Herr Mannelig

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Herr Mannelig è il titolo di una famosa ballata svedese di epoca medioevale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La leggenda narra di una troll di montagna con il disperato desiderio di diventare umana: per far questo si getta in un insistente corteggiamento nei confronti di Sir Mannelig, un importante signore del luogo, pensando che una volta avuto in sposo si sarebbe trasformata in un essere umano. Nonostante la grande quantità di regali che la troll offre al Sir, questi non accetta la proposta di matrimonio, gettando la troll nello sconforto.

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Bittida en morgon innan solen upprann
Innan foglarna började sjunga
Bergatrollet friade till fager ungersven
Hon hade en falskeliger tunga
Herr Mannelig herr Mannelig trolofven i mig
För det jag bjuder så gerna
I kunnen väl svara endast ja eller nej
Om i viljen eller ej:
Eder vill jag gifva de gångare tolf
Som gå uti rosendelunde
Aldrig har det varit någon sadel uppå dem
Ej heller betsel uti munnen
Eder vill jag gifva de qvarnarna tolf
Som stå mellan Tillö och Ternö
Stenarna de äro af rödaste gull
Och hjulen silfverbeslagna
Eder vill jag gifva ett förgyllande svärd
Som klingar utaf femton guldringar
Och strida huru I strida vill
Stridsplatsen skolen i väl vinna
Eder vill jag gifva en skjorta så ny
Den bästa I lysten att slita
Inte är hon sömnad av nål eller trå
Men virkat av silket det hvita
Sådana gåfvor toge jag väl emot
Om du vore en kristelig qvinna
Men nu så är du det värsta bergatroll
Af Neckens och djävulens stämma
Bergatrollet ut på dörren sprang
Hon rister och jämrar sig svåra
Hade jag fått den fager ungersven
Så hade jag mistat min plåga
Herr Mannelig herr Mannelig trolofven i mig
För det jag bjuder så gerna
I kunnen väl svara endast ja eller nej
Om i viljen eller ej

Traduzione[modifica | modifica wikitesto]

Una mattina presto prima che il Sole sorgesse

e gli uccelli cantassero la loro dolce canzone

la troll di montagna con lingua falsa

ed ingannevole propose al signore:


Sir Mannelig, Sir Mannelig mi vorrai sposare

per tutto quello che io sarò lieta di offrirti?

Potrai rispondere solo sì o no,

farai così o no?


Ti darò dodici magnifici cavalli

che pascolano in un boschetto ombroso

non hanno mai avuto una sella sulle loro schiene

ne morso nelle loro bocche


Ti darò dodici bei mulini

che si trovano fra Tillo e Terno

le macine sono dell'ottone più rosso

e le ruote sono cariche d'argento


Ti darò una spada dorata

che tintinna come quindici anelli d'oro

in guerra potrai colpire come vorrai tu

e sul campo di battaglia sarai vincitore


Ti darò una camicia nuova

la più lussuosa da indossare

non è stata cucita con ago e filo

ma fatta all'uncinetto con la seta più bianca


Sarei molto lieto di ricevere regali come questi

se tu fossi una donna cristiana

ma io so che sei la peggiore troll di montagna

figlia degli spiriti maligni e del demonio


La troll di montagna corse fuori dalla porta

strillando e lamentandosi a gran voce:

"Se fossi riuscita a sposare quel bel signore

ora sarei libera da questo tormento"


Sir Mannelig, Sir Mannelig mi vorrai sposare

per tutto quello che io sarò lieta di offrirti?

Potrai rispondere solo sì o no,

farai così o no?

Reinterpretazioni moderne[modifica | modifica wikitesto]

Esistono molte versioni ed adattamenti di questa canzone ad oggi, maggior parte delle quali provengono da gruppi tedeschi o svedesi di rock-folk e symphonic metal come gli In Extremo, i Garmarna, gli Haggard o i Psalteria. Nel 2009 anche la band Electro/Mittelalter Heimatærde realizza una versione della ballata, in chiave elettronica. La versione degli In Extremo è presente nel videogioco Gothic, in cui il gruppo tiene un concerto virtuale.