova griglia
Minx Series IIIA, B 1959-60, 60-61 1494 cm³, 4 cilindri, valvole in testa 78.052
e 58.260[7]
Berlina, cabriolet, familiare 2438 mm 130 km/h Ali sulla coda; asse posteriore con ipoide sulla IIIB
Minx Series IIIC 1961-63 1592 cm³, 4 cilindri, valvole in testa n/d Berlina, cabriolet, familiare 2438 mm 126 km/h Nessuna cabriolet dopo la metà del 1962
Super Minx Series I 1961-62 1592 cm³, 4 cilindri, valvole in testa n/d Berlina, cabriolet, familiare 2565 mm 132 km/h Passo lungo
Minx Series V 1963-65 1592 cm³, 4 cilindri, valvole in testa n/d Berlina 2438 mm 124 km/h Freni anteriori a disco
Super Minx Series II 1962-63 1592 cm³, 4 cilindri, valvole in testa n/d Berlina, cabriolet, familiare 2565 mm 132 km/h Freni anteriori a disco
Super Minx Series III 1964-65 1592 cm³, 4 cilindri, valvole in testa n/d Berlina 2565 mm 130 km/h Cambio sincronizzato su tutte le marce
Minx Series VI 1965-67 1725 cm³, 4 cilindri, valvole in testa n/d Berlina 2438 mm 132 km/h Cambio sincronizzato su tutte le marce
Super Minx Series IV 1964-65 1725 cm³, 4 cilindri, valvole in testa n/d Berlina 2565 mm 132 km/h
Hunter 1966-79 1725 cm³, 4 cilindri, valvole in testa 470.000[7] Berlina, familiare 2489 mm 140 km/h Forma delle "Arrow", overdrive come optional
New Minx 1967-70 1496 cm³, 4 cilindri, valvole in testa Berlina, familiare 2489 mm 134 km/h Basata sulla Hunter; motore da 1725 cm³ opzionale sulle familiari

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Michael Bowler, Moderation in all things. The philosophy of the Hillman Minx in Motor, 27 gennaio 1968, pp. pagg. 25-29 del supplemento dedicato ai proprietari di vetture Rootes.
  2. ^ (EN) Bart H Vanderveen, British Cars of the Late Thirties 1935 - 1939 (Olyslager Auto Library), Londra e New York, Frederick Warne, 1973. ISBN 0-7232-1712-2.
  3. ^ a b (EN) The Hillman Minx Road Test in The Motor, 1949.
  4. ^ (DE) Roger Gloor, Alle Autos der 50er Jahre 1945 - 1960, Stoccarda, Motorbuch Verlag, 2007. ISBN 978-3-613-02808-1.
  5. ^ (EN) The Hillman Minx Series III in The Motor, 1 ottobre 1958.
  6. ^ (EN) Culshaw, Horrobin, Complete Catalogue of British Cars, Londra, Macmillan, 1974. ISBN 0-333-16689-2.
  7. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Graham Robson, A to Z British cars 1945-1980, Devon, Regno Unito, Herridge, 2006. ISBN 0-9541063-9-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili