Herbert Warnke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Herbert Warnke ritratto su un francobollo della DDR, 1982.

Herbert Warnke (Amburgo, 24 febbraio 1902Berlino Est, 26 marzo 1975) è stato un politico tedesco, presidente della Freier Deutscher Gewerkschaftsbund (FDGB) - federazione dei sindacati della Germania Est - e membro del Politburo del Comitato Centrale del SED nella RDT.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Tra il 1920 ed il 1924 fece apprendistato alla macchina rivettatrice. Iscrittosi nel 1923 al KPD - il Kommunistische Partei Deutschlands o Partito Comunista di Germania - fece parte dal 1924 al 1928 della Deutscher Metallarbeiter-Verband, la confederazione dei metalmeccanici. Nel biennio 1929-1930 fu presidente del comitato aziendale della Blohm & Voss di Amburgo, quindi segretario del Comitato di Distretto della Revolutionäre Gewerkschafts-Opposition a Brema, segretario per le questioni sindacali nel distretto di Weser-Ems.

Nel biennio 1932-1933 fu infine membro del Reichstag. Tra il 1933 ed il 1935 fu segretario per il commercio della Profintern nella Saarbrücken e a Parigi e fino al 1938 membro della Sezione Nord del KPD a Copenaghen. Dal 1939 al 1943 fu internato in Svezia in stato di detenzione, dopo che esser stato anche editore della rivista Der Weg ins Leben (La strada verso la vita).

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Ordine di Karl Marx - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Karl Marx
— 1962
Herbert Warnke (a destra) consegna allo scrittore Erik Neutsch il Premio d'Arte della FDGB, 1974.
Premio Lenin per la Pace - nastrino per uniforme ordinaria Premio Lenin per la Pace
— Mosca, 1966

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Heinz Deutschland, Alfred Förster e Ernst Egon Lange: Vertrauensmann seiner Klasse – Herbert Warnke. Eine biographische Skizze. 2ª edizione, Verlag Tribüne, Berlino, 1983.
  • Hermann Weber e Andreas Herbst: Deutsche Kommunisten. Biographisches Handbuch 1918 bis 1945. Karl Dietz Verlag, Berlino, 2004, ISBN 3-320-02044-7, pagg.841–842.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 32789643 LCCN: n83069031