Hermano da Silva Ramos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hermano da Silva Ramos
Dati biografici
Nome Hermano João da Silva Ramos
Nazionalità Brasile Brasile
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1955-1956
Scuderie Gordini
Miglior risultato finale 19º (1956)
GP disputati 7
Punti ottenuti 2
 

Hermano João da Silva Ramos (Parigi, 7 dicembre 1925) è un ex pilota di Formula 1 brasiliano.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Nato a Parigi da padre brasiliano e madre francese,[1] Hermano da Silva Ramos fece il proprio debutto nel mondo dell'automobilismo a 21 anni, in occasione del Gran Premio di Interlagos.[1] Il suo impegno divenne continuativo, però, solamente a partire dal 1953, quando cominciò a prendere parte a gare per vetture sport in Francia.[1] Nello stesso periodo ebbe modo di conoscere Harry Schell e, soprattutto, Alfonso De Portago, a cui fece nascere la passione delle corse e con cui strinse amicizia.[1]

Nel 1954, intanto, cominciò a cogliere i suoi primi risultati, tra cui un secondo posto alla Coupe de Paris e partecipò, in coppia con Jean-Paul Colas alla 24 Ore di Le Mans. L'anno seguente, a bordo di una Gordini 43, dopo aver preso parte ad alcune gare in Nord Africa, vinse una gara a Montlhéry e giunse quarto alla Bol d'or, dopo aver condotto per sei ore la corsa.[1]

Formula 1[modifica | modifica sorgente]

La sua prestazione colpì Amédée Gordini, che decise di assumerlo nella sua scuderia.[1] Ebbe quindi occasione di debuttare in Formula 1 al Gran Premio d'Olanda, che concluse all'ottavo posto. L'anno seguente ottenne poi i suoi unici punti mondiali, conquistando un quinto posto a Monaco.

I problemi economici che affliggevano la Gordini, però, fecero sì che nel 1957 partecipasse solamente a due gare fuori campionato,[1] dopodiché chiuse la sua carriera nella massima formula, se si escludono alcune partecipazioni, sempre a corse extra campionato nel 1959, per dedicarsi soprattutto a gare con vetture sport.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g (EN) Rémi Paolozzi, A Brazilian tune in Paris, 8W. URL consultato il 3 febbraio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]