Herbert Prohaska

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Herbert Prohaska
Herbert Prohaska.jpg
Dati biografici
Nazionalità Austria Austria
Altezza 181 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1989 - giocatore
2000 - allenatore
Carriera
Giovanili
 ????
1970-1972
Flag of None.svg Vorwärts XI
Ostbahn XI Ostbahn XI
Squadre di club1
1972-1980 Austria Vienna Austria Vienna 260 (62)
1980-1982 Inter Inter 56 (8)
1982-1983 Roma Roma 26 (3)
1983-1989 Austria Vienna Austria Vienna 185 (34)
Nazionale
1974-1989 Austria Austria 83 (10)
Carriera da allenatore
1990-1992 Austria Vienna Austria Vienna
1992-1993 Austria Austria U-21
1993-1999 Austria Austria
1999-2000 Austria Vienna Austria Vienna
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 23 novembre 2012

Herbert Prohaska (Vienna, 8 agosto 1955) è un allenatore di calcio ed ex calciatore austriaco, di ruolo centrocampista, attuale commentatore televisivo e collaboratore sportivo del quotidiano Kronen Zeitung.

Il celebre soprannome di Prohaska è Schneckerl. Ciò è dovuto al nome della pettinatura che era solito portare da giovane, capelli lunghi mossi, appunto Schneckerl in dialetto viennese[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Prohaska è sposato con Elisabeth ed è padre di due figlie, Barbara e Birgit[2][3].

Nel romanzo Alles klappt nie ("Non funziona mai tutto") (2005), di Martin Amanshauser, ambientato nel 2020, una delle figure centrali è un allenatore ex-calciatore chiamato Prohaska, ed il cui nome non viene specificato, in rotta di collisione con il suo ex-presidente Stronach. Nella realtà, Frank Stronach fu presidente dell'Austria Vienna durante il secondo mandato da allenatore di Prohaska[4].

Nel 2012 il gruppo musicale SkaBucks, di Linz, gli ha dedicata una canzone, Kick It Like Prohaska[5], contenuta nell'album che verrà pubblicato il 15 dicembre 2012[6].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Centrocampista di ruolo, autodefinitosi "onesto", Prohaska giocò a zona nell'Austria Vienna, mentre all'Inter fu impiegato come marcatore a uomo[2].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Gli esordi nell'Austria Vienna[modifica | modifica sorgente]

Prohaska cominciò la sua carriera professionistica nel 1972 all'Austria Vienna, che lo prelevò dai dilettanti dell'Ostbahn XI. Vestì per la prima volta la maglia violette il 30 luglio 1972, in un'amichevole contro il Wiener AC, nella quale segnò anche il suo primo gol[7]. Nella sua prima stagione giocò 27 partite in campionato, 4 in ÖFB-Cup ed esordì in Coppa UEFA, nella gara di ritorno del primo turno contro i bulgari del Beroe, gara persa 1-3. Già l'anno seguente vinse il suo primo trofeo con l'Austria, la coppa nazionale: nella finale di ritorno contro l'Austria Salisburgo, il 12 giugno a Salisburgo, fu proprio un suo gol all'84º minuto a consentire ai violette di vincere il trofeo, pareggiando la rete del salisburgese Hala, stante il 2-1 dell'andata a Vienna. Anche in quell'occasione il gol decisivo era stato segnato da Prohaska, all'85'[8].

Nello stesso anno esordì in Nazionale maggiore, il 13 novembre a Istanbul contro la Turchia[9]. Sempre nella stagione 1973-1974, mise a segno un curioso record di gol: 28 reti in 20 partite amichevoli.

Prohaska nel suo periodo all'Inter

La stagione 1974-1975 fu conclusa al 4º posto in campionato, ma le sue 9 reti in 34 presenze, oltre a prestazioni generalmente positive, gli valsero il titolo di calciatore austriaco dell'anno. Nel 1975-1976 vinse il suo primo titolo nazionale, dando un contributo di 9 reti in 33 presenze. Nella stagione successiva arrivò la seconda coppa d'Austria della sua carriera, e anche in questo caso Prohaska lasciò personalmente il sigillo sulla gara, segnando il gol del 2-0 nella gara di ritorno, poi vinta 3-0 (1-0 all'andata) contro il Wiener SC[10]. Ma la stagione 1977-1978 fu quella della ribalta internazionale, Prohaska infatti non solo aiutò la Nazionale austriaca a qualificarsi per i Mondiali d'Argentina, ma raggiunse la finale di Coppa delle Coppe, persa poi contro l'Anderlecht per 0-4. Era la prima volta che una squadra austriaca giocava la finale in una competizione UEFA. Contemporaneamente, l'Austria Vienna si aggiudicò il campionato nazionale[11], primo di tre consecutivi.

Nel 1979-1980 vinse entrambe le competizioni nazionali, centrando il double[12], ed attirando così l'attenzione di club stranieri.

L'approdo in Italia[modifica | modifica sorgente]

La F.I.G.C. aveva deciso la riapertura delle frontiere, bloccate dal 1966, e dall'estate del 1980 fu di nuovo possibile tesserare giocatori provenienti da un'altra federazione. Herbert Prohaska fu il primo di questi giocatori stranieri[13], venne infatti ingaggiato dall'Inter allenata da Eugenio Bersellini, campione d'Italia in carica. Coi nerazzurri rimase per due stagioni, collezionando 28 presenze in Serie A, 4 in Coppa Italia e 8 in Coppa dei Campioni nel 1980-1981, anno in cui disputò le semifinali della coppa continentale; e nuovamente 28 in campionato, 9 in Coppa Italia e 4 in Coppa UEFA l'anno successivo. In campo il 20 maggio 1982 a Torino contro i granata nella finale di ritorno di Coppa Italia, vinse il trofeo nella sua ultima presenza nerazzurra[14]. Dopo il Mondiale spagnolo rimase in Italia, trasferendosi - non senza polemiche - alla Roma. Prohaska si sentì tradito dall'Inter, mentre i tifosi giallorossi lo consideravano il ripiego di Boniek[2]. Nonostante ciò, nel corso della stagione il suo apporto si rivelò fondamentale per la conquista dello scudetto, facendo ricredere gli scettici. Fu la sua ultima stagione italiana, a dispetto dei due anni di contratto, nell'estate del 1983 tornò così in patria, all'Austria Vienna.

Gli ultimi anni di carriera[modifica | modifica sorgente]

Nel 1983-1984 vinse il campionato coi violette, impresa replicata nei due anni seguenti. Nel 1985 fu premiato come calciatore austriaco dell'anno per la seconda volta in carriera, e l'anno seguente ottenne il double, sconfiggendo in un'incerta finale di coppa il Rapid ai tiri di rigore (6-4)[15]. Furono quelli i suoi ultimi successi da giocatore, rimase all'Austria Vienna fino al 1988-1989 giocando sempre titolare in campionato, e si ritirò al termine di quella stagione. La sua ultima partita fu contro il Grazer AK, il 9 giugno 1989, una vittoria per 5-0.

Il suo totale all'Austria Vienna è di 585 presenze e 133 reti in partite ufficiali, 787 e 263 contando anche le amichevoli.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Prohaska giocò regolarmente con la nazionale austriaca per 15 anni. Dall'esordio contro la Turchia nel 1974 all'addio contro l'Islanda nel 1989, vestì 83 volte la maglia bianco-nera, segnando 10 reti e prendendo parte a due rassegne iridate, Argentina 1978 e Spagna 1982.

Divenne un eroe dopo aver segnato il gol della qualificazione ai Mondiali del 1978, a Smirne contro la Turchia, e nella fase finale fu presente in tutte le 6 partite, inclusa la partita contro la Germania vinta per 3-2. Dopo aver fallito la qualificazione a Euro 1980, ottenne invece quella per i successivi Mondiali, dove ancora una volta giocò tutte le partite (5), arrivando al secondo turno. In Spagna, come molti altri giocatori della sua Nazionale, accusò un calo di forma, dovuto alle preoccupazioni per la carriera nei club, nel suo caso la polemica con la dirigenza dell'Inter[2].

Assente a Euro '84 e anche ai Mondiali del 1986, Prohaska giocò anche tre partite nelle qualificazioni per i Mondiali del 1990, aiutando l'Austria a raggiungere la fase finale, che tuttavia non giocò per via del suo ritiro.

Il totale delle sue presenze e reti in nazionale è talvolta indicato come 84 e 12 rispettivamente, questo è dovuto ad una partita contro il Liechtenstein giocata nel 1984 e non considerata ufficiale da FIFA e ÖFB[16].

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Poco dopo il ritiro cominciò a lavorare come direttore sportivo dell'Austria Vienna, divendone quindi allenatore il 28 marzo 1990.

Come già da giocatore, il suo rapporto col club violette fu vincente: vinse la ÖFB-Cup alla sua prima stagione, il campionato alla seconda, ed il double (il terzo della sua carriera) nel 1991-1992. Vinse anche due ÖFB-Supercup[17].

Lasciò l'incarico il 9 giugno 1992, per allenare la Nazionale Under-21, dalla quale nel 1993 fu promosso alla Nazionale maggiore. Fu commissario tecnico della federazione per sei anni, durante i quali portò l'Austria, vincendo il girone di qualificazione, ai Mondiali in Francia, ed al miglior piazzamento di sempre nella classifica FIFA, col 17º posto del maggio 1999. Sempre nel 1999 si dimise, dopo una débâcle per 9-0 contro la Spagna nelle qualificazioni a Euro 2000. Il suo bilancio sulla panchina austriaca è di 25 vittorie, 9 pareggi e 17 sconfitte in 51 partite, con 96 gol fatti e 73 subiti[3].

Dal 30 maggio 1999 al 3 maggio 2000 divenne nuovamente allenatore dell'Austria Vienna, prima del suo definitivo ritiro.

Dopo il ritiro[modifica | modifica sorgente]

Svolse il primo incarico ufficiale in federazione nel giugno 1990, quando fu "ambasciatore" della ÖFB ai Mondiali in Italia[3]

Il 15 luglio 2001 scese in campo nuovamente con la maglia dell'Austria Vienna, contro il Bayern Monaco, nell'amichevole organizzata per i 90 anni del club[18]. Subentrato a Michael Wagner, Prohaska dichiarò che non avendo potuto festeggiare con una partita d'addio il suo ritiro nel 1989, lo faceva 12 anni dopo.

Nel novembre 2003, durante i festeggiamenti per il 50º anniversario della UEFA, fu nominato Golden Player dalla federazione calcistica del suo Paese come più forte giocatore austriaco degli ultimi 50 anni[19]. Nello stesso anno ricevette la medaglia d'oro dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca, dopo che nel 1997 aveva ricevuto quella d'argento. È stato insignito anche della medaglia d'oro dell'Ordine al Merito della Bassa Austria (2005) e della medaglia d'argento dell'Ordine al Merito di Vienna (2008)[20].

Nel 2004 fu votato "calciatore austriaco del secolo"[3], nel corso delle celebrazioni per il centenario della federazione. Prohaska stesso ha dichiarato però di non sentirsi affatto il migliore di sempre[21].

Attualmente lavora come commentatore tecnico nelle telecronache delle partite di calcio per l'emittente nazionale austriaca, la ORF, e come collaboratore del quotidiano Kronen Zeitung. Per la ORF ha realizzato, nella primavera del 2010, uno show televisivo, Das Match, in cui compare, opposto all'ex-rivale e compagno in Nazionale Hans Krankl, nelle vesti di allenatore di una squadra improvvisata[22].

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1972-1973 Austria Austria Vienna Nationalliga 27 7 CA 4 1 CU 1 0 32 8
1973-1974 Nationalliga 32 6 CA 8 3 - - - 40 14
1974-1975 Bundesliga 34 9 CA 1 0 CdC 3 0 38 9
1975-1976 1. Division 33 9 CA 1 1 CM 3 0 37 10
1976-1977 1. Division 36 8 CA 6 3 CC 2 0 44 11
1977-1978 1. Division 36 7 CA 4 2 CdC 7 0 47 9
1978-1979 1. Division 28 7 CA 1 0 CC 8 0 37 7
1979-1980 1. Division 34 9 CA 6 0 CC 2 0 42 9
Totale Austria Vienna 260 62 31 10 26 0 317 72
1980-1981 Italia Inter Serie A 28 5 CI 4 0 CC 8 1 40 6
1981-1982 Serie A 28 3 CI 9 1 CU 4 1 41 5
Totale Inter 56 8 13 1 12 2 81 11
1982-1983 Italia Roma Serie A 26 3 CI 8 2 CU 8 0 42 5
1983-1984 Austria Austria Vienna 1. Division 28 5 CA 8 6 CU 8 5 44 16
1984-1985 1. Division 31 11 CA 7 2 CC 6 3 44 16
1985-1986 1. Division 34 4 CA 5 4 CC 4 0 43 8
1986-1987 1. Division 36 3 CA + SC 4 1 CC 4 0 44 4
1987-1988 1. Division 34 5 CA 3 2 CU 2 0 39 7
1988-1989 1. Division 36 6 CA 4 1 CU 4 1 44 8
Totale Austria Vienna 199 34 31 16 28 9 250 59
Totale carriera 541 107 83 29 74 11 698 147

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Austria Austria
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
13/11/1974 Istanbul Turchia Turchia 0 – 1 Austria Austria Amichevole -
16/03/1975 Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo 1 – 2 Austria Austria Qual. Euro 1976 -
02/04/1975 Vienna Austria Austria 0 – 0 Ungheria Ungheria Qual. Euro 1976 -
07/06/1975 Vienna Austria Austria 0 – 0 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Amichevole -
03/09/1975 Vienna Austria Austria 0 – 2 Germania Germania Amichevole -
24/09/1975 Budapest Ungheria Ungheria 2 – 1 Austria Austria Qual. Euro 1976 -
15/10/1975 Vienna Austria Austria 6 – 2 Lussemburgo Lussemburgo Qual. Euro 1976 1
19/11/1975 Wrexham Galles Galles 1 – 0 Austria Austria Qual. Euro 1976 -
12/06/1976 Budapest Ungheria Ungheria 2 – 0 Austria Austria Amichevole -
23/06/1976 Vienna Austria Austria 1 – 2 URSS URSS Amichevole -
22/09/1976 Linz Austria Austria 3 – 1 Svezia Svezia Amichevole -
13/10/1976 Vienna Austria Austria 2 – 4 Ungheria Ungheria Amichevole -
10/11/1976 Kavala Grecia Grecia 0 – 3 Austria Austria Amichevole -
05/12/1976 Gzira Malta Malta 0 – 1 Austria Austria Qual. Mondiali 1978 -
15/12/1976 Tel Aviv Israele Israele 1 – 3 Austria Austria Amichevole 1
09/03/1977 Vienna Austria Austria 2 – 0 Grecia Grecia Amichevole -
17/04/1977 Vienna Austria Austria 1 – 0 Turchia Turchia Qual. Mondiali 1978 -
30/04/1977 Salisburgo Austria Austria 9 – 0 Malta Malta Qual. Mondiali 1978 -
01/06/1977 Ostrava Cecoslovacchia Cecoslovacchia 0 – 0 Austria Austria Amichevole -
24/08/1977 Vienna Austria Austria 2 – 1 Polonia Polonia Amichevole -
24/09/1977 Vienna Austria Austria 1 – 1 Germania Est Germania Est Qual. Mondiali 1978 -
12/10/1977 Lipsia Germania Est Germania Est 1 – 1 Austria Austria Qual. Mondiali 1978 -
30/10/1977 Smirne Turchia Turchia 0 – 1 Austria Austria Qual. Mondiali 1978 1
15/02/1978 Atene Grecia Grecia 1 – 1 Austria Austria Amichevole -
22/03/1978 Charleroi Belgio Belgio 1 – 0 Austria Austria Amichevole -
04/04/1978 Basilea Svizzera Svizzera 0 – 1 Austria Austria Amichevole -
20/05/1978 Vienna Austria Austria 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
03/06/1978 Buenos Aires Austria Austria 2 – 1 Spagna Spagna Mondiali 1978 - 1º Turno -
07/06/1978 Buenos Aires Austria Austria 1 – 0 Svezia Svezia Mondiali 1978 - 1º Turno -
11/06/1978 Mar del Plata Brasile Brasile 1 – 0 Austria Austria Mondiali 1978 - 1º Turno -
14/06/1978 Córdoba Paesi Bassi Paesi Bassi 5 – 1 Austria Austria Mondiali 1978 - 2º Turno -
18/06/1978 Buenos Aires Italia Italia 1 – 0 Austria Austria Mondiali 1978 - 2º Turno -
21/06/1978 Córdoba Austria Austria 3 – 2 Germania Germania Mondiali 1978 - 2º Turno -
30/08/1978 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 2 Austria Austria Qual. Euro 1980 -
20/09/1978 Vienna Austria Austria 3 – 2 Scozia Scozia Qual. Euro 1980 -
15/11/1978 Vienna Austria Austria 1 – 2 Portogallo Portogallo Qual. Euro 1980 -
30/01/1979 Tel Aviv Israele Israele 0 – 1 Austria Austria Amichevole -
02/05/1979 Vienna Austria Austria 0 – 0 Belgio Belgio Qual. Euro 1980 -
13/06/1979 Vienna Austria Austria 4 – 3 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
29/08/1979 Vienna Austria Austria 4 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Euro 1980 1
26/09/1979 Vienna Austria Austria 3 – 1 Ungheria Ungheria Amichevole 1
17/10/1979 Glasgow Scozia Scozia 1 – 1 Austria Austria Qual. Euro 1980 -
21/11/1979 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 2 Austria Austria Qual. Euro 1980 -
02/04/1980 Monaco di Baviera Germania Germania 1 – 0 Austria Austria Amichevole -
21/05/1980 Vienna Austria Austria 1 – 5 Argentina Argentina Amichevole -
04/06/1980 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 1 Austria Austria Amichevole -
24/09/1980 Helsinki Finlandia Finlandia 0 – 2 Austria Austria Qual. Mondiali 1982 -
08/10/1980 Vienna Austria Austria 3 – 1 Ungheria Ungheria Amichevole -
15/11/1980 Vienna Austria Austria 5 – 0 Albania Albania Qual. Mondiali 1982 -
06/12/1980 Tirana Albania Albania 0 – 1 Austria Austria Qual. Mondiali 1982 -
29/04/1981 Amburgo Germania Germania 2 – 0 Austria Austria Qual. Mondiali 1982 -
28/05/1981 Vienna Austria Austria 2 – 0 Bulgaria Bulgaria Qual. Mondiali 1982 -
17/06/1981 Linz Austria Austria 5 – 1 Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 1982 2
14/10/1981 Vienna Austria Austria 1 – 3 Germania Germania Qual. Mondiali 1982 -
11/11/1981 Sofia Bulgaria Bulgaria 0 – 0 Austria Austria Qual. Mondiali 1982 -
24/03/1982 Budapest Ungheria Ungheria 2 – 3 Austria Austria Amichevole -
28/04/1982 Vienna Austria Austria 2 – 1 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Amichevole -
17/06/1982 Oviedo Austria Austria 1 – 0 Cile Cile Mondiali 1982 - 1º Turno -
21/06/1982 Oviedo Austria Austria 2 – 0 Algeria Algeria Mondiali 1982 - 1º Turno -
25/06/1982 Gijón Germania Germania 1 – 0 Austria Austria Mondiali 1982 - 1º Turno -
28/06/1982 Madrid Francia Francia 1 – 0 Austria Austria Mondiali 1982 - 2º Turno -
01/07/1982 Madrid Austria Austria 2 – 2 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Mondiali 1982 - 2º Turno -
22/09/1982 Vienna Austria Austria 5 – 0 Albania Albania Qual. Euro 1984 -
13/10/1982 Vienna Austria Austria 2 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Qual. Euro 1984 -
17/11/1982 Vienna Austria Austria 4 – 0 Turchia Turchia Qual. Euro 1984 1
27/04/1983 Vienna Austria Austria 0 – 0 Germania Germania Qual. Euro 1984 -
08/06/1983 Tirana Albania Albania 1 – 2 Austria Austria Qual. Euro 1984 -
21/09/1983 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 3 – 1 Austria Austria Qual. Euro 1984 -
05/10/1983 Gelsenkirchen Germania Germania 3 – 0 Austria Austria Qual. Euro 1984 -
28/03/1984 Bordeaux Francia Francia 1 – 0 Austria Austria Amichevole -
18/04/1984 Vienna Austria Austria 0 – 0 Grecia Grecia Amichevole -
02/05/1984 Nicosia Cipro Cipro 1 – 2 Austria Austria Qual. Mondiali 1986 1
07/06/1984 Vaduz Liechtenstein Liechtenstein 0 – 6 Austria Austria Amichevole non ufficiale 2
12/09/1984 Copenaghen Danimarca Danimarca 3 – 1 Austria Austria Amichevole -
26/09/1984 Budapest Ungheria Ungheria 3 – 1 Austria Austria Qual. Mondiali 1986 -
14/11/1984 Vienna Austria Austria 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1986 -
27/03/1985 Tbilisi URSS URSS 2 – 0 Austria Austria Amichevole -
17/04/1985 Vienna Austria Austria 0 – 3 Ungheria Ungheria Qual. Mondiali 1986 -
01/05/1985 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Austria Austria Qual. Mondiali 1986 -
07/05/1985 Graz Austria Austria 4 – 0 Cipro Cipro Qual. Mondiali 1986 -
02/11/1988 Vienna Austria Austria 3 – 2 Turchia Turchia Qual. Mondiali 1990 -
25/03/1989 Vienna Austria Austria 0 – 1 Italia Italia Amichevole -
20/05/1989 Lipsia Germania Est Germania Est 1 – 1 Austria Austria Qual. Mondiali 1990 -
14/06/1989 Reykjavík Islanda Islanda 0 – 0 Austria Austria Qual. Mondiali 1990 -
Totale Presenze 84 Reti 12

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]
Austria Vienna: 1973-1974, 1976-1977, 1979-1980, 1985-1986
Austria Vienna: 1975-1976, 1977-1978, 1978-1979, 1979-1980, 1983-1984, 1984-1985, 1985-1986
Austria Vienna: 1977, 1979, 1980, 1984, 1985, 1986
Inter: 1981-1982
Roma: 1982-1983

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1984, 1985, 1988
1976, 1977, 1979, 1980, 1984, 1985, 1986, 1987, 1988, 1989
  • Calciatore austriaco del secolo:
2004
2004

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]
Austria Vienna: 1990-1991, 1991-1992
Austria Vienna: 1989-1990, 1991-1992
Austria Vienna: 1990, 1991

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Wolfgang Winheim, Zwischen Simmering und San Siro - Herbert Prohaska, Vienna, Schmid Verlag, 1984.
  • Toni Huemer, Mein Leben - Herbert Prohaska, Vienna, Carl Ueberreuter Verlag, 2005.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (DE) Buchvorstellung mit Herbert Prohaska, wien-konkret.at. URL consultato il 02-09-2010.
  2. ^ a b c d Marco Morelli, Intervista al Guerin Sportivo, parte 2, asromaultras.it. URL consultato il 02-09-2010.
  3. ^ a b c d (DE) Fact Sheet Herbert Prohaska, oesterreich-am-ball.at. URL consultato il 02-09-2010.
  4. ^ (DE) Deutschen Nationalbibliothek, Katalog der Deutschen Nationalbibliothek. URL consultato il 02-09-2010.
  5. ^ (DE) SkaBucks - Kick it like Prohaska, 90minuten.at, 20 novembre 2012. URL consultato il 23 novembre 2012.
  6. ^ (DE) Kick It Like Prohaska, skabucks.com. URL consultato il 23 novembre 2012.
  7. ^ (DE) Austria-Archiv - Alle Spiele der Saison 1972/73, austria-archiv.at. URL consultato il 02-09-2010.
  8. ^ (DE) Austria-Archiv - Alle Spiele der Saison 1973/74, austria-archiv.at. URL consultato il 02-09-2010.
  9. ^ TÜRKEI - ÖSTERREICH 0:1 (0:1) - austriasoccer.at. URL consultato il 02-09-2010.
  10. ^ (DE) Austria-Archiv - Alle Spiele der Saison 1976/77, austria-archiv.at. URL consultato il 02-09-2010.
  11. ^ (DE) Austria-Archiv - Alle Spiele der Saison 1977/78, austria-archiv.at. URL consultato il 02-09-2010.
  12. ^ (DE) Austria-Archiv - Alle Spiele der Saison 1979/80, austria-archiv.at. URL consultato il 02-09-2010.
  13. ^ GS storie, I grandi stranieri - trent'anni di frontiere riaperte, n° 3, agosto 2010, p. 4.
  14. ^ archivio.inter.it - Herbert Prohaska, archivio.inter.it. URL consultato il 02-09-2010.
  15. ^ (DE) Austria-Archiv - Saison 1985/86 - ÖFB Cup - Finale, austria-archiv.at. URL consultato il 02-09-2010.
  16. ^ STATISTIK ÖSTERREICHISCHER LÄNDERSPIELE - austriasoccer.at. URL consultato il 02-09-2010.
  17. ^ (DE) Austria-Archiv.at - Herbert Prohaska als Betreuer, austria-archiv.at. URL consultato il 02-09-2010.
  18. ^ (DE) Austria Wien - Bayern München, FC 1:2 (1:1), austria-archiv.at. URL consultato il 02-09-2010.
  19. ^ (EN) RSSSF, The UEFA Jubilee 52 Golden Players, rsssf.com. URL consultato il 02-09-2010.
  20. ^ Ehrungen für Herbert Prohaska und Peter Kleinmann. URL consultato il 02-09-2010.
  21. ^ (DE) Tim Jürgens, Cordoba-Veteran Prohaska: „Unser Wunder“, tagesspiegel.de. URL consultato il 02-09-2010.
  22. ^ (DE) "Das Match": Hans Krankl vs. Herbert Prohaska, vienna.at. URL consultato il 02-09-2010.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 44114372 LCCN: no2008102760