High Alpha Research Vehicle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
F-18 High Alpha Research Vehicle
Un F-18 HARV in volo.
Un F-18 HARV in volo.
Descrizione
Tipo aereo sperimentale
Equipaggio 1 pilota
Costruttore Stati Uniti McDonnell Douglas
Stati Uniti Northrop
Data entrata in servizio aprile 1987
Data ritiro dal servizio settembre 1996
Utilizzatore principale Stati Uniti NASA
Sviluppato dal F/A-18 Hornet
Note dati relativi alla versione:
F-18 HARV

[senza fonte]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'High Alpha Research Vehicle, era un velivolo basato sull' F/A-18 Hornet che venne impiegato dalla NASA nel corso del programma HARV, il cui fine era quello di sperimentare nuove tecnologie, quali ugelli direzionali, ed estensioni del profilo alare, di modo che fosse possibile pilotare in sicurezza anche un velivolo spinto ad operare ad elevati angoli d'attacco. Il programma, che incominciò nell'aprile del 1987, terminò nel settembre 1996.[1][2]

La NASA annunciò che, in una delle fasi del programma, i collaudatori del Dryden Flight Research Center Bill Dana ed Ed Schneider riuscirono a mantenere il velivolo in volo livellato anche ad angoli d'attacco prossimi ai 70 gradi (contro i 55 gradi raggiunti in precedenza) e si dimostrò come anche i tonneaux fossero praticabili in tutta sicurezza con angoli d'ampiezza pari a 65 gradi. Questi ultimi, senza le dovute modifiche, sarebbero risultati impossibili da effettuare già ad angoli prossimi ai 35 gradi.[3]

L'H.A.R.V. nei media[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dennis R. Jenkins, F/A-18 Hornet: A Navy Success Story, New York, McGraw-Hill, 2000, ISBN 0071346961.
  2. ^ F-18 High Alpha Research Vehicle (HARV) fact sheet, NASA/Dryden Flight Research Center.
  3. ^ NASA Past Projects: F-18 High Alpha Research Vehicle, NASA

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]