Hilarion Daza Groselle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hilarion Daza Groselle

Hilarion Daza Groselle (Sucre, 14 gennaio 1840Uyuni, 27 febbraio 1894) è stato un politico boliviano di origine italiana che divenne Presidente della Bolivia tra il 1876 ed il 1879[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Daza Groselle nacque a Sucre nel 1840 ed era discendente di italiani originari dal Piemonte[2].

Di carriera militare, anche se figlio di poveri emigrati con tenacia e capacità riuscì a primeggiare nella società boliviana. Infatti seppe guadagnarsi la stima dei superiori diventando generale in pochi anni, fino a tentare il colpo militare per diventare Presidente della Bolivia.

Daza Groselle prese il potere il 4 maggio 1876 in un colpo di Stato contro il presidente Tomás Frias Ametller. Ma per risanare il bilancio dello Stato in difficoltà, nel 1876 impose elevate tasse alle esportazioni di salnitro. Questo suscitò l'ira degli esportatori cileni, che controllavano la costa della Bolivia (allora affacciantesi sul Pacifico).

Il Cile vide questo atto di Daza Groselle come una violazione del contratto stabilito nei trattati di confine del 1874, e scatenò la Guerra del Pacifico nel febbraio 1879. I cileni vinsero l'alleanza boliviano-peruana ed occuparono il territorio di Antofagasta ed Atacama nel Pacifico (1879-1884): Bolivia perse così l'unico sbocco al mare che possedeva.

A causa della sconfitta militare Daza nel mese di dicembre 1879 ebbe il suo governo rovesciato dall'opposizione politico-militare in Bolivia e -anche a furor di popolo- andò in esilio per 14 anni in Francia (e pure in Italia brevemente).

Daza Groselle il 27 febbraio 1894 fu ucciso alla stazione di Uyuni, mentre ritornava in Bolivia per difendersi nel Congresso di La Paz da accuse ricevute dopo la sconfitta con il Cile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biografia di Daza Groselle-Grossoli (in spagnolo)
  2. ^ Hilarion Daza Groselle è nato nel 1840 a Sucre da genitori emigrati dal Piemonte. Il cognome originario era Grossoli (o Groselle), ma ha preferito prendere il cognome della madre, Daza

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guarnieri Carducci, Luigi. L'emigrazione italiana in Bolivia dall'Unita' alla fine del XX secolo: periodizzazione e caratteristiche. Università di Teramo. Teramo, 2003
  • Ravest Mora, Manuel. La compañía salitrera y la ocupación de Antofagasta 1878-1879. Editorial Andrés Bello. Santiago de Cile, 1983.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 21065785

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie